Entra in contatto con noi
Puffy

Come consumano il CBD gli europei? 7 tendenze chiave in Europa

Pubblicato

su

Tendenze del consumo di CBD in Europa
Seguici su Facebook
PUBLICITE

Un nuovo rapporto offre un quadro incoraggiante del panorama CBD attuale e futuro in Europa. Analizziamo come, quando e perché (o perché no) le persone consumano prodotti a base di CBD.

I prodotti a base di CBD spuntano ovunque, dal negozio di alimentari all’angolo alla farmacia di quartiere. I potenziali benefici del CBD sono ben noti, ma quante persone lo incorporano effettivamente nella loro vita quotidiana? C’è un crescente appetito per il CBD man mano che la cannabis (e gli atteggiamenti che la circondano) diventano sempre più liberi?

Un recente rapporto sul mercato del CBD in Europa e nel Regno Unito rivela che il CBD è oggi uno dei prodotti per il benessere più popolari in Europa.

Il rapporto European CBD report, pubblicato dagli analisti del settore Prohibition Partners, stima che nel 2022 saranno venduti in Europa prodotti a base di CBD per un valore di poco inferiore a 1,7 miliardi di euro. Si prevede che questa cifra salga a poco meno di 2,6 miliardi di euro entro il 2026.

PUBLICITE

Cosa spiega il successo del CBD?

Gli autori del rapporto attribuiscono il successo del CBD a:

  • La percentuale crescente di persone che dichiarano di consumare prodotti a base di CBD
  • La ricomparsa dei prodotti a base di CBD sugli scaffali europei in seguito alla sentenza della Corte di giustizia dell’Unione europea (CGUE)
  • La continua vendita di prodotti alimentari e bevande in condizioni legalmente “grigie”, così come l’aumento previsto verso la fine del 2023, quando i nuovi prodotti a base di CBD pienamente approvati saranno commercializzabili
  • Per quanto riguarda il consumo di CBD in Europa, l’11% dei 5.234 intervistati ha consumato un prodotto a base di CBD negli ultimi 12 mesi e il 4% dichiara di aver consumato CBD in qualche momento della propria vita (ma non negli ultimi 12 mesi per una serie di motivi che vengono discussi in dettaglio nel rapporto)

La consapevolezza del CBD in Europa è elevata, con poco più della metà degli intervistati che ha almeno sentito parlare di prodotti a base di CBD. Ciò è probabilmente dovuto alla maggiore consapevolezza della sicurezza e dell’efficacia del CBD, alla sua inclusione nei portafogli di beni di largo consumo (FMCG) e alla crescente diffusione dei prodotti a base di CBD tra i rivenditori tradizionali.

Approfondite i dati qui di seguito ed esplorate le sette tendenze principali del consumo di CBD contenute nel rapporto.

Quale paese in Europa è leader nel consumo di CBD?

La più alta prevalenza di consumo di CBD nell’ultimo anno è stata riscontrata in Polonia, dove quasi il 15% degli intervistati ha dichiarato di aver consumato un prodotto a base di CBD nell’ultimo anno. Ciò è coerente con lo sviluppo della Polonia come centro di produzione e distribuzione di prodotti a base di CBD.

PUBLICITE
Consumo di CBD in Europa

Consumo di CBD in Europa

L’Italia ha registrato la percentuale più bassa di consumo di CBD nell’ultimo anno, pari all’8%, ma questo potrebbe essere dovuto al fatto che il CBD è comunemente conosciuto in Italia come “cannabis light” e alcuni consumatori potrebbero non riconoscerlo come prodotto a base di CBD. Questi risultati confermano che il CBD è oggi un prodotto di consumo comunemente acquistato nella maggior parte dei Paesi europei, nonostante la mancanza di regolamentazione e applicazione.

Quante volte alla settimana le persone consumano CBD?

Mentre l’11% degli intervistati ha dichiarato di aver usato un prodotto a base di CBD nell’ultimo anno, circa il 35% dei consumatori di CBD ha classificato il proprio uso negli ultimi 12 mesi come infrequente o occasionale, cioè meno di una volta al mese.

Consumo di CBD in Europa

Frequenza del consumo di CBD in Europa

Questa cifra riflette il numero di persone nel continente che sono almeno curiose di conoscere i prodotti CBD e sono disposte a provarli o usarli per brevi periodi durante l’anno.

Circa il 39% dei consumatori ha dichiarato di utilizzare il CBD una o più volte alla settimana. Questa rappresenta una parte della popolazione che ha incorporato i prodotti a base di CBD nella propria vita quotidiana, spesso come parte della propria routine di benessere.

Quanto sono vecchi i consumatori di CBD in Europa?

In generale, il CBD viene consumato più comunemente dalle giovani generazioni che da quelle di età superiore ai 50 anni. Questo è normale per i nuovi settori, dove i consumatori più giovani sono più aperti a provare nuovi prodotti, mentre le generazioni più anziane possono impiegare più tempo per adottarli.

Età dei consumatori di CBD in Europa

Età dei consumatori di CBD in Europa

In Europa, un intervistato di età compresa tra i 18 e i 24 anni ha circa il doppio delle probabilità di dichiarare di aver fatto uso di CBD nell’ultimo anno rispetto a un intervistato di età compresa tra i 50 e i 60 anni. Inoltre, la percentuale di persone che hanno sentito parlare di CBD è molto più alta nelle generazioni più giovani, dove le nuove tendenze si diffondono più rapidamente, soprattutto quelle legate al benessere.

La prevalenza di persone che non hanno mai sentito parlare di CBD ha raggiunto il picco nella fascia di età compresa tra i 51 e i 55 anni, mentre i giovani tra i 18 e i 24 anni sono risultati i più “consapevoli” di questi prodotti.

Come si consuma il CBD?

Prohibition Partners ha intervistato 955 consumatori di CBD sulle loro abitudini di acquisto per capire lo stato attuale del mercato.

Nel complesso, è chiaro che gli oli e le tinture di CBD rimangono il formato di prodotto più popolare, con oltre il 56% dei consumatori di CBD che lo scorso anno ha dichiarato di consumarli entrambi. Questo ha senso in quanto gli oli sono un formato di prodotto familiare nella categoria del benessere. Gli oli sono anche facili da dosare e sono comunemente disponibili in tutta Europa, in parte come integratori “grigi” legali, ma anche come cosmetici, che possono essere consumati per via topica e in alcuni casi ingeriti come il normale olio di CBD.

I fiori di canapa sono attualmente il secondo metodo più comune di consumo di prodotti a base di CBD nel continente, superando rispettivamente i formati di alimenti e bevande. Come discusso in precedenza, i fiori di CBD sono regolamentati in modo molto diverso nei vari Paesi. In alcuni Paesi, come il Regno Unito, i fiori di CBD non sono teoricamente commercializzabili, soprattutto non come sostituto del tabacco, mentre in Italia e in Spagna le normative più liberali hanno permesso al mercato della “cannabis light” di prosperare.

Il consumo di diversi prodotti a base di CBD varia notevolmente tra i gruppi di età. La suddivisione può essere generalmente tracciata in base ai formati di prodotti familiari, come oli, capsule e pillole, più spesso consumati dai gruppi più anziani, e ai nuovi formati di prodotti presenti sugli scaffali europei, come prodotti a base di erbe, fiori, sigarette elettroniche e vapes, utilizzati dai gruppi più giovani.

La situazione dovrebbe stabilizzarsi nei prossimi anni. Man mano che i fiori di CBD diventano un formato di prodotto più accettato dai consumatori e che le autorità di regolamentazione diventano più brave a distinguere i prodotti legali da quelli illeciti, un numero maggiore di negozi inizierà a commercializzarli. Anche i nuovi formati inalatori di fiori e vapes dovrebbero essere adeguatamente regolamentati nei prossimi aggiornamenti delle normative sul tabacco in Europa.

Perché gli europei non usano il CBD

Agli intervistati che hanno dichiarato di aver sentito parlare del CBD, ma di non averlo usato negli ultimi 12 mesi, sono state chieste le ragioni del mancato utilizzo. Secondo il rapporto, il motivo principale per cui le persone non consumano prodotti a base di CBD è la mancanza di fiducia nel fatto che gli effetti benefici, ampiamente riportati dai media e dal marketing del CBD, non funzionino per loro. Questo può essere vero in molti casi.

Tuttavia, ci sono fattori che possono disinformare i consumatori, come la mancanza di consapevolezza del dosaggio, ad esempio quando i consumatori provano quantità molto ridotte o provano per un tempo insufficiente prima di rinunciare a causa della mancanza di effetti benefici.

Il prezzo è il secondo motivo più comune per cui i consumatori non utilizzano i prodotti a base di CBD. Con l’arrivo di nuovi prodotti sugli scaffali, soprattutto dopo l’avvento di nuovi alimenti legali, la compressione dei prezzi farà probabilmente diminuire il costo dei prodotti a base di CBD in Europa, incoraggiando i consumatori a provarli.

Le tre ragioni più comuni che seguono possono essere affrontate direttamente dall’industria del CBD: maggiore marketing sull’approvvigionamento dei prodotti a base di CBD, migliore educazione sulla legalità del CBD e, infine, migliore educazione sugli ultimi studi sulla sicurezza e l’efficacia del CBD. Queste iniziative contribuirebbero notevolmente a rimuovere le barriere all’ingresso dei consumatori nel mercato.

I non consumatori di CBD sono propensi a provare il CBD nel prossimo anno?

Tutte le metriche che Prohibition Partners ha studiato, dopo aver sondato le persone in tutta Europa, indicano che il numero di consumatori e la quantità di consumo in Europa continua ad aumentare gradualmente.

Utenti non CBD

Utenti non CBD

 

Circa l’8% di coloro che non hanno usato prodotti a base di CBD negli ultimi 12 mesi ha dichiarato che intende usarli nei prossimi 12 mesi. Questo rappresenta un massiccio afflusso di utenti vecchi e nuovi nel mercato. Questa cifra non tiene conto del 35% di non consumatori che sono riluttanti a usare prodotti a base di CBD nei prossimi 12 mesi.

I consumatori di CBD continueranno ad utilizzare il CBD nei prossimi 12 mesi?

Prohibition Partners ha anche chiesto ai consumatori attuali come pensavano che il loro consumo sarebbe cambiato nei prossimi 12 mesi. Un gran numero (36%) di consumatori ha dichiarato che ridurrà o smetterà di usare prodotti a base di CBD nei prossimi 12 mesi.

CBD use in Europe

CBD use in Europe

Questo alto tasso di turnover è gestibile per il momento per il giovane settore, ma merita un’attenzione particolare da parte degli operatori, poiché col tempo sarà necessario generare entrate affidabili e una base di consumatori stabile per sostenere il settore.

Insight bonus: le tendenze di ricerca del CBD su Google

I risultati mostrano una tendenza generale all’aumento dell’interesse per gli acquisti di CBD su Google Shopping nella maggior parte dei Paesi europei. Alcuni Paesi hanno raggiunto il massimo negli ultimi anni, come l’Italia e la Germania, che hanno visto i rispettivi picchi nel 2018 e nel 2020, anche se l’interesse rimane forte.

La Germania è il Paese che ha registrato il maggior calo degli interessi medi negli ultimi tre anni. Questo dato si confronta positivamente con le stesse tendenze riscontrate negli Stati Uniti, dove dal 2019 si è registrato un forte calo di interesse per il CBD.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Trovaci su logo Google NewsNewsE in altre lingue:Newsweed FranceNewsweed EspañaNewsweed NederlandNewsweed PortugalNewsweed Deutschland

Newsweed è la principale fonte di informazioni sulla cannabis legale in Europa - © Newsweed