Entra in contatto con noi

Joe Biden annuncia l’amnistia federale per i reati di semplice possesso di cannabis

Pubblicato

su

Amnistia federale della cannabis negli Stati Uniti
PUBLICITE

Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato che grazierà le persone condannate a livello federale per semplice possesso di cannabis. Ha anche annunciato che chiederà al Procuratore Generale degli Stati Uniti Merrick B. Garland e al Segretario del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani Xavier Becerra di iniziare il processo di revisione della classificazione della cannabis a livello federale.

La dichiarazione ufficiale della Casa Bianca è stata rilasciata il 6 ottobre, sottolineando che, in base alla legge federale vigente, la cannabis è una droga di serie I insieme a droghe mortali come il fentanyl. La Casa Bianca “rivedrà rapidamente” l’attuale classificazione della pianta, con potenziali implicazioni per la e tra i Paesi amici.

“Come ho già detto, nessuno dovrebbe essere imprigionato per aver usato o posseduto cannabis”, ha twittato Biden. “Oggi sto prendendo provvedimenti per porre fine al nostro approccio fallimentare. Lasciate che li esponga”.

Joe Biden ha delineato tre punti chiave: graziare tutti i precedenti reati federali per il semplice possesso di cannabis; chiedere ai governatori di graziare i reati statali per il semplice possesso di cannabis; infine, chiedere al Segretario del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani Xavier Becerra e al Procuratore Generale Merrick B. Garland di iniziare il processo di revisione di come la cannabis dovrebbe essere classificata nella legge federale.

La decisione di amnistia riguarderà circa 6.500 persone condannate per semplice possesso di cannabis tra il 1992 e il 2021, e altre migliaia di persone condannate nel Distretto di Columbia. La maggior parte dei condannati per semplice possesso, tuttavia, è stata condannata a livello statale, da cui la richiesta di Biden ai governatori di espungere le condanne per lo stesso reato al loro livello.

PUBLICITE

Diversi osservatori della politica statunitense sulla cannabis ritengono che Joe Biden abbia fatto il massimo per le condanne non violente per possesso di cannabis, poiché il governo federale non ha la capacità di intervenire su questo tema a livello statale. Egli , alla vigilia delle elezioni di metà mandato.

A Joe Biden si deve la stesura del Violent Crime Control and Law Enforcement Act del 1994, comunemente noto come Legge sul crimine del 1994, una componente chiave della guerra alla droga negli Stati Uniti che ha portato all’incarcerazione di innumerevoli cittadini per possesso di droga.

Un quarto di secolo dopo, Joe Biden ha denunciato pubblicamente il proprio operato: “È stato un errore”, ha detto del suo Crime Bill durante uno dei dibattiti presidenziali. “Tutti i 100 senatori hanno votato a favore. È stato un errore. Da allora ho cercato di cambiarlo, soprattutto per quanto riguarda la cocaina”, ha aggiunto. “Ho sostenuto che in realtà non dovremmo mandare nessuno in prigione per un reato puramente legato alla droga, ma che dovrebbero essere in terapia. […] È stato un errore approvare queste leggi sulla droga”

La dichiarazione ufficiale della Casa Bianca si conclude con le parole: “Troppe vite sono state stravolte a causa del nostro approccio fallimentare alla cannabis. È ora di rimediare a questi errori. ”

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed