Entra in contatto con noi

La legalizzazione della cannabis in Canada ha migliorato l’accesso alla cannabis medica

Pubblicato

su

Accesso alla cannabis terapeutica in Canada
PUBLICITE

Un recente rapporto preparato per Health Canada mostra che la legalizzazione della cannabis in Canada nel 2018 ha migliorato l’accesso, la condivisione delle informazioni e ridotto lo stigma associato alla cannabis medica.

Il rapporto si basa su due sondaggi, uno su 1.205 canadesi dai 16 anni in su che hanno fatto uso di cannabis terapeutica dalla sua legalizzazione il 17 ottobre 2018. Il secondo sondaggio è stato condotto con un campione di 823 medici e infermieri che hanno avuto esperienze con la cannabis medica o si sono informati su di essa.

La legalizzazione del consumo di stupefacenti ha facilitato l’accesso all’uso medico

Tra gli intervistati che hanno fatto uso di cannabis per scopi medici (“pazienti”), poco più della metà (53%) ha dichiarato di averlo fatto prima della legalizzazione. Quasi la metà (46%) ha iniziato a usare la cannabis a scopo terapeutico solo dopo la piena legalizzazione della cannabis.

Tra coloro che hanno iniziato a usare la cannabis per scopi medici solo dopo la legalizzazione nel 2018, più della metà (58%) ha dichiarato di essere più a suo agio nel farlo perché la legalizzazione ha reso la cannabis più facilmente disponibile. La metà (49%) ha anche detto di aver deciso di usare la cannabis per scopi medici perché riteneva che dopo la legalizzazione fossero disponibili maggiori informazioni sulla cannabis terapeutica e che lo stigma fosse meno un fattore.

PUBLICITE

La maggior parte (71%) di coloro che hanno dichiarato di aver fatto uso di cannabis per scopi medici ha affermato di averne fatto uso anche per scopi non medici negli ultimi tre anni dalla legalizzazione.

La maggior parte di questi pazienti (66%) ha anche riferito di aver discusso del proprio uso di cannabis terapeutica con un medico e/o un infermiere. Tra coloro che non hanno discusso di questi problemi con un operatore sanitario (HCP), la paura dello stigma è stata la ragione più comune.

Le ragioni più comuni del rifiuto di prescrivere la cannabis terapeutica sono state il rifiuto dell’operatore sanitario di permettere ai pazienti di usare la cannabis (38%), la mancanza di prove a sostegno della cannabis come opzione terapeutica (31%) o la scarsa familiarità dell’operatore sanitario con l’uso della cannabis terapeutica (29%).

Tipi di prodotti alla cannabis consigliati

Gli oli, gli estratti e le capsule di cannabis sono i prodotti più spesso consigliati da un professionista della salute (68%), seguiti dagli edibili (26%) e dai fiori secchi (23%).

PUBLICITE

Quasi un terzo degli intervistati ha detto che gli sono stati consigliati prodotti con un alto contenuto di CBD e un basso contenuto di THC, mentre il 24% ha detto che gli sono state consigliate quantità uguali di THC e CBD. Infine, il 19% ha dichiarato che gli è stato consigliato solo il CBD e il 17% ha ricevuto sia prodotti ad alto contenuto di THC che a basso contenuto di CBD.

Nonostante ciò, il 44% dei pazienti ha dichiarato di fumare la cannabis, mentre il 34% ha detto di preferire gli edibles, e quasi un terzo (31%) ha preferito ingerire estratti o oli di cannabis. La maggior parte dei pazienti ha dichiarato di preferire i prodotti a base di cannabis che contengono sia THC che CBD, ma le risposte sono state diverse.

il 27% preferisce livelli più alti di THC con livelli più bassi di CBD, mentre il 30% preferisce livelli più alti di CBD con livelli più bassi di THC. Il 28% preferisce livelli uguali di THC e CBD. Solo il 13% ha dichiarato di preferire un prodotto contenente solo THC.

Frequenza di utilizzo

Più di un terzo (39%) dei consumatori di cannabis terapeutica ha riferito di usarla quasi ogni giorno, mentre il 21% ha riferito di usarla più volte alla settimana. Solo il 14% ha riferito di usare la cannabis terapeutica una volta alla settimana e solo il 10% ha riferito di usarla più volte al mese.

il 60% dei pazienti ha dichiarato di ritenere che la legalizzazione abbia avuto un impatto positivo sull’accesso alla cannabis terapeutica. Di questi, circa la metà ha dichiarato di ritenere che la piena legalizzazione abbia aumentato la qualità e la quantità dei prodotti e quasi la metà ha affermato di sentire meno stigma per il proprio consumo di cannabis.

Sondaggio tra i professionisti della salute

Un secondo sondaggio si è concentrato sulle opinioni degli operatori sanitari. il 49% ha affermato che l’uso di cannabis ha un valore terapeutico. il 45% ha dichiarato che, almeno in alcuni casi, c’era un valore terapeutico.

Tra gli operatori sanitari che hanno dichiarato che l’uso della cannabis ha un valore terapeutico almeno in parte, tre quarti hanno citato esempi clinici che suggeriscono che la cannabis può avere un valore terapeutico. Più della metà (59%) ha riferito che la cannabis era uno strumento prezioso nei casi in cui le altre opzioni terapeutiche non erano tollerabili o efficaci.

La maggior parte (89%) dei professionisti della salute che ritengono che la cannabis abbia un valore terapeutico almeno in parte pensa che il CBD sia la parte più terapeutica della pianta, mentre il 44% afferma che il THC, il 13% che altri cannabinoidi e il 9% che i terpeni hanno un valore terapeutico.

La maggior parte degli operatori sanitari (90%) ha affermato che il CBD ha valore terapeutico, mentre l’85% ha dichiarato che il THC è rischioso.

Tra coloro che raccomandavano una dose massima giornaliera di THC, la maggior parte raccomandava di non superare i 10 mg. Le quantità massime di CBD consigliate erano più varie. Circa un terzo (29%) degli operatori sanitari ha dichiarato di raccomandare generalmente fino a 2,5 mg al giorno.

La percentuale maggiore (29%) ha dichiarato di raccomandare generalmente fino a 2,5 mg di THC al giorno. Un altro 22% raccomanda tra i 2,6 e i 5 mg di THC, mentre il 15% raccomanda solitamente tra i 10,1 e i 15 mg. Solo l’1% degli operatori sanitari raccomanda di solito più di 25 mg.

Tra gli operatori sanitari che non raccomandano la cannabis per scopi medici, la maggior parte (58%) ha citato come motivo la mancanza di prove sull’efficacia della cannabis o la mancanza di informazioni sul dosaggio appropriato (55%).

Quasi la metà (48%) ha dichiarato di non sentirsi sufficientemente informata sull’uso della cannabis terapeutica o di essere preoccupata per gli effetti collaterali negativi (47%). il 64% degli operatori sanitari ha riferito di aver ricevuto più richieste di informazioni sull’uso della cannabis terapeutica dopo la legalizzazione.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Trovaci su logo Google NewsNewsE in altre lingue:Newsweed FranceNewsweed EspañaNewsweed Nederland

Newsweed è la principale fonte di informazioni sulla cannabis legale in Europa - © Newsweed