Entra in contatto con noi

L’Irish Health Research Board pubblica le sue conclusioni sulla cannabis terapeutica

Pubblicato

su

Cannabis medica in Irlanda
PUBLICITE

L’Health Research Board (HRB) irlandese ha pubblicato i risultati della sua revisione delle prove di sicurezza ed efficacia della cannabis terapeutica prescritta nel Paese.

Il rapporto, che è stato pubblicato martedì 23 gennaio, descrive in dettaglio gli effetti della cannabis terapeutica prescritta per alcune condizioni in Irlanda, tra cui nausea e vomito nel cancro e spasticità nella sclerosi multipla.

Il rapporto condivide anche prove “promettenti” di benefici significativi per il dolore neuropatico o nervoso, che può verificarsi in condizioni come la sclerosi multipla, il diabete o le lesioni del midollo spinale.

Per la maggior parte delle altre condizioni, tra cui ansia e dolore correlato al cancro, malattie reumatiche e fibromialgia, non ci sono “prove conclusive” che confermino l’efficacia della cannabis medica prescritta, secondo il rapporto.

PUBLICITE

In termini di sicurezza della cannabis prescritta, lo studio ha rilevato che mentre reazioni avverse gravi alla cannabis non sembrano essere comuni, possono verificarsi alcuni effetti collaterali come vertigini, secchezza delle fauci, sedazione e mal di testa.

La probabilità di altri effetti collaterali, come sonnolenza, nausea e disturbi psichiatrici, è mista.

Lo studio è stato condotto come parte di una revisione da parte del Dipartimento della Salute dell’attuale Medical Cannabis Access Programme (MCAP). Attualmente, solo i pazienti che soffrono di una delle tre condizioni ammissibili – nausea e vomito indotti dalla chemioterapia, epilessia resistente al trattamento e spasticità associata alla sclerosi multipla – possono accedere ai farmaci a base di cannabis nell’ambito del programma, che è stato lanciato nel 2019.

La dottoressa Kathryn Lambe, ricercatrice dell’HRB e autrice principale del rapporto, afferma: “La nostra revisione indica che ci sono alcune prove a sostegno dell’uso della cannabis terapeutica prescritta in condizioni come la nausea e il vomito dovuti alla chemioterapia, la spasticità nella sclerosi multipla e la gestione del dolore neuropatico”

PUBLICITE

“Tuttavia, per la maggior parte degli altri risultati, le conclusioni sono tutt’altro che coerenti. Questo studio contribuirà a informare il processo decisionale relativo alle future politiche sull’uso della cannabis terapeutica prescritta, così come il contributo dei gruppi di pazienti, dei clinici e dei pianificatori dei servizi”.

Raccomandazioni per la ricerca futura

Lo studio, che copre le ricerche condotte negli ultimi 30 anni sull’uso della cannabis terapeutica prescritta solo a pazienti adulti, ha valutato i dati di 47 riviste, relativi a una serie di condizioni mediche che vanno dal cancro, alla sclerosi multipla e alle malattie reumatiche, al dolore, alla salute mentale e alle condizioni neuropsicologiche.

Si è concentrato sui dati relativi alla cannabis medica prescritta contenente CBD o THC naturali o sintetici o loro derivati.

Gli autori hanno concluso che l’insieme delle ricerche esaminate era “frammentario” con un “basso grado di certezza delle prove per la maggior parte dei risultati”.

Hanno formulato una serie di raccomandazioni per la ricerca futura per migliorare la qualità dei dati clinici sulla cannabis medica. Queste includono analisi di sottogruppo per diversi tipi di dolore, l’uso di trattamenti moderni come comparatori attivi piuttosto che di placebo, e studi con diversi bracci di trattamento per definire il rapporto ottimale di THC e CBD per l’indicazione in questione.

Informare le politiche future

Secondo il rapporto, i risultati dello studio informeranno la posizione del Ministero della Salute sull’idoneità dei prodotti a base di cannabis terapeutica per varie indicazioni cliniche, nonché le future risposte alle comunicazioni riguardanti la prescrizione di prodotti a base di cannabis.

Mairead O’Driscoll, direttore generale dell’HRB, ha dichiarato: “È essenziale che le politiche sanitarie siano basate sulle prove più aggiornate, anche nelle aree in cui la ricerca esistente non è sufficientemente sviluppata per trarre conclusioni solide. Conducendo questo tipo di revisione nel tempo, l’HRB può continuare a fornire ai responsabili politici prove per informare le loro decisioni man mano che la ricerca si sviluppa.”

Un'”occasione mancata”

Il MCAP è stato precedentemente criticato dai pazienti per la sua natura “restrittiva”, con meno di 100 persone iscritte al programma finora. L’esito della revisione dell’HRB ha messo in dubbio la possibilità di estendere il programma.

I sostenitori dei pazienti hanno espresso disappunto per il fatto che lo studio non abbia incluso prove concrete né si sia concentrato sui pazienti irlandesi che sostengono di trarre beneficio dalla cannabis medica, molti dei quali hanno viaggiato all’estero per accedervi.

“Il rapporto dell’HRB evidenzia la necessità di un’analisi più dettagliata della cannabis medica”, afferma Natalie O’Regan, ricercatrice legale e sostenitrice delle politiche sulle droghe.

“Nel 2024, sentiamo ancora dire che sono necessarie ulteriori ricerche per garantire che l’accesso alla cannabis non venga ampliato”. Il rapporto non ha parlato con gli attuali pazienti del MCAP e ha perso l’opportunità di raccogliere dati reali che sono disponibili a casa loro. In definitiva, saranno i pazienti a subire le conseguenze di un accesso limitato a una medicina che potrebbero trovare preziosa”.

Ha aggiunto: “Un aspetto positivo è che il rapporto ha trovato prove a sostegno della cannabis medica nel dolore neuropatico, e spero che si espanda nel prossimo futuro”.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Trovaci su logo Google NewsNewsE in altre lingue:Newsweed FranceNewsweed EspañaNewsweed Nederland

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed