Entra in contatto con noi
Puffy

Roman Abramovich ha finanziato in segreto la più grande azienda di cannabis del mondo?

Pubblicato

su

Curaleaf e Abramovitch
Seguici su Facebook
PUBLICITE

I documenti fatti trapelare alla fine dello scorso anno mostrano che diverse società di proprietà di Roman Abramovich, un oligarca russo sottoposto a sanzioni internazionali dopo la guerra in Ucraina, ha investito in numerose società dell’industria della cannabis statunitense e ha anche contribuito a finanziare i due maggiori azionisti di Curaleaf, la più grande società di cannabis del mondo con una capitalizzazione di mercato di quasi 3 miliardi di dollari.

La fuga dietro le rivelazioni consiste in 30.000 file della società di contabilità e trust Meritservus Secretaries, con sede a Cipro. È apparso su Distributed Denial of Secrets, un sito web no-profit per gli informatori.

I file sono stati analizzati dal consorzio giornalistico Organized Crime and Corruption Reporting Project, permettendo a media come Forensics News o Barron’s, una pubblicazione collegata al Wall Street Journal, per esaminare migliaia di documenti.

Le principali attività di Abramovich nella cannabis

Secondo le informazioni rintracciate da Forensics News e poi da Baron’s, Roman Abramovich ha scommesso molto su Curaleaf, un produttore di cannabis con sede nel Massachusetts, i cui 146 negozi in 21 stati americani ne fanno la più grande azienda di cannabis autorizzata al mondo.

PUBLICITE

I documenti aziendali del miliardario russo mostrano che è stato uno degli azionisti fondatori di Curaleaf e che ha finanziato Curaleaf con circa 186 milioni di dollari in prestiti. Quando è iniziata la guerra in Ucraina, ha trasferito i suoi investimenti in cannabis a membri della famiglia.

Oltre al finanziamento diretto di Abramovich a Curaleaf, Baron’s stima che abbia prestato circa 84 milioni di dollari al maggiore azionista di Curaleaf, Andrey Blokh, e al suo presidente, Boris Jordan, a condizione che spendessero il denaro in azioni Curaleaf. Quando Jordan ha lanciato un fondo di capitale di rischio per la cannabis, Abramovich ha fornito due terzi del capitale iniziale. Abramovitch ha anche sostenuto separatamente Blokh con 12 milioni di dollari per perseguire opportunità commerciali con la cannabis negli Stati Uniti occidentali.

Il suo finanziamento della cannabis statunitense era nascosto dietro diversi strati di trust e società offshore, rendendo il nome di Abramovich invisibile nei registri pubblici. Compaiono invece Millhouse, il family office di Abramovitch, Cetus, un veicolo di investimento dei fiduciari di Abramovitch o Meliastove Investments.

Dopo la rivelazione iniziale, Curaleaf ha affermato che Abramovich non ha mai avuto alcuna influenza o ruolo decisionale e ha tagliato i ponti.

PUBLICITE

“Abramovitch non è più un creditore o un investitore di Curaleaf”, ha dichiarato l’azienda in un comunicato, “e i prestiti che ha fatto agli azionisti fondatori per investire nella società sono stati rimborsati diversi anni fa”

“Curaleaf è stata una delle migliaia di aziende in tutto il mondo e negli Stati Uniti che hanno beneficiato dei finanziamenti del signor Abramovich”, prosegue la dichiarazione di Curaleaf. “All’epoca era un investitore molto ricercato e un uomo d’affari riconosciuto a livello mondiale. Rimane non autorizzato negli Stati Uniti”

L’oligarca, tuttavia, rimane il principale finanziatore nelle operazioni di debito di Curaleaf. Forensics News è riuscita a determinare che Abramovich ha prestato a Curaleaf 60 milioni di dollari nel dicembre 2021 tramite la sua società Meliastove. Curaleaf afferma di essere ancora in debito con Meliastove, ma ha avuto la certezza che Abramovich non ne è più proprietario.

Alla fine del 2018, il bilancio di Cetus mostrava di aver investito 130 milioni di dollari nel settore della cannabis e altri 194 milioni di dollari in prestiti.

Tra le sue partecipazioni: Il servizio di consegna di cannabis in California Eaze; il produttore di webcast Toke.TV Greenrush Media; un fornitore di software per dispensari, Flowhub; il marchio di CBD Green Gorilla; e il produttore di vape Tilt Holdings.

Tilt afferma che i dirigenti che hanno effettuato l’investimento di Abramovich non lavorano più nell’azienda. Eaze afferma di non essere a conoscenza della proprietà di Cetus da parte di Abramovich.

Curaleaf è presente anche in Europa, con l’acquisizione della britannica EMMAC nel 2021 o con l’acquisizione della tedesca Four 20 Pharma alla fine del 2022.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Trovaci su logo Google NewsNewsE in altre lingue:Newsweed FranceNewsweed EspañaNewsweed NederlandNewsweed PortugalNewsweed Deutschland

Newsweed è la principale fonte di informazioni sulla cannabis legale in Europa - © Newsweed