Entra in contatto con noi

32 tonnellate di cannabis sequestrate in Spagna erano in realtà canapa

Pubblicato

su

Canapa sequestrata in Spagna
PUBLICITE

Tra una telefonata e l’altra, Francisco Carbó continua a finalizzare i contratti per E-Canna, l’azienda di trasformazione della canapa di cui è proprietario a Valencia, in Spagna. Il 21 ottobre, l’azienda è stata oggetto di un’operazione della Guardia Civil spagnola, annunciata dalla polizia come il più grande sequestro di cannabis di tutti i tempi.

Oltre ad aver trascorso tre giorni in carcere, Carbó ha visto il suo nome pubblicato su centinaia di giornali in tutto il mondo, definendo lui e i suoi dipendenti una “banda” e suggerendo che si tratta di un gruppo di delinquenti, non di un’azienda legale autorizzata e registrata sin dalla sua fondazione nell’ottobre 2021.

“Esiste una persecuzione nazionale per quanto riguarda la criminalizzazione e la stigmatizzazione della cannabis. Per loro, tutto ciò che riguarda la canapa è un crimine e non lo è, le autorità ne stanno abusando. Quello che sta accadendo è una prevaricazione”, ha dichiarato l’uomo d’affari.

La Guardia Civil spagnola è stata contattata per un commento, ma ci ha informato di non essere autorizzata a fornire informazioni sul caso.

PUBLICITE

Secondo Francisco Carbó, la domanda di biomassa o fiori di canapa è aumentata del 300% nelle ultime settimane. In effetti, il suo telefono non ha smesso di squillare.

“I clienti hanno visto che ero stato rilasciato e che l’attività era ancora in funzione, e hanno capito che stavamo facendo la cosa giusta”, dice, mentre ci mostra una serie di documenti che, a suo dire, sono la prova che la sua attività tratta solo canapa e non cannabis, come la polizia lo ha accusato.

Il 5 novembre, la Guardia Civil ha pubblicato una nota in cui si affermava che l’Operacion Jardines aveva sequestrato 32 tonnellate di cannabis, ma secondo Soraya Calvo, direttore amministrativo dell’azienda, che ha accompagnato Carbó a Barcellona, l’informazione era falsa. A cominciare dalla quantità, che era di 25 e non di 32 tonnellate, e in secondo luogo per aver classificato la materia prima come “droga” prima ancora che fosse sottoposta alle analisi del caso.

“Sono arrivati incappucciati e con le pistole in mano, costringendo tutti a sdraiarsi a terra, come se fossimo spacciatori. Non ce n’era bisogno. Le nostre porte sono sempre aperte e teniamo conto di tutto ciò che entra ed esce da E-Canna”, ha dichiarato.

PUBLICITE

Spagnolo occidentale

Martedì 15, Carbó si è presentato per la prima parte del processo, dove ha lasciato una pila di documenti alle cure del giudice, che ha stabilito che i fiori sarebbero rimasti confiscati – ma non distrutti – e che E-Canna avrebbe potuto continuare le sue normali attività mentre studiava le prove fornite dalla difesa.

La sentenza dovrebbe essere resa nota entro un mese e, nonostante i danni allo stoccaggio dei suoi prodotti nel magazzino, Carbó conserva la tranquillità di chi è sicuro che la sentenza sarà favorevole.

“Se si tratta di droga e sono un criminale, arrestatemi domani. Ma se non si tratta di droga, rilasciate i fiori domani.

Con il supporto legale di due avvocati fin dall’inizio delle attività di E-Canna, Carbó ha optato per il diritto preventivo. Ogni settimana informa la Guardia Civil di tutti i movimenti dell’azienda.

“Anche prima di essere indagato dalle forze di Stato, sono andato in tribunale e ho detto: “Signori, questi sono affari miei”. Ecco i miei documenti. Se questo è un crimine, mettetemi in prigione.

Ha dichiarato di aver chiesto ai tribunali una tutela, in modo da poter controllare e proteggere l’attività dell’azienda. Questa richiesta è ancora in sospeso.

Francisco Carbo

Francisco Carbo

“Mi aspettavo un attacco frontale, con normali ispezioni. Non avrei mai immaginato che questo attacco sarebbe arrivato alle spalle, con un’accusa che è spuntata dal nulla e che non ha assolutamente alcun fondamento nei fatti”

Tra i documenti che hanno supportato la decisione preliminare del giudice a suo favore ci sono i documenti della dogana, dell’agenzia fiscale, il rispetto della giurisprudenza su cui si basa l’attività e i campioni prelevati da ogni lotto di canapa.

A breve, il giudice riceverà le analisi relative ai test dei campioni di fiori sequestrati dalla polizia, che sono stati inviati a un laboratorio e determineranno la percentuale di cannabinoidi presenti, per definire se il materiale è psicoattivo o meno. Casi come questo non sono inusuali in Spagna, e i giudici hanno sempre teso a interpretare le leggi dell’Unione Europea, che sono più permissive nei confronti della canapa, piuttosto che la legge spagnola stessa.

Mantenere la rotta

Con 15 dipendenti suddivisi tra l’ufficio e i due magazzini, E-Canna serve più di 40 agricoltori di tutta la Spagna. Sono tenuti a stipulare un contratto con un’azienda di trasformazione per garantire la tracciabilità del raccolto, oltre a utilizzare sementi certificate e a essere iscritti nel registro agrario della propria comunità autonoma.

“Consigliamo inoltre agli agricoltori di segnalare l’attività alla Guardia Civile. Se non hanno questi documenti, non lavorano con me, perché devo garantire la legittimità di ogni prodotto”

E-Canna è ora il principale collegamento tra la canapa prodotta in Spagna e la sua distribuzione in altri Paesi europei. Svizzera, Belgio, Germania e Paesi Bassi hanno già acquistato fiori di canapa lavorati dall’azienda. Secondo Carbó, tra qualche settimana la stampa pubblicherà i dettagli di un contratto da un milione di euro appena firmato con un distributore francese.

Gli operatori dell’industria spagnola della cannabis, che hanno chiesto di non essere identificati, concordano sul fatto che il ruolo di E-Canna nel settore ha contribuito a renderla un obiettivo per questo tipo di operazioni. I coltivatori di cannabis e le aziende del Paese hanno subito anni di persecuzione da parte del governo e della polizia, e molti hanno chiuso le loro attività in Spagna e le hanno trasferite nei Paesi vicini, che offrono loro una migliore protezione legale.

Carbó, tuttavia, è determinato a resistere alle incursioni che subisce ed è consapevole che potrebbe subire incursioni simili in futuro.

“Non ho intenzione di abbandonare un settore che sta crescendo e ha un grande potenziale economico, che sta per essere professionalizzato, perché se noi, che siamo professionisti, scappiamo, rimarrà stigmatizzato per sempre”

L’imprenditore intende continuare, con in mente nuove idee commerciali: una di queste, lo sviluppo del latte di canapa, e un’altra, la distribuzione di fiori di CBD in 1.400 tabaccherie della Catalogna a partire dal mese prossimo.

 

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed