Entra in contatto con noi

Barcellona: una nuova speranza per i Cannabis Club?

Pubblicato

su

Cannabis Club di Barcellona
PUBLICITE

A Barcellona, i Cannabis Club si aggrappano a una nuova speranza per tenere aperte le porte: ottenere la licenza di “club sociale privato”.

Lo scorso luglio, la Corte Superiore di Giustizia della Catalogna (TSJC) ha stabilito che solo il governo centrale spagnolo ha il potere di regolamentare i cannabis club. Da allora, i Cannabis Club di Barcellona, accusati dal TSJC di essere spazi “suscettibili di incoraggiare la commissione di reati”, rischiano di scomparire.

Lo scorso ottobre, la Guardia Civil ha effettivamente iniziato un’ispezione dei Club, anticipando la chiusura di alcuni di questi locali.

Una risposta legale per i club di cannabis di Barcellona

Tuttavia, come riportato da elDiarioAR, la CatFAC (Confederazione delle Federazioni delle Associazioni della Cannabis), che rappresenta i Club presso il Comune, ha trovato un modo per mantenere i Club aperti.

PUBLICITE

Registrandosi con una licenza di “club sociale privato”, gli stabilimenti potranno continuare la loro attività senza soddisfare i requisiti precedenti (distanza dalle scuole, ventilazione…).

Parlando con elDiarioAR, Eric Asensio, portavoce del CatFA, ha spiegato che “lo scenario attuale è un passo indietro, simile a quando questa attività non era regolamentata in città”. Sappiamo che stanno aprendo nuovi locali che non rispettano i requisiti precedentemente richiesti dal Comune”.

Quali cambiamenti specifici dovranno affrontare le associazioni della cannabis? Non potranno offrire cannabis in modo visibile, esporre prezzi o qualsiasi cosa che possa “promuovere” il suo uso.

Inoltre, anche se i soci potranno ottenere la cannabis dai club, dovranno farlo in un modo “meno ovvio”.

PUBLICITE

Da parte sua, il Comune di Barcellona avverte che intensificherà i controlli.

“La sorveglianza delle associazioni e dei club della cannabis sarà rafforzata. Così come la capacità di ispezione e di intervento amministrativo per garantire il rispetto delle norme che li riguardano e per prevenire disturbi ai vicini o violazioni della salute pubblica”, ha avvertito.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed