Entra in contatto con noi

La Corte Suprema sudafricana stabilisce che i Cannabis Club sono illegali

Pubblicato

su

Cannabis Club in Sudafrica
PUBLICITE

La Corte Suprema del Sudafrica ha stabilito che non c’è grande differenza tra un rivenditore e un Cannabis Club. L’Alta Corte afferma che non spetta ai tribunali decidere la legalità dei grow club, che sono stati creati per aggirare il Drugs Act, che regola il consumo di droga in Sudafrica.

Il caso dell’Haze Club è stato archiviato dall’Alta Corte sudafricana

Basati sul diritto all’autodeterminazione, i Cannabis Social Club sono sorti ovunque dopo la decriminalizzazione della cannabis in Sudafrica. Uno di questi, The Haze Club (THC), è stato oggetto di un’incursione della polizia e ha tentato di sostenere, attraverso una causa dell’Alta Corte, che i Cannabis Social Club sono una soluzione per le persone che non vogliono o non possono coltivare la propria.

L’Alta Corte di Città del Capo ha annunciato questa settimana di aver respinto la richiesta del Club. L’Haze Club può fare appello, ma la decisione del giudice Slingers conferma che la legalizzazione del commercio e della cannabis sono questioni politiche e rientrano nella giurisdizione del legislatore, non della magistratura.

Lo Stato ha sostenuto che il club non operava in uno spazio privato e quindi violava la legge.

PUBLICITE

Nella sua decisione, il giudice Slingers ha affermato che permettere a un club di coltivatori di operare in assenza di requisiti e linee guida legali o regolamentari “potrebbe avere l’effetto pratico di legalizzare la vendita di cannabis”.

“Può darsi che il legislatore consideri di legiferare su questo punto in futuro, ma ciò non significa che i tribunali debbano anticiparlo. La legalizzazione del commercio e della cannabis implica questioni politiche e spetta al legislatore, non alla magistratura”

Ha detto che ai richiedenti e ai loro clienti non viene impedito di usare o coltivare cannabis: viene semplicemente impedito loro di esternalizzare tale diritto.

La gestione di un club di coltivazione è quindi ancora considerata un atto criminale ai sensi della legge sul traffico di droga del Sudafrica e una condanna può comportare una pena detentiva.

PUBLICITE

Il grow club si basava su un modello commerciale in base al quale una persona o un’entità affittava terreni, attrezzature e servizi di giardinaggio; coltivava, per conto dei suoi clienti, materiale vegetale, compresa la cannabis, e non possedeva né forniva ai suoi clienti cannabis, piante di cannabis o semi di cannabis femminizzati.

Shaad Vayej, avvocato dell’Haze Club, ha dichiarato che è probabile un appello: “Purtroppo, la richiesta dell’Haze Club è stata respinta dall’Alta Corte di Città del Capo. Ciò rappresenta un’interpretazione restrittiva del diritto alla privacy, che è uno spazio privato, e delle restrizioni alla coltivazione privata della cannabis, come previsto dalla Corte Costituzionale nel caso Prince 3”

“Tuttavia, questa non è la fine del percorso, poiché è probabile che segua un appello”

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed