Entra in contatto con noi

La California protegge i lavoratori dalle sanzioni per il consumo di cannabis fuori servizio

Pubblicato

su

Uso della cannabis in California
PUBLICITE

I legislatori della California hanno approvato martedì una misura che impedisce ai datori di lavoro di punire i lavoratori che non superano i test delle urine o della droga per la cannabis.

In base al disegno di legge, i datori di lavoro potranno comunque punire i dipendenti che non superano altri tipi di test antidroga, come i test salivari, che hanno lo scopo di determinare se una persona è attualmente sotto l’effetto di droghe.

L’uso di cannabis è legale per gli adulti in California.

Bill Quirk, membro democratico dell’Assemblea e autore della proposta di legge, ha dichiarato che “nulla” della proposta di legge “permetterebbe a qualcuno” di essere sotto l’effetto di droghe sul posto di lavoro. Semplicemente, in virtù del tempo di permanenza del THC nel sangue o nelle urine, uno spinello consumato due settimane prima di un test non impedirà di avere un lavoro.

PUBLICITE

Matt Bell, segretario-tesoriere della Food and Commercial Workers Union Local 324, ha affermato che la legislazione è necessaria perché “l’uso obsoleto dei test sulla cannabis fa sentire i dipendenti insicuri e vessati sul lavoro, e non aumenta la sicurezza sul posto di lavoro”.

La misura non proteggerà i dipendenti delle imprese che ricevono fondi federali o che rispettano contratti federali, né i lavoratori del settore edile e delle costruzioni, che ricevono fondi federali.

La Camera di Commercio della California si oppone alla legge, affermando in una lettera ai legislatori che essa “creerebbe uno status protetto per il consumo di cannabis” nella legge statale che proibisce la discriminazione sul posto di lavoro.

“In poche parole: il consumo di cannabis non è la stessa cosa che proteggere i lavoratori dalla discriminazione basata sulla razza o sull’origine nazionale”, si legge nella lettera.

PUBLICITE

Il provvedimento sarà sottoposto al governatore Gavin Newsom, che ha tempo fino alla fine di settembre per decidere se firmarlo. Se approvato dal governatore, entrerà in vigore il 1° gennaio 2024.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed