Entra in contatto con noi

Joe Biden: “Non credo che nessuno dovrebbe essere in prigione per aver fatto uso di cannabis”

Pubblicato

su

Biden e la prigione per la cannabis
PUBLICITE

Joe Biden ha fatto i suoi primi commenti pubblici sulla cannabis da quando è entrato in carica più di un anno fa, dopo che gli è stato chiesto della sua promessa in campagna elettorale di rilasciare le persone incarcerate per reati federali non violenti di cannabis.

“Non credo che nessuno dovrebbe essere in prigione per il consumo di cannabis”, ha detto Joe Biden il 17 luglio in risposta a una domanda di Steven Nelson del New York Post.

“Stiamo lavorando a una legge sul crimine”, ha aggiunto il presidente, anche se non è chiaro a quale legge si riferisse.

Durante l’incontro con la stampa di giovedì 25 luglio, il giornalista del New York Post Steven Nelson ha dato seguito a queste domande, chiedendo alla portavoce della Casa Bianca Karine Jean-Pierre se il presidente ritiene che anche coloro che sono stati condannati a livello federale per la vendita di cannabis dovrebbero avere diritto a un’amnistia e se il disegno di legge sul crimine a cui Biden ha fatto riferimento “esclude qualsiasi possibilità di amnistia di massa”.

PUBLICITE

Karine Jean-Pierre ha esordito ricordando che ad aprile il presidente ha concesso la grazia a 78 persone, comprese quelle condannate per reati federali non violenti in materia di droga.

“Continua a valutare altri usi dei suoi poteri di clemenza. Non abbiamo ulteriori annunci da fare in questo momento – ma posso dirvi che è quello che ha fatto durante la sua amministrazione”, ha detto, senza parlare del ruolo che potrebbe avere una futura legislazione e ignorando la questione se le persone che vendono cannabis debbano rimanere in prigione.

Da quando Joe Biden è entrato in carica, i sostenitori della regolamentazione della cannabis sono stati frustrati dalla mancanza di specificità e dalle azioni limitate del Presidente in contrasto con la sua promessa elettorale di rilasciare le persone incarcerate per la cannabis.

PUBLICITE

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed