Entra in contatto con noi

Caos a New York dopo che un giudice ha bocciato parte della legalizzazione della cannabis

Pubblicato

su

Legge sulla cannabis a New York
PUBLICITE

L’industria della cannabis di New York è in una situazione di limbo a seguito di un’importante sentenza del tribunale che inizialmente sembrava annullare un’ampia gamma di regolamenti che regolavano la cannabis per uso adulto. La decisione, che è stata successivamente chiarita, mette in evidenza le sfide e le complessità che questo settore in piena espansione deve affrontare, in particolare in uno stato in cui la disciplina della legalizzazione era già caotica.

Caos e chiarimenti

La sentenza, emessa dal giudice della Corte Suprema di Albany Kevin Bryant, è stata motivata da una causa intentata da Leafly, che contestava alcune restrizioni pubblicitarie imposte dall’Office of Cannabis Management (OCM). Secondo MJBizDaily, la decisione di Bryant ha sollevato dubbi sulla costituzionalità dei regolamenti, citando una “completa mancanza di giustificazione” e trovandoli “incostituzionalmente vaghi”.

La portata della decisione ha causato una notevole confusione all’interno del settore. I rapporti iniziali suggerivano un’abrogazione totale del quadro normativo per l’uso della cannabis da parte degli adulti a New York, che si è rivelato un’interpretazione errata. Come riportato da ABC News, la sentenza del giudice è stata successivamente modificata per chiarire che era specificamente rivolta alle norme che regolano le piattaforme di terze parti come Leafly.

Risposta dell’industria: incertezza e resilienza

La risposta degli operatori della cannabis e delle parti interessate è stata di grande incertezza. Damien Cornwell, della Cannabis Association of New York, si è preoccupato del potenziale impatto sulle normative esistenti. Nonostante lo sconvolgimento, gli esperti legali hanno assicurato che le attività esistenti dovrebbero continuare a operare in attesa di nuovi sviluppi, paragonando la situazione a un’interruzione temporanea piuttosto che a uno sconvolgimento completo.

PUBLICITE

L’agitazione legale si aggiunge alle più ampie sfide che il mercato regolamentato della cannabis a New York deve affrontare. Il recente audit del governatore Kathy Hochul sull’OCM ha analizzato preoccupazioni più ampie sull’efficienza del settore e sulla supervisione normativa. Il senatore statale Jeremy Cooney ha criticato la battuta d’arresto causata dalla decisione, sottolineando la necessità di un quadro giuridico forte ed equo di fronte alla proliferazione dei negozi di cannabis illegali.

In futuro, si prevede che la CMO ricorrerà in appello contro la decisione, con l’obiettivo di ripristinare la stabilità normativa, sviluppando al contempo nuovi regolamenti più forti. Per gli operatori del settore, questo periodo di incertezza sottolinea la necessità di adottare strategie di adattamento e di essere vigili. Come ha detto l’avvocato specializzato in cannabis Fatima Afia, chiarezza e stabilità sono fondamentali per i richiedenti e i licenziatari che operano in un panorama normativo in continua evoluzione.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Trovaci su logo Google NewsNewsE in altre lingue:Newsweed FranceNewsweed EspañaNewsweed NederlandNewsweed PortugalNewsweed Deutschland

Newsweed è la principale fonte di informazioni sulla cannabis legale in Europa - © Newsweed