Entra in contatto con noi

Continua il processo a Brittney Griner per possesso di cannabis all’ingresso in Russia

Pubblicato

su

Processo contro Griner per cannabis
PUBLICITE

La stella della pallacanestro Brittney Griner è tornata in un tribunale russo questa settimana, mentre continua il suo processo per possesso di cannabis quando è entrata nel Paese all’inizio dell’anno. Griner, campionessa WNBA e medaglia d’oro olimpica, è stata arrestata all’aeroporto di Mosca in febbraio dopo che i funzionari della dogana hanno trovato nel suo bagaglio cartucce da svapo contenenti un totale di meno di un grammo di olio di cannabis.

Con le manette, la Griner è stata scortata nell’aula del tribunale di Khimki, un sobborgo di Mosca, per la settima udienza del processo ed è stata messa in una gabbia riservata agli imputati. Durante la sua detenzione, ha tenuto in mano delle foto personali per farle vedere ai presenti in aula.

Griner si è dichiarata colpevole e ha ammesso di aver portato le cartucce di THC con sé in Russia, anche se ha detto di non sapere esattamente come siano finite nel suo bagaglio. Ha anche dichiarato alla corte che non aveva intenzione di infrangere la legge russa.

La difesa contesta le prove contro Griner

Durante l’udienza di martedì, gli avvocati di Griner hanno contestato l’analisi delle cartucce di cannabis e hanno interrogato il testimone dell’accusa, Alexander Korablyov, che ha esaminato le cartucce prese dal bagaglio di Griner. La difesa ha anche presentato un testimone esperto che ha dichiarato che l’analisi delle cartucce non è stata effettuata in conformità con la legge russa.

PUBLICITE

“L’esame non è conforme alla legge in termini di completezza dello studio e non soddisfa gli standard del Codice di procedura penale”, ha dichiarato il chimico forense Dmitry Gladyshev durante l’udienza, durata circa due ore, secondo un rapporto della CNN.

Dopo l’udienza, Blagovolina ha detto che l’analisi non era conforme perché non stabiliva la percentuale di THC nell’olio di cannabis contenuto nelle cartucce. Un altro avvocato che rappresenta la stella del basket, Aleksandr Boikov, ha detto che “sarebbe sbagliato stabilire l’esatta quantità” di cannabis contenuta nelle cartucce sulla base delle analisi di Korablyov.

Il team di difesa della Griner ha anche presentato alla corte prove che dimostrano che aveva ottenuto la raccomandazione di un medico per usare cannabis medica legalmente in Arizona.

“Ci sono molti fattori che verranno presi in considerazione dalla corte”, ha dichiarato la Blagovolina ai giornalisti dopo l’udienza di martedì, aggiungendo che la Griner “ha ammesso di aver portato qualcosa, ma dobbiamo sapere cosa ha portato”

PUBLICITE

Il processo a carico della Griner continua oggi, quando gli avvocati dovrebbero fare le loro arringhe. Blagovolina ha detto che Griner è concentrata ma nervosa all’avvicinarsi del verdetto.

“Sa che la fine è vicina e naturalmente ha sentito la notizia, quindi spera che un giorno potrà tornare a casa, e lo speriamo anche noi”, ha aggiunto Blagovolina.

Elizabeth Rood, incaricata d’affari presso l’Ambasciata degli Stati Uniti a Mosca, ha partecipato all’udienza di martedì. Dopo l’udienza, ha dichiarato che gli Stati Uniti “continueranno a sostenere la signora Griner in ogni momento e per tutto il tempo necessario a riportarla negli Stati Uniti in condizioni di sicurezza”.

Gli Stati Uniti propongono uno scambio di prigionieri

Nonostante la sua dichiarazione di colpevolezza, la signora Griner è considerata “detenuta ingiustamente” dal Dipartimento di Stato americano. Una condanna nel caso potrebbe consentire a Griner di essere rilasciata nell’ambito di un potenziale scambio di prigionieri tra Russia e Stati Uniti.

La settimana scorsa, l’amministrazione del presidente Joseph Biden ha rivelato che il governo degli Stati Uniti si era offerto di scambiare Griner e il collega americano Paul Whelan, un ex marine statunitense detenuto in Russia con l’accusa di spionaggio, con il trafficante d’armi russo Viktor Bout.

La segretaria stampa della Casa Bianca, Karin Jean-Pierre, ha dichiarato lunedì ai giornalisti che la Russia ha risposto in “malafede” all’offerta del governo statunitense. Senza approfondire, ha detto che i funzionari statunitensi non considerano seria la controfferta della Russia. Interrogato sugli ultimi commenti dell’amministrazione Biden sulla controfferta russa, il portavoce del governo russo Dmitry Peskov ha rifiutato di fornire dettagli.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed