Entra in contatto con noi

Diddy acquista aziende di cannabis per 185 milioni di dollari

Pubblicato

su

Diddy compra aziende di cannabis
PUBLICITE

Il magnate dell’intrattenimento Sean “Diddy” Combs ha annunciato alla fine della scorsa settimana il lancio di quello che viene indicato come il più grande marchio di cannabis di proprietà di neri, acquistando per 185 milioni di dollari siti di produzione e negozi di cannabis in tre stati americani.

L’ex Puff Daddy sta acquistando le attività commerciali di Cresco Labs e Columbia Care, due società di cannabis statunitensi multi-stato che devono cedere i loro beni per completare la fusione precedentemente annunciata delle due società.

L’operazione, se approvata dalle autorità federali e statali, andrà ad arricchire il portafoglio di attività di Sean Combs, che comprende intrattenimento, media, moda e alcolici.

Diddy, presidente e amministratore delegato della Combs Enterprises, ha detto che stava acquistando i beni per affrontare la disuguaglianza nell’industria della cannabis, dove l’81% delle imprese sono di proprietà di bianchi, secondo un rapporto legislativo pubblicato in Maryland questa settimana.

PUBLICITE

“La mia missione è sempre stata quella di creare opportunità per gli imprenditori neri in settori in cui tradizionalmente ci è stato negato l’accesso, e questa acquisizione fornisce la scala immediata e l’impatto necessario per creare un futuro più equo nella cannabis”, ha dichiarato Combs in un comunicato.

“Possedere l’intero processo – dalla coltivazione alla produzione, fino alla commercializzazione, alla vendita al dettaglio e alla distribuzione all’ingrosso – è una vittoria storica per la cultura che ci permetterà di potenziare i leader diversi in tutto l’ecosistema e di essere coraggiosi sostenitori dell’inclusione”

Un accordo da 185 milioni di dollari

Come parte dell’accordo, una nuova società controllata da Combs acquisirà nove negozi di cannabis al dettaglio e tre impianti di produzione a New York, Illinois e Massachusetts.

In cambio, Combs pagherà 110 milioni di dollari in contanti e altri 45 milioni di dollari in finanziamenti a debito, oltre a pagamenti futuri basati su criteri di crescita, per un totale di 185 milioni di dollari.

PUBLICITE

Combs ha detto di voler sfruttare la nuova impresa per aiutare ad aumentare la partecipazione dei neri nell’industria della cannabis, un obiettivo sostenuto dal CEO di Cresco Charlie Bachtell.

“Per un settore che ha bisogno di una maggiore diversità di leadership e di prospettive, la presenza sostanziale di un operatore di proprietà di una minoranza in alcuni dei mercati più influenti del Paese e guidato da uno degli imprenditori più prolifici e influenti del nostro tempo è epocale… e incredibilmente eccitante”, ha dichiarato Bachtell in un comunicato di venerdì.

“Siamo entusiasti di accogliere Sean e il suo team nel settore”.

A marzo, Cresco Labs ha annunciato l’acquisizione di Columbia Care in un’operazione per azioni da 2 miliardi di dollari. La fusione delle due società forma una delle più grandi aziende di cannabis degli Stati Uniti, con attività in 18 Stati in cui la cannabis è legale, compresi i pionieri Colorado e California.

Tuttavia, le normative che regolano l’industria della cannabis e le licenze commerciali impongono alle società di cedere alcune attività negli Stati in cui le loro attività si sovrappongono, come Arizona, Florida, Illinois, Massachusetts, New York e Ohio.

La più grande azienda di cannabis di proprietà di neri

La transazione è la prima avventura di Combs nell’industria della cannabis e creerà il primo operatore di cannabis multistatale integrato verticalmente e di proprietà di una minoranza negli Stati Uniti, in un settore che si prevede crescerà fino a 72 miliardi di dollari entro il 2030.

Le operazioni integrate verticalmente a New York, Illinois e Massachusetts permetteranno alla nuova società di Combs di coltivare e produrre prodotti a base di cannabis, mentre le attività di vendita all’ingrosso e di distribuzione commercializzeranno questi prodotti di marca ai dispensari autorizzati nelle principali aree metropolitane, tra cui New York, Boston e Chicago. L’accordo comprende anche i negozi al dettaglio nei tre Stati.

“Queste attività conferiscono al team di Combs una presenza significativa sul mercato, consentendogli di avere il massimo impatto sull’intero settore”, ha dichiarato Nicholas Vita, CEO e co-fondatore di Columbia Care.

“Per noi è chiaro che Sean ha il team giusto per continuare la forte eredità di queste strutture Columbia Care e Cresco Labs, e non vediamo l’ora di vedere come contribuirà a plasmare l’industria della cannabis in futuro attraverso la sua leadership imprenditoriale e l’innovazione”

La transazione è soggetta a diverse condizioni, tra cui l’approvazione normativa, l’autorizzazione antitrust e la chiusura dell’acquisizione di Columbia Care da parte di Cresco Labs. Le società stanno inoltre procedendo alla dismissione di altre attività per soddisfare i requisiti normativi prima della chiusura della transazione.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed