Entra in contatto con noi

Due nuovi studi rivelano che i cannabinoidi bloccano la crescita delle cellule del cancro al colon

Pubblicato

su

Cancro al colon e cannabinoidi
PUBLICITE

Due nuovi studi promettenti hanno scoperto che alcuni cannabinoidi – tra cui CBD, CBDV, CBG, CBGV e – possono nell’uomo.

Lo studio sul colon di Cannabotech elimina il 90% delle cellule tumorali

Un nuovo prodotto, che sarà commercializzato negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Israele nell’autunno del 2022, ha eliminato oltre il 90% delle cellule di cancro al colon in un modello cellulare. Il prodotto, chiamato Cannabotech Integrative-Colon, ha utilizzato una combinazione di funghi non psicoattivi (quindi non psilocibina) e vari cannabinoidi (senza THC) per colpire le cellule del cancro del colon-retto, anche se non è chiaro quali.

“Il THC non è stato incluso”, hanno detto i conduttori dello studio, i dottori Angel e Peretz. “Gli ingredienti chiave erano il CBD e diversi altri cannabinoidi minori. Non possiamo rivelare i loro nomi e la loro composizione, poiché si tratta di informazioni di nostra proprietà”

La società ha deciso di non studiare , sottolineando la difficoltà della sua accessibilità e regolamentazione.

PUBLICITE

“Non abbiamo studiato il THC e quindi non possiamo commentare i suoi possibili effetti in questo contesto sperimentale”, affermano. “Abbiamo deliberatamente escluso il THC dal prodotto perché è il principale ingrediente psicotropo della cannabis e volevamo evitare questo effetto nella nostra preparazione. Tutti i cannabinoidi minori utilizzati sono noti e non ci sono problemi di regolamentazione per il loro uso”

Cannabotech spera di trasformare questo studio in uno studio sottoposto a revisione paritaria in futuro.

“Siamo solo all’inizio del nostro processo e stiamo riportando i nostri risultati in diversi tipi di linee cellulari di cancro al colon. Abbiamo in programma di espandere questi studi a studi in vivo e infine di pubblicarli su una rivista peer-reviewed”, hanno spiegato Angel e Peretz.

Il secondo studio rileva che i cannabinoidi possono inibire la crescita delle cellule tumorali nell’uomo

Un secondo studio recentemente pubblicato dagli scienziati del Dipartimento di Nutrizione e Scienze Alimentari dell’Università del Maryland ha rilevato che il cannabidiolo esercita una “attività antiproliferativa” nelle cellule del cancro del colon-retto. In poche parole, il CBD blocca la crescita delle cellule tumorali.

PUBLICITE

Lo studio afferma che i suoi risultati sono triplici: “Il CBD sopprime la vitalità nelle cellule umane di cancro del colon-retto; il CBD induce l’arresto del ciclo cellulare e e lo stress ER nelle cellule umane di cancro del colon-retto; e il CBD sopprime la vitalità cellulare e induce la morte cellulare apoptotica attraverso un meccanismo CB2-dipendente”.

Il recettore 2 dei cannabinoidi, una parte del nostro sistema endocannabinoide, è il recettore dove è stato osservato questo effetto. Ciò significa che i nostri recettoriCB1 potrebbero non indicare lo stesso effetto, la “anti-proliferazione” di queste cellule tumorali nell’uomo.

“I nostri dati indicano che il CBD e i suoi derivati possono essere agenti promettenti per la prevenzione del cancro colorettale umano”, scrivono i ricercatori dello studio.

Secondo lo studio, questa “attività antiproliferativa” è stata osservata anche per altri cannabinoidi, tra cui la cannabidivarina (CBDV), il cannabigerolo (CBG), il cannabiciclolo (CBL) e la cannabigerovarina (CBGV).

Uno sul ruolo dei cannabinoidi sul cancro al colon.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed