Entra in contatto con noi

La pianta e i suoi composti

Cos’è il THC?

Il tetraidrocannabinolo, o THC, è la molecola responsabile dei principali effetti psicoattivi della cannabis. Agisce come i cannabinoidi prodotti naturalmente dal nostro corpo nel sistema endocannabinoide. È stato isolato e sintetizzato da Raphaël Mechoulam nel 1964.

PUBLICITE

I recettori dei cannabinoidi sono concentrati in alcune parti del cervello associate a pensiero, memoria, piacere, coordinazione e percezione del tempo. Il THC si lega a questi recettori e li attiva. Influenza quindi la memoria, il piacere, il movimento, il pensiero, la concentrazione, la coordinazione e la percezione del tempo di una persona.

Il THC è uno dei tanti composti chimici che si trovano nella resina secreta dalla pianta di Cannabis. La maggior parte di queste ghiandole si trova intorno agli organi riproduttivi della pianta, i fiori. In questa resina sono presenti altri composti specifici della cannabis, chiamati cannabinoidi. Uno di questi cannabinoidi, il cannabidiolo o CBD, non è psicoattivo e agisce in collaborazione con il THC.

Effetti del THC sul corpo

Il THC stimola le cellule cerebrali a rilasciare dopamina, creando un effetto euforico. Inoltre interferisce con le informazioni elaborate dall’ippocampo, che è la parte del cervello responsabile della formazione di nuovi ricordi.

Gli effetti del THC durano circa 2 ore e arrivano tra 10 minuti e 1 ora dopo l’ingestione, a seconda del metodo di consumo. Il fumo di cannabis agisce più velocemente di una torta infusa di cannabis, ad esempio. Il periodo in cui il THC rimane nel flusso sanguigno è molto più lungo.

PUBLICITE

La lista degli effetti del THC è lunga. Si va dal rilassamento al sollievo dal dolore, ma il THC può anche scatenare ansia, tachicardia o perdita di memoria a breve termine. Alcuni cannabinoidi come alcuni terpeni (i composti che producono l’aroma e l’odore delle piante) possono modulare e ridurre gli effetti negativi del THC.

Rischi del THC

Gli effetti della cannabis l’hanno resa popolare. Infatti è considerata una delle droghe illecite più usate al mondo. Ma il THC può avere un impatto sulla salute mentale di alcune persone e scatenare una ricaduta dei sintomi schizofrenici secondo il NIDA.

Un altro rischio dell’uso di THC si presenta sotto forma di capacità motorie alterate. La cannabis può compromettere la guida o compiti simili fino a 3 ore dopo l’uso ed è la seconda sostanza psicoattiva più comune dopo l’alcol tra i guidatori.

L’uso di cannabis può anche causare problemi a lungo termine per i giovani, tra cui lo sviluppo del cervello e la memoria. Alcuni studi hanno anche trovato collegamenti tra la riduzione della fertilità e l’uso di cannabis in alcune persone.

PUBLICITE

Usi medici del THC

La cannabis viene usata per scopi medici da oltre 3000 anni. In Europa alcuni Paesi permettono l’uso medico della cannabis. L’uso ricreativo è tollerato anche in Olanda, Germania e Spagna.

Il THC può essere estratto dalla cannabis o sintetizzato. In Francia, il Sativex è l’unica medicina a base di cannabis autorizzata finora per l’uso da parte di pazienti con sclerosi multipla. Tuttavia non viene commercializzato, poiché il Ministero della Salute non è riuscito a raggiungere un accordo con il distributore del farmaco su un prezzo di vendita. Il Sativex allevia i sintomi della sclerosi multipla come la spasticità (contrazione muscolare).

La cannabis è anche sempre più usata negli Stati Uniti per sostituire gli antidolorifici a base di oppiacei, che sono responsabili di molte morti e dipendenze.

Overdose di THC

Non può morire per un’overdose di cannabis. Troppo, però, può portare a situazioni spiacevoli. I commestibili, cibi contenenti THC, sono spesso il problema. L’effetto del cibo spaziale non è immediato e il sovradosaggio può avvenire rapidamente. I governi che hanno legalizzato la cannabis ricreativa o medica ora limitano il contenuto di THC a 10mg per porzione, con un’etichettatura chiara e confezioni “difficili da aprire” per evitare che i bambini possano accedervi.

Livelli di THC nella cannabis

I livelli di THC nella cannabis dipendono dal ceppo, dal metodo di coltivazione e dall’abilità del coltivatore. Una varietà con un livello di THC inferiore allo 0,2% è considerata in Francia come canapa, che è legale da coltivare e viene usata nell’industria edile, tessile, alimentare, cosmetica, sanitaria, ecc…

A seconda della temperatura a cui viene consumato, agirà anche in modo diverso. Il punto di ebollizione del THC è 157°C.

La concentrazione di THC nella cannabis varia molto. Si ritiene che i livelli di THC nell’erba vadano dal 10 al 15%, nella resina dal 15 al 20%. Alcune estrazioni di cannabis sviluppano livelli di THC del 70-90%.

Più basso è il livello di THC, più i consumatori di cannabis devono consumare per sentire gli effetti.

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed