Entra in contatto con noi

I giovani adulti americani usano più cannabis e psichedelici

Pubblicato

su

Il consumo di cannabis da parte dei giovani americani
PUBLICITE

L’uso di cannabis e di sostanze psichedeliche tra i giovani adulti americani ha raggiunto un livello record, secondo un’indagine federale. I dati sono stati raccolti dal National Institute of Health (NIH) e mostrano una ripresa dopo un anno di basso consumo di tutte le sostanze da parte dei giovani adulti nel 2020 a causa della pandemia.

L’indagine è stata condotta tra persone di età compresa tra i 19 e i 60 anni da aprile a ottobre 2021 e ha rilevato che il 43% dei giovani adulti (di età compresa tra i 19 e i 30 anni) ha riferito di aver fatto uso di cannabis 20 o più volte nell’ultimo mese, con un aumento del 34% rispetto ai risultati dell’indagine precedente. Questi aumenti erano presenti anche tra i soggetti di età compresa tra i 54 e i 50 anni, ma in misura minore.

I ricercatori che hanno condotto l’indagine sono sorpresi da questi risultati, che mostrano che i giovani adulti non sono solo più interessati alla cannabis e agli psichedelici rispetto alle generazioni precedenti, ma anche al vaping con nicotina e all’alcol.

Secondo il NIH, le segnalazioni di binge drinking da parte dei giovani adulti (definite come il consumo di cinque o più drink di fila nelle ultime due settimane) sono tornate ai livelli pre-pandemia nel 2021, dopo essere diminuite significativamente nel 2020.

PUBLICITE

“Il consumo di alcolici ad alta intensità, definito come l’aver bevuto 10 o più drink di fila nelle ultime due settimane, ha raggiunto il livello più alto da quando è stato misurato per la prima volta nel 2005, segnalato dal 13% dei giovani adulti nel 2021, rispetto all’11% del 2005. Tuttavia, il consumo di alcol negli ultimi mesi e anni, così come il consumo giornaliero di alcol, sono diminuiti tra i giovani adulti negli ultimi 10 anni”

Secondo lo studio, molti fattori contribuiscono a questo risultato. Oltre a un atteggiamento più permissivo nei confronti della cannabis e, in una certa misura, degli psichedelici, queste cifre riflettono anche la salute mentale dei giovani adulti negli Stati Uniti, che probabilmente è crollata a causa della pandemia.

La dott.ssa Nora Volkow, direttore del NIH, ha definito i risultati “molto preoccupanti”.

“Quello che ci dicono è che il problema dell’uso di droghe tra i giovani è peggiorato in questo Paese e che la pandemia, con tutti i suoi stress mentali e le sue dislocazioni, ha probabilmente contribuito a questo aumento”, ha dichiarato la dottoressa.

PUBLICITE

In un sondaggio separato condotto da Gallup la scorsa settimana, più americani (16%) hanno dichiarato di aver fumato cannabis che tabacco (11%) nell’ultima settimana.

Anche l’esperienza personale con la cannabis è fortemente correlata all’opinione degli americani su di essa:

  • La grande maggioranza degli adulti che dicono di aver provato la cannabis – quasi la metà degli americani – ritiene che i suoi effetti sui consumatori (70%) e sulla società in generale (66%) siano positivi
  • Al contrario, la maggioranza di coloro che non hanno mai provato la cannabis pensa che i suoi effetti siano negativi: il 72% lo dice dei suoi effetti sulla società e il 62% dei suoi effetti sui consumatori

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed