Entra in contatto con noi

Big Pharma perde miliardi di dollari negli USA per la legalizzazione della cannabis

Pubblicato

su

Legalizzazione della cannabis e Big Pharma
PUBLICITE

Uno studio statunitense sulla legalizzazione della cannabis e la sua influenza sui produttori farmaceutici suggerisce che la legalizzazione della cannabis riduce le vendite annuali dei produttori di farmaci di una media di 3 miliardi di dollari (3,9 miliardi di dollari).

Utilizzando un set di dati e un approccio di stima, i ricercatori della California Polytechnic State University e dell’Università del New Mexico sono arrivati a questa cifra dopo aver esaminato come la legalizzazione tra il 1996 e il 2019 abbia influenzato i rendimenti azionari delle aziende farmaceutiche quotate in borsa.

Il campione principale dello studio comprendeva i dati dei rendimenti azionari giornalieri di 556 società, di cui 520 classificate come società di compounding o entità farmaceutiche. Un sottocampione di 91 aziende comprendeva 16 produttori di farmaci di marca e 75 di farmaci generici.

In generale, il valore medio di mercato di un’azienda nel campione principale è di 8,9 miliardi di dollari (11,7 miliardi di dollari) e nel sottocampione “le aziende generiche tendono a essere molto più piccole di quelle di marca”

PUBLICITE

I ricercatori hanno scoperto che i rendimenti azionari delle aziende, in media, erano inferiori dell’1,5-2% 10 giorni dopo la legalizzazione in uno Stato americano.

Definendo la differenza statisticamente significativa e notando che persiste per 20 giorni dopo la legalizzazione, i ricercatori affermano che “ciò corrisponde a una perdita di circa 133-177 milioni di dollari (174-232 milioni di dollari) per azienda”. Spiegano che questa cifra viene calcolata moltiplicando il valore dei rendimenti anomali cumulati, ossia l’1,5-2%, per il valore medio del mercato.

La cannabis medica ha un’influenza a lungo termine sui rendimenti farmaceutici

Mentre la legalizzazione della cannabis è ampiamente associata a rendimenti azionari più bassi per le aziende farmaceutiche, “la legalizzazione medica ha un effetto più moderato sui rendimenti cumulativi rispetto alla legalizzazione ricreativa, ma è più persistente”. Le aziende generiche sono più colpite in termini percentuali, mentre le aziende di marca sono più colpite in termini di grandezza a causa del loro maggiore valore di mercato”

“Scopriamo che la variazione media del valore di mercato di un’impresa per ogni evento di legalizzazione è di 63 milioni di dollari”, scrivono i ricercatori. “Essi sottolineano inoltre che, se si includono tutte le imprese, la rilevanza economica di una stima di 9,8 miliardi di dollari di ‘perdita del valore di mercato delle imprese per evento di legalizzazione della cannabis’ è estremamente grande”

PUBLICITE

I produttori di farmaci di marca vedono scomparire la differenza nei loro rendimenti entro pochi giorni dall’evento, ma per i produttori di farmaci generici la reazione degli investitori alla riforma della cannabis “è di maggiore entità e persistente”

Nonostante ciò, gli autori aggiungono che i risultati devono essere interpretati con cautela. “Un limite fondamentale è che abbiamo modellato gli investitori come razionali, il che potrebbe sovrastimare la rilevanza economica dei nostri risultati”, si legge nell’articolo pubblicato sulla rivista open access e peer-reviewed PLOS One.

“Per i produttori di farmaci, sia pubblici che privati, ci aspettiamo che la risposta alla legalizzazione includa investimenti e marketing”, conclude lo studio, citando il fatto che Pfizer ha speso miliardi per acquisire una “società biotecnologica focalizzata su terapie simili ai cannabinoidi”.

“Le aziende farmaceutiche hanno dedicato notevoli sforzi e dollari per combattere la legalizzazione della cannabis“, continua lo studio. “Questi sono segni che l’industria farmaceutica dal punto di vista del marketing, la cannabis attualmente rimane lontana da un equivalente terapeutico [Food and Drug Administration] approvato, e questo può spiegare perché le aziende farmaceutiche hanno dedicato meno sforzi all’educazione dei medici”

“Al di là degli effetti per le diverse popolazioni interessate, il nostro studio suggerisce che la cannabis potrebbe essere uno strumento utile per aumentare la concorrenza nei mercati della droga degli Stati Uniti”, hanno detto gli autori.

I consumatori di cannabis stanno abbandonando i prodotti farmaceutici?

I ricercatori suggeriscono che la legalizzazione della cannabis da parte degli Stati Uniti “probabilmente aumenta l’uso della cannabis come alternativa ai farmaci convenzionali”.

Un’analisi supportata da studi precedenti. Nel 2019, un’analisi di 450 adulti che si sono identificati come attuali consumatori di cannabis negli Stati Uniti ha rilevato che il 44% dei consumatori di cannabis terapeutica ha smesso di assumere un farmaco, o ne ha usato meno, o entrambi, a favore della cannabis.

“In generale, le persone usano la cannabis terapeutica per trattare il dolore, i problemi alla schiena, la depressione e il mal di testa”, riferisce l’Università del Michigan.

La cannabis è anche usata in modo aneddotico e in studi di ricerca per trattare la salute mentale.

Nella primavera del 2022, i ricercatori dell’Harvest Medicine Institute di Calgary annunciarono che le loro scoperte supportavano l’idea che la cannabis medica potesse aiutare a trattare ansia e depressione. Sulla base delle informazioni fornite da 7.362 pazienti, i ricercatori hanno citato risultati migliori dopo l’inizio del trattamento e a un anno di follow-up.

Tuttavia, l’uso della cannabis per scopi medici deve essere concordato con i medici. I ricercatori della Washington State University hanno effettivamente riportato alla fine del 2021 che i consumatori di cannabis che usano anche altri farmaci per trattare varie condizioni potrebbero ridurre l’efficacia di tali farmaci.

I ricercatori hanno scoperto che gli effetti positivi delle droghe potevano diminuire o aumentare, spiegando che sembra che alcuni cannabinoidi e metaboliti della cannabis “interferiscano con due famiglie di enzimi che aiutano a metabolizzare una vasta gamma di farmaci prescritti per varie condizioni”

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed