Entra in contatto con noi

Il governo dello Stato di Victoria (Australia) è aperto alla depenalizzazione della cannabis

Pubblicato

su

Depenalizzazione della cannabis nel Victoria
PUBLICITE

Il governo dello stato australiano di Victoria ha dichiarato di essere aperto a discussioni sulla depenalizzazione dell’uso personale di cannabis, sollevando la prospettiva di una riforma sostanziale della legislazione sugli stupefacenti.

L’annuncio segue il rifiuto di una proposta di legge dei deputati di Legalise Cannabis, che proponeva la legalizzazione dell’uso personale di cannabis da parte degli adulti e la coltivazione di un massimo di sei piante. Nonostante il rifiuto, il governo ha espresso la volontà di continuare le discussioni, riconoscendo sia i benefici che i rischi associati a tale proposta.

Ingrid Stitt, ministro della Salute mentale, citata da The Age, ha dichiarato che “il Labour ha visto dei benefici nella proposta, ma anche dei rischi”. Una posizione che pone le basi per un’esplorazione sfumata delle molteplici prospettive sulla depenalizzazione della cannabis nel Victoria.

La proposta di legalizzazione della cannabis

La proposta del partito Legalise Cannabis ha cercato di fornire una risposta sanitaria al consumo di cannabis, concentrandosi su un approccio in tre fasi per la piena regolamentazione del mercato. La proposta di legge originale permetteva agli adulti di possedere piccole quantità per uso personale e di coltivare fino a sei piante. La cannabis può essere regalata, ma non venduta, e un assistente designato può coltivare per conto di altri. Tuttavia, rimarrebbero reati come la guida in stato di ebbrezza, la somministrazione a bambini e il fumo in pubblico.

PUBLICITE

David Ettershank di Legalise Cannabis ha detto: “Abbiamo questa bizzarra situazione nel Victoria dove c’è un mercato illecito che vale almeno 1,2 miliardi di dollari all’anno…. Perché?”

Il partito sostiene che le risorse statali potrebbero essere reindirizzate dall’applicazione della legge sulla cannabis a iniziative sanitarie ed educative, oltre al potenziale di generazione di entrate attraverso la tassazione in un mercato legale e regolamentato.

Rifiuto ma apertura da parte del governo

Nonostante il rifiuto della proposta di legge nella sua forma attuale, il governo si è dimostrato aperto a ulteriori discussioni. Il Primo Ministro Jacinta Allan ha detto che le discussioni con Legalise Cannabis continueranno, ma che non sono previsti cambiamenti immediati nella politica. Questa dichiarazione segna un cambiamento rispetto alla ferma opposizione del precedente governo a qualsiasi cambiamento nella legislazione sulle droghe riguardante la cannabis.

Rachel Payne di Legalise Cannabis ha dichiarato: “Voglio che la Premier vittoriana mostri coraggio nella sua risposta a questo disegno di legge e ponga fine alle ingiustizie di cui sono vittime le decine di migliaia di adulti che fanno uso di cannabis nel Victoria”.

PUBLICITE

I membri del Crossbench, tra cui David Limbrick dei Libertari, vedono il piano di legalizzazione della cannabis come più moderato di quanto desiderato. Tuttavia, David Ettershank difende la proposta come “modesta e di buon senso”, chiedendo la rimozione di una “proibizione obsoleta di 95 anni”.

Sione Crawford, direttore esecutivo di Harm Reduction Victoria, suggerisce che la depenalizzazione potrebbe ridurre lo stigma e migliorare la probabilità che gli individui cerchino aiuto per il loro uso di cannabis. Un rapporto del Pennington Institute ha rilevato che il 37% degli australiani di età superiore ai 14 anni ha fatto uso di cannabis e un sondaggio del 2019 dell’Australian Institute of Health and Wellbeing indica un crescente sostegno pubblico alla legalizzazione.

Il consumo ai vertici dello Stato

Il tesoriere dello Stato vittoriano Tim Pallas sostiene una risposta alla cannabis basata sulla salute, esprimendo la sua personale convinzione che il consumo di cannabis non dovrebbe essere un crimine. In effetti, ha ammesso di fare uso di cannabis quando gli è stato chiesto il suo parere personale sulla legalizzazione nello Stato.

“Non credo che un approccio criminale sia la cosa migliore. Sarebbe meglio un approccio sanitario”

Anche il premier Jacinta Allan e il leader dell’opposizione John Pesutto hanno ammesso di aver fatto uso di cannabis in passato.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Trovaci su logo Google NewsNewsE in altre lingue:Newsweed FranceNewsweed EspañaNewsweed Nederland

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed