Entra in contatto con noi
Puffy

Il rapporto delle Nazioni Unite esorta i governi a smettere di criminalizzare i consumatori di droga

Pubblicato

su

Porre fine alla criminalizzazione dei consumatori di droga
Seguici su Facebook
PUBLICITE

Un rapporto dell’Ufficio dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani (OHCHR) chiede di abbandonare le misure punitive per affrontare il problema globale della droga a favore di politiche basate sui diritti umani e sulla salute pubblica, sostenendo che l’uso sproporzionato di sanzioni penali è dannoso.

Il rapporto esorta gli Stati a sviluppare politiche efficaci in materia di droga, considerando anche la depenalizzazione del possesso di droga per uso personale.

“Se progettata e attuata in modo efficace, la depenalizzazione può essere un potente strumento per garantire la tutela dei diritti delle persone che fanno uso di droghe”, si legge nel rapporto.

le leggi, le politiche e le pratiche attuate per combattere il consumo di droga non devono avere l’effetto di esacerbare la sofferenza umana”. Il problema della droga rimane una grave preoccupazione, ma trattare i tossicodipendenti come criminali non è la soluzione”, ha dichiarato Volker Türk, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani.

PUBLICITE

“Gli Stati dovrebbero abbandonare l’attuale attenzione dominante per la proibizione, la repressione e la punizione, e adottare invece leggi, politiche e pratiche radicate nei diritti umani e finalizzate alla riduzione del danno”.

Il rapporto dell’Ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani, su mandato del Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani, rileva che l’uso sproporzionato di sanzioni penali scoraggia le persone che fanno uso di droghe dal cercare un trattamento e alimenta la stigmatizzazione e l’esclusione sociale.

Secondo le ultime statistiche disponibili del Rapporto mondiale sulle droghe 2023, le persone che fanno uso di droghe sono colpite in modo sproporzionato da virus trasmissibili per via ematica, quasi 660.000 persone muoiono ogni anno per cause legate alla droga e il 10% di tutte le nuove infezioni da HIV in tutto il mondo nel 2021 è avvenuto tra le persone che si iniettano droghe.

Secondo il rapporto, gli effetti dannosi di queste politiche sono profondi e di vasta portata. La militarizzazione delle forze dell’ordine nell’ambito della “guerra alla droga” contribuisce a gravi violazioni dei diritti umani, tra cui le esecuzioni extragiudiziali. L’uso sproporzionato di sanzioni penali contribuisce in modo significativo al sovraffollamento delle carceri.

PUBLICITE

Il rapporto sottolinea che gli effetti di queste politiche sono più gravi per le persone di origine africana, le donne, le popolazioni indigene e i giovani provenienti da ambienti poveri.

“Le attuali politiche sulle droghe hanno il maggiore impatto sulle persone più povere e vulnerabili”, afferma Turk.

Anche l’uso della pena di morte per condanne legate alla droga è aumentato in tutto il mondo, in violazione degli standard internazionali sui diritti umani. Il numero di persone giustiziate per reati legati alla droga sarà più che raddoppiato nel 2022 rispetto al 2021, rappresentando il 37% di tutte le esecuzioni a livello mondiale, si legge nel rapporto.

“L’attuale eccessiva enfasi sulla coercizione e sul controllo nella lotta alla droga sta alimentando un aumento delle violazioni dei diritti umani, nonostante le prove sempre più evidenti che decenni di criminalizzazione e la cosiddetta guerra alla droga non hanno né protetto il benessere delle persone né scoraggiato i crimini legati alla droga”, ha dichiarato Türk.

Il rapporto mostra che un numero crescente di Paesi in tutte le regioni sta adottando politiche e pratiche che depenalizzano il consumo di droga e lo trattano come una questione di salute pubblica e di diritti umani, applicando approcci basati sull’evidenza che tengono conto della parità di genere e della riduzione del danno.

L’Alto Commissario ha invitato gli Stati a costruire su questa tendenza positiva.

Un gruppo di rappresentanti delle Nazioni Unite e di esperti di diritti umani ha già chiesto la fine della “guerra globale alla droga” lo scorso giugno.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Trovaci su logo Google NewsNewsE in altre lingue:Newsweed FranceNewsweed EspañaNewsweed NederlandNewsweed PortugalNewsweed Deutschland

Newsweed è la principale fonte di informazioni sulla cannabis legale in Europa - © Newsweed