Entra in contatto con noi

La cannabis potrebbe essere una soluzione alla resistenza agli antibiotici?

Pubblicato

su

Cannabinoidi e antiobiotici
PUBLICITE

In un recente studio pubblicato sulla rivista Pharmaceuticals, un team di chimici malesi ha raccolto le prove che i cannabinoidi funzionano per combattere le infezioni dove altri farmaci falliscono.

“La C. sativa è una pianta con un potenziale non sfruttato”, scrivono gli autori. “Questa pianta versatile può essere utilizzata per diversi scopi. Nonostante il suo complesso profilo metabolico e il suo uso come sostanza ricreativa, i suoi benefici terapeutici non dovrebbero essere ignorati o messi in ombra”

“Sulla base di tutti i dati di questo studio, i cannabinoidi e altri costituenti della cannabis hanno mostrato impressionanti proprietà antibatteriche in vitro che dovrebbero essere ulteriormente esplorate nella ricerca di nuove sostanze che potrebbero potenzialmente funzionare come agenti antimicrobici contro batteri clinicamente significativi”, concludono.

L’uso dei cannabinoidi in combinazione con altri farmaci sembra quindi essere una delle vie preferite, “i risultati di studi precedenti suggeriscono che i cannabinoidi possono potenzialmente migliorare l’efficacia degli antibiotici esistenti”

PUBLICITE

Cannabinoidi e proprietà antibiotiche

Nel 2020, uno studio danese aveva già osservato che . I ricercatori hanno scoperto che utilizzando il CBD in aggiunta ai trattamenti tradizionali, gli stafilococchi non si sono più divisi come avrebbero fatto normalmente. In questo modo è stato necessario un minor numero di antibiotici per il trattamento.

Uno studio pubblicato nel 2021 sulla rivista Communications Biology ha testato l’effetto del CBD sui batteri e ha scoperto che era efficace contro più di 20 tipi di batteri, molti dei quali resistenti ai farmaci.

“È importante notare che dimostriamo anche che CBD non porta alla resistenza dopo un’esposizione ripetuta”, scrivono gli autori, indicando che può rimanere utile nel tempo, mentre l’efficacia di alcuni antibiotici può svanire in soli due anni o meno.

Una conclusione raggiunta anche da ricercatori australiani nel 2019.

PUBLICITE

“Visti i documentati effetti antinfiammatori del cannabidiolo, i dati di sicurezza esistenti sull’uomo e il potenziale di diverse vie di somministrazione, si tratta di un nuovo antibiotico promettente che merita ulteriori studi”, ha dichiarato il dottor Blaskovich.

“La combinazione tra l’attività antimicrobica intrinseca e il potenziale di riduzione dei danni causati dalla risposta infiammatoria alle infezioni è particolarmente interessante”

Il CBD non è l’unico cannabinoide con un potenziale effetto sui superbatteri. Anche il CBG, sebbene la sua farmacologia sia più complessa, è stato chiamato a combattere i superbatteri resistenti agli antibiotici.

Secondo ricercatori canadesi, il CBG è efficace contro lo Staphylococcus aureus (MRSA) resistente alla meticillina, al pari della vancomicina, un antibiotico che i medici spesso usano come ultima opzione per uccidere i batteri che hanno resistito a tutti gli altri farmaci.

Nello stesso studio, la CBG è risultata efficace contro i batteri Gram-negativi se combinata con la polimixina B, mentre non ha avuto alcun effetto se testata da sola.

Gli autori dello studio pubblicato su Pharmaceuticals osservano che l’ostacolo maggiore al momento è la difficoltà di condurre ricerche sui cannabinoidi.

“A causa della difficoltà di conformarsi ai requisiti legali di queste leggi, i ricercatori e le agenzie di finanziamento potrebbero essere meno inclini a prendere in considerazione prodotti innovativi”, lamentano gli autori in Pharmaceuticals

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed