Entra in contatto con noi

La Commissione europea registra parzialmente un’iniziativa dei cittadini europei sulla cannabis

Pubblicato

su

Iniziativa europea sulla cannabis
PUBLICITE

La Commissione Europea ha annunciato di aver autorizzato un’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) per promuovere l’accesso alla cannabis terapeutica e incoraggiare la ricerca sul suo potenziale terapeutico.

Le varie associazioni europee che sostengono l’iniziativa hanno ora sei mesi di tempo per lanciare una campagna di petizione e un anno per raccogliere un milione di firme in almeno sette Stati membri, al fine di costringere la proposta a essere esaminata.

La proposta originale conteneva 3 obiettivi:

  • convocare un’assemblea di cittadini transeuropei sulle politiche della cannabis, comprese le sanzioni e la coerenza delle politiche degli Stati membri
  • favorire l’accesso alla cannabis terapeutica e autorizzare il trasporto della cannabis e dei suoi derivati prescritti per scopi terapeutici, al fine di garantire il pieno godimento del diritto alla salute
  • stanziare le risorse necessarie per la ricerca sulla cannabis a scopo terapeutico

La Commissione ha quindi mantenuto solo le ultime due proposte e non deciderà su una standardizzazione delle politiche europee sulla cannabis, che potrebbe mettere in discussione il principio stesso della petizione.

PUBLICITE

“La Commissione ha dovuto rifiutare la registrazione del primo obiettivo dell’iniziativa, in quanto non rientra nelle sue competenze presentare una proposta di atto giuridico in materia”

Nel 2014, tuttavia, la Commissione aveva già accettato un’ICE sull’armonizzazione delle politiche europee in materia di cannabis e sulla legalizzazione della cannabis. Intitolata “All’erba piace parlare”, era riuscita a raccogliere 170.000 firme.

“La Commissione non ha analizzato il contenuto delle proposte in questa fase”, ha aggiunto. “La decisione di registrare l’iniziativa per quanto riguarda il secondo e il terzo obiettivo è di natura legale e non pregiudica le conclusioni legali e politiche finali della Commissione su questa iniziativa e l’azione che intende intraprendere, se del caso, se l’iniziativa dovesse ottenere il necessario sostegno”

Gli organizzatori avevano inizialmente proposto una versione leggermente ampliata dell’iniziativa lo scorso novembre, ma gli obiettivi sono stati consolidati a seguito di una prima revisione e del feedback della Commissione.

PUBLICITE

Se gli autori dell’iniziativa raccoglieranno almeno un milione di firme entro un anno, la Commissione “dovrà decidere se dare seguito alla richiesta e sarà tenuta a spiegarne le ragioni”.

Il provvedimento, intitolato “Iniziativa europea sulla cannabis” (ECI), afferma che l’UE ha “progressivamente adottato posizioni comuni su approcci innovativi alle politiche sulle droghe incentrati sui diritti umani, posizione che si riflette nella sua partecipazione alle riunioni delle Nazioni Unite”.

Inoltre sottolinea che Stati membri come Germania, Lussemburgo e Malta hanno portato avanti riforme più ampie per legalizzare la cannabis.

“La mancanza di progressi significativi nel contenimento degli stupefacenti illeciti in Europa richiede un ripensamento radicale dell’approccio che per decenni ha fallito nel ridurre l’offerta e la domanda di droga. Non è dimostrato che l’inasprimento delle pene abbia reso più efficace il sistema di controllo delle droghe in Europa, mentre ha mobilitato le risorse per ridurre i rischi e/o i danni associati al consumo problematico di droga. Questa ICE si propone di esaminare alcune delle ragioni per cui ciò è accaduto”.

L’anno scorso, un gruppo di esperti delle Nazioni Unite ha chiesto la fine della guerra globale alle droghe e una commissione separata sulla politica delle droghe, composta da presidenti e primi ministri di tutto il mondo, ha sostenuto la necessità di un accesso legale e regolamentato alle sostanze attualmente illegali.

Nel contesto di questa possibile iniziativa europea sulla cannabis, i leader della coalizione di governo dello Stato membro dell’UE Germania hanno recentemente dichiarato di aver raggiunto un accordo finale su una proposta di legge per la legalizzazione della cannabis a livello nazionale, aprendo la strada a un voto nell’ultima settimana di febbraio e alla promulgazione in aprile.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Trovaci su logo Google NewsNewsE in altre lingue:Newsweed FranceNewsweed EspañaNewsweed Nederland

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed