Entra in contatto con noi

La Polinesia francese vota per la legalizzazione della cannabis terapeutica (ma…)

Pubblicato

su

La Polinesia vota per la legalizzazione della cannabis terapeutica
PUBLICITE

L’Assemblea polinesiana ha adottato la legalizzazione della cannabis terapeutica giovedì 17 novembre. Tuttavia, i parlamentari locali temono la fragilità del testo e denunciano l’opportunismo dello Stato che ha agito senza consultazione.

Il presidente polinesiano, Edouard Fritch, sta infatti trascinando la legalizzazione dell’uso terapeutico della cannabis, una politica che è di competenza dello Stato polinesiano e che non ha bisogno dell’avallo delle metropoli. Fritch, che parla regolarmente degli “effetti perversi” della cannabis medica e della necessità di un “dibattito sociale”, ha preferito fino a poco tempo fa i risultati di uno studio condotto in Polinesia sulle varietà locali di cannabis prima di poter proporre un testo.

Tuttavia, il governo polinesiano ha presentato questa settimana un testo sulla modifica della classificazione delle sostanze velenose, che consentirebbe un regime derogatorio in Polinesia per la cannabis a uso terapeutico, dalla sua produzione alla sua commercializzazione.

Tuttavia, secondo i rapporti locali, il testo del governo presenterebbe dei difetti che potrebbero portare al suo annullamento da parte dei tribunali. Inoltre, è accusato di essere arrivato poco prima di importanti elezioni e di non essere stato scritto in consultazione con professionisti e parti sociali. Inoltre, il provvedimento scavalca che era stata presentata più di un anno fa dalla deputata Nicole Sanquer, un’importante figura dell’opposizione al presidente Edouard Fritch, ma che non è mai stata presa in considerazione.

PUBLICITE

Per il presidente del partito A Here ia Porinetia, la legge del Paese sulla cannabis terapeutica è una “delusione”.

“Questo testo non è stato oggetto di alcuna consultazione con gli attori locali, gli operatori tradizionali, i pazienti stessi, anche se il presidente aveva chiesto un’ampia consultazione” ha spiegato a Radio1.

Secondo l’autrice, le definizioni contenute nell’articolo 1 sono viziate da illegalità e il testo potrebbe essere ribaltato dai tribunali, come è avvenuto nel 2018.

“Il governo sta legalizzando direttamente l’uso della cannabis terapeutica, senza passare per una fase sperimentale. Abbiamo visto nella commissione legislativa che il progetto non era maturo, che il ministro [della Salute] non poteva rispondere alle nostre domande sulle patologie mirate, sulla prescrizione, sulla distribuzione, tutto ciò è vago e inoltre il ministro lo ha detto oggi, se la legge del Paese viene votata oggi, la sua applicazione potrebbe essere rimandata a un anno o addirittura a diversi anni” dice Nicole Sanquer, “poiché per la sua applicazione l’assemblea dovrà votare più delibere e il consiglio dei ministri dovrà convalidare diversi ordini”

PUBLICITE

Il legislatore deve ora approvare il testo affinché diventi legge, cosa che dovrebbe avvenire entro la fine dell’anno.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed