Entra in contatto con noi

La tennista americana Casey Kania sospesa per 2 anni dopo essere risultata positiva alla cannabis

Pubblicato

su

Casey Kania
PUBLICITE

L’International Tennis Integrity Agency (ITIA) ha recentemente annunciato che la tennista statunitense Casey Kania è stata sospesa per aver violato il Tennis Anti-Doping Program (TADP). La sospensione, che ha una durata di due anni, fa seguito al test positivo di Kania per la cannabis in un torneo ATP Challenger Tour tenutosi a Cary, North Carolina.

L’incidente ha suscitato una discussione sull’uso di sostanze ricreative nello sport professionistico, in particolare negli Stati in cui la cannabis è legale, e sulle conseguenze per gli atleti che risultano positivi ai test.

THC vietato dalla WADA

Secondo varie fonti, l’esame delle urine in gara di Kania al torneo di Cary ha rivelato la presenza di THC, una sostanza vietata dall’Agenzia Mondiale Antidoping (WADA). L’analisi che ha confermato la presenza di cannabis ha portato all’accusa di Kania di violazione delle regole antidoping secondo la TADP.

L’ITIA ha riconosciuto che Kania non ha violato intenzionalmente le disposizioni del TADP, ma ha rilevato la sua incapacità di dimostrare l’assenza di colpa o negligenza per la violazione. Di conseguenza, Kania è stato sospeso per due anni, dal 2 febbraio al 1° febbraio 2026. Questa sospensione comporta gravi ripercussioni, tra cui la perdita di tutti i risultati, i punti di classifica e i premi in denaro accumulati al torneo Challenger di Cary.

PUBLICITE

Impatto sulla carriera di Kania

La carriera di Casey Kania è di fatto interrotta da questa sospensione. Nonostante sia un giocatore di classifica relativamente bassa, con il suo miglior ranking in doppio di 1.317°, le aspirazioni di Kania di scalare le classifiche sono compromesse.

All’ex giocatore della University of North Carolina è ora vietato partecipare, allenare o assistere a qualsiasi evento tennistico associato all’ITIA, compresi ATP, ITF, WTA, Tennis Australia, Federazione Francese di Tennis, Wimbledon e USTA, che comprende tutti e quattro i tornei del Grande Slam, compresi gli Open di Francia.

Il caso di Kania ha riaperto il dibattito sull’uso della cannabis nello sport professionistico. Mentre alcuni sostengono la sua depenalizzazione e la rimozione dalle sostanze che migliorano le prestazioni, come ad esempio nell’UFC, altri insistono sull’importanza del rispetto delle regole antidoping per garantire una competizione leale. L’inclusione del THC nell’elenco delle sostanze vietate della WADA solleva interrogativi sulla sua classificazione e sul suo impatto sugli atleti, in particolare nelle giurisdizioni in cui il suo uso ricreativo è legalizzato.

Al di là delle circostanze individuali di Kania, la sua sospensione ricorda le severe conseguenze cui vanno incontro gli atleti che violano le norme antidoping. Recentemente, l’atleta dei 100 e 200 metri Sha’Carri Richardson è stata testata positiva alla cannabis e ha perso le ultime Olimpiadi estive. Ha poi vinto il titolo mondiale dei 100 metri femminili a Budapest nel 2023, con un tempo di 10,65 secondi. Anche la saltatrice in lungo americana Tara Davis-Woodhall ha perso il titolo dopo essere risultata positiva alla cannabis.

PUBLICITE

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Trovaci su logo Google NewsNewsE in altre lingue:Newsweed FranceNewsweed EspañaNewsweed Nederland

Newsweed è la principale fonte di informazioni sulla cannabis legale in Europa - © Newsweed