Entra in contatto con noi

La cannabis deve rimanere nella lista proibita dell’Agenzia Mondiale Antidoping

Pubblicato

su

Cannabis e lista antidoping
PUBLICITE

Secondo un articolo del Wall Street Journal, l’Agenzia Mondiale Antidoping (WADA) dovrebbe mantenere la cannabis nella sua lista di sostanze proibite per il 2023.

Un comitato consultivo ha riesaminato la sua inclusione nella lista nel corso dell’ultimo anno, dopo che la squalifica della campionessa statunitense di sprint Sha’Carri Richardson alle Olimpiadi di Tokyo ha aperto il dibattito sull’opportunità di vietare la sostanza agli atleti.

Una bozza di lista, che sarà finalizzata con il comitato esecutivo della WADA nella riunione del 23 settembre, include ancora la cannabis, secondo il WSJ. I cannabinoidi sono classificati come sostanze d’abuso, insieme a cocaina, eroina ed ecstasy. Un test positivo fuori dalle competizioni comporta una sospensione di tre mesi, che può essere ridotta a un mese se l’atleta segue un programma di trattamento. La precedente sanzione, ridotta dalla WADA lo scorso anno, prevedeva una sospensione dalle competizioni da due a quattro anni.

La Richardson è stata la protagonista delle prove olimpiche statunitensi della scorsa estate, quando ha vinto la finale dei 100 metri in 10,86, rivelando dopo la gara di aver recentemente perso la madre.

PUBLICITE

Dopo la gara, è risultata positiva al THC. In seguito disse di aver fatto uso di cannabis per affrontare la notizia della morte della madre. La sospensione di un mese le ha impedito di partecipare alle Olimpiadi di Tokyo. La sua sospensione ha attirato l’attenzione di molti atleti professionisti, celebrità e politici. Le rappresentanti statunitensi Jamie Raskin e Alexandra Ocasio-Cortez hanno scritto una lettera ai capi della WADA e della USADA chiedendo loro di riconsiderare le sanzioni per il consumo di cannabis a scopo ricreativo.

La cannabis è legale anche in Oregon, dove si sono svolte le prove olimpiche statunitensi.

Il Comitato Antidoping olandese ha chiesto la rimozione della cannabis dalla lista delle sostanze proibite. L’Agenzia Antidoping degli Stati Uniti (USADA) ha spinto per una revisione scientifica della cannabis, ma secondo la WADA, l’agenzia non ha chiesto la sua completa rimozione.

“Per quasi un decennio, l’USADA ha chiesto alla WADA di cambiare il suo approccio alla cannabis in modo che un test positivo non costituisca una violazione, a meno che non sia stato usato intenzionalmente per migliorare le prestazioni o mettere in pericolo la salute o la sicurezza dei concorrenti”, ha dichiarato al WSJ Travis Tygart, direttore generale dell’Agenzia Antidoping degli Stati Uniti (USADA).

PUBLICITE

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed