Entra in contatto con noi

Gilbert-Luc Devinaz: “La legalizzazione è la soluzione meno peggiore”

Pubblicato

su

PUBLICITE

Il senatore socialista presenterà presto, con il suo gruppo parlamentare, una proposta di legge per legalizzare la cannabis in Francia. Un nuovo tentativo che ha poche possibilità di successo, ma che continua il dibattito. Newsweed lo ha incontrato, al Senato

Newweed: nel 2015 una proposta di legge per la legalizzazione è fallita al Senato. All’Assemblea nazionale sono stati respinti anche altri testi nel 2017, 2018, 2019 e 2022. Questa volta, ci credete?

Gilbert-Luc Devinaz: No. Ma perdiamo solo le battaglie che non combattiamo (ride).

Ma allora perché tentare la fortuna se non ci si crede?

PUBLICITE

Penso che il dibattito sia sempre arricchente. In Parlamento siamo qui per discutere. Questa è la forza di una società democratica. È vero che è frustrante avere una legge che non passa. Ma c’è anche un lato gioioso nell’aver potuto dibattere. È meglio del silenzio.

No, è in fase di stesura. Di norma, sarà presentata alla fine del 2022. Abbiamo già ascoltato l’ex deputata Michèle Victory, l’economista Christian Ben Lakhdar, il rappresentante di NORML Francia Hugo Bessenay. E vorremmo sentire magistrati, forze di polizia, medici… Le porte non sono chiuse.

Ci sono diversi modelli di legalizzazione della cannabis, tra i Paesi che hanno fatto il grande passo. Quale dovremmo seguire in Francia?

PUBLICITE

Ci sono diversi punti importanti da definire. Il primo è l’età. I diciottenni dovrebbero essere autorizzati ad acquistare legalmente la cannabis? I medici raccomandano di evitare il consumo prima dei 25 anni. Tra i 18 e i 25 anni dobbiamo trovare il giusto equilibrio. Non dovremmo fissare l’età troppo tardi, perché ciò potrebbe alimentare un mercato nero parallelo. In secondo luogo, il prezzo. Anch’essa non deve essere troppo alta, come le sigarette. Inoltre, dobbiamo definire dove la cannabis può essere acquistata. Siamo a favore di un luogo specifico, come i negozi CBD. Infine, è necessario determinare il ruolo dello Stato.

A questo proposito, è favorevole a un monopolio pubblico, come in Quebec per esempio?

(alza le spalle) La Francia lo ha fatto bene con il tabacco! Non sono favorevole alla libera impresa nel commercio della cannabis, perché l’obiettivo è ridurre il numero di consumatori, non aumentarlo. Non possiamo chiedere allo Stato di diventare un coltivatore di cannabis… ma possiamo immaginare un modello in cui deleghi ai coltivatori e controlli rigorosamente la qualità del prodotto.

Il Lussemburgo ha appena autorizzato l’autocoltivazione della cannabis, il governo tedesco vuole introdurre una legge per legalizzarne il commercio entro la fine dell’anno. In Francia, il governo ha inasprito la repressione con una multa di 200 euro. Perché questo divario?

La Francia è conservatrice. Storicamente abbiamo avuto una cattiva immagine della cannabis. In primo luogo perché è una droga che proviene dalle colonie (il Marocco, il principale produttore di cannabis, è stato un protettorato francese per 40 anni).
In secondo luogo, perché la cannabis è associata alle manifestazioni del maggio ’68, al movimento hippie e a tutto ciò che spaventava i poteri dell’epoca. E poi gli oppositori della legalizzazione pensano che permettere la cannabis sia come permettere alle persone di assumere droghe. Infine, ci sono molti spacciatori che non hanno interesse alla legalizzazione.

Secondo lei, il ministro dell’Interno Gérald Darmanin è un freno?

Pensa che il proibizionismo riduca il consumo di cannabis, mentre non è così. Secondo lui, è necessario aumentare il numero delle forze di polizia, intasando i tribunali. Ma non funziona così. E poi pensa anche al 2027, pensando di sedurre un elettorato di destra con un discorso incentrato sulla sicurezza.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed