Entra in contatto con noi

Secondo un nuovo rapporto, i paesi ricchi hanno speso più di un miliardo di dollari per la guerra globale alla droga

Pubblicato

su

Guerra alla droga
PUBLICITE

Un recente rapporto di Harm Reduction International (HRI) evidenzia come i Paesi più ricchi, come gli Stati Uniti e l’Europa, continuino a fornire ingenti aiuti esteri alla guerra globale alla droga, destinati principalmente alle forze dell’ordine e agli sforzi militari.

HRI chiede ai governi di “smettere di usare il denaro dei loro limitati bilanci per gli aiuti” per sostenere politiche che hanno un impatto negativo sulle persone che fanno uso di droghe.

Il rapportoAid for the War on Drugs” rivela che tra il 2012 e il 2021, 30 Paesi donatori hanno stanziato 974 milioni di dollari in aiuti internazionali per la “guerra alla droga”.

Parte di questi aiuti, per un totale di almeno 70 milioni di dollari, sono stati destinati a Paesi che applicano la pena di morte per reati legati alla droga.

Come si legge nel rapporto, nel 2021 sono stati assegnati fondi all’Indonesia per sostenere un “programma di formazione contro il narcotraffico”, nello stesso anno in cui l’Indonesia ha emesso la cifra record di 89 condanne a morte per reati legati alla droga. Il Giappone ha dato all’Iran diversi milioni di dollari per aiutare a finanziare le sue unità cinofile antidroga, mentre l’Iran è destinato a giustiziare almeno 131 persone per reati legati alla droga nel 2021.

PUBLICITE

Nell’arco di un decennio, gli Stati Uniti sono diventati il principale contribuente, con oltre la metà dei finanziamenti globali per la guerra alla droga, pari a 550 milioni di dollari. Seguono l’Unione Europea (282 milioni di dollari), il Giappone (78 milioni di dollari), il Regno Unito (22 milioni di dollari), la Germania (12 milioni di dollari), la Finlandia (9 milioni di dollari) e la Corea del Sud (8 milioni di dollari), secondo Marijuana Moment.

La guerra alla droga riceve più aiuti esteri dell’alimentazione scolastica, dell’educazione della prima infanzia, dei diritti dei lavoratori e della cura della salute mentale. Nel periodo descritto nel rapporto, 92 Paesi hanno ricevuto aiuti per il “controllo della droga”. I principali beneficiari sono stati Colombia (109 milioni di dollari), Afghanistan (37 milioni di dollari), Perù (27 milioni di dollari), Messico (21 milioni di dollari), Guatemala e Panama (10 milioni di dollari ciascuno).

“C’è una lunga storia di politiche sulle droghe utilizzate dalle potenze mondiali per rafforzare e imporre il loro controllo su altre popolazioni e per colpire comunità specifiche”, si legge nel rapporto. le dinamiche razziste e coloniali continuano ancora oggi, con i governi più ricchi, guidati dagli Stati Uniti, che spendono miliardi di dollari dei contribuenti in tutto il mondo per rafforzare o espandere i regimi punitivi di controllo della droga e le relative misure di applicazione della legge”.

“Questi flussi di finanziamento non sono in linea con le prove esistenti e con gli impegni internazionali in materia di sviluppo, salute e diritti umani, compreso l’obiettivo di eradicare l’AIDS entro il 2030”, sottolinea il rapporto. “Si basano su sistemi che danneggiano e rafforzano in modo sproporzionato le popolazioni nere e indigene in tutto il mondo”

Mentre alcuni Paesi, come il Regno Unito, hanno ridotto la spesa per le iniziative antidroga all’estero, altri hanno scelto di aumentare i finanziamenti. Gli Stati Uniti, ad esempio, hanno aumentato significativamente il loro sostegno alla guerra alla droga all’inizio del mandato del presidente Joe Biden.

Sebbene gli Stati Uniti siano il maggior contributore mondiale alla guerra alla droga, il rapporto HRI evidenzia le fluttuazioni di queste cifre. Ad esempio, nel 2021, gli Stati Uniti hanno stanziato 301 milioni di dollari in aiuti per il “controllo dei narcotici”, un aumento significativo rispetto ai 31 milioni dell’anno precedente. Secondo il rapporto, la Colombia è diventata il principale beneficiario di questi aiuti.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Trovaci su logo Google NewsNewsE in altre lingue:Newsweed FranceNewsweed EspañaNewsweed Nederland

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed