Entra in contatto con noi

Le autorità danesi chiudono il famoso rivenditore di cannabis Pusher Street

Pubblicato

su

Chiusura permanente di Pusher Street
PUBLICITE

Le autorità danesi, guidate dal ministro della Giustizia Peter Hummelgaard, hanno annunciato l’intenzione di chiudere definitivamente il famigerato mercato della droga di Christiania, come parte di una mossa significativa per affrontare i persistenti problemi ad esso associati.

La decisione fa seguito alle crescenti preoccupazioni per la criminalità organizzata, la violenza e l’impatto complessivo del commercio illegale di droga sulla comunità.

Affrontare l’escalation dei problemi

La famosa Pusher Street, situata nel cuore di Christiania, è nota per la sua tolleranza nei confronti del consumo e della vendita di cannabis e funghi. Da diversi anni, varie bande si contendono il controllo di questo luogo popolare, con una serie di accoltellamenti e sparatorie.

La situazione è peggiorata con la quarta sparatoria mortale legata a Pusher Street dal 2020, spingendo i 900 residenti di Christiania a chiedere la fine del commercio di droga.

PUBLICITE

Il ministro della Giustizia Peter Hummelgaard ha confermato la decisione, affermando che “Pusher Street chiuderà quest’anno” in un’intervista a TV2 Kosmopol. Il ministro ha insistito sull’attuazione di un piano d’azione, elaborato in collaborazione con i residenti di Christiania, che dovrebbe essere completato entro i prossimi sei mesi.

Sforzi collaborativi e progetti futuri

Gli sforzi per sradicare il commercio di droghe leggere dal distretto libero di Christiania prevedono uno stretto coordinamento tra le autorità danesi, il Comune di Copenaghen e i residenti di Christiania.

In risposta alla recente repressione del mercato da parte della polizia, i residenti hanno espresso il desiderio di uno sviluppo alternativo del sito per evitare il ritorno delle bancarelle illegali. Tuttavia, il processo di sviluppo di un piano realistico rimane difficile, e la portavoce Hulda Mader ha sottolineato la necessità di un sostegno finanziario e di sicurezza da parte delle autorità.

Sebbene Hummelgaard non abbia divulgato dettagli specifici sulla chiusura permanente di Pusher Street, ha riconosciuto la necessità di una maggiore presenza della polizia nell’area. Il piano in esame, che dovrebbe iniziare ad aprile, prevede la ristrutturazione dell’area, come riportato da TV2 Kosmopol.

PUBLICITE

Il viaggio di Christiania dalla città libera alla trasformazione

Christiania, fondata nel 1971 da un gruppo di hippy e artisti, ha cercato di creare una società alternativa basata su principi di pace e amore, con decisioni prese collettivamente e leggi non rigorosamente applicate. Nel corso degli anni, questa visione ha incontrato delle difficoltà, con Pusher Street che è diventata un centro di attività illegali di droga, portando a una rivalutazione della direzione della comunità.

La chiusura di Pusher Street dovrebbe segnare un punto di svolta per Christiania, spingendo i residenti a partecipare attivamente alle discussioni su come dovrebbe essere l’area in futuro. Con una visione collettiva della rigenerazione, i residenti hanno votato a favore dell’avvio dei lavori di ristrutturazione, segnando il loro impegno a trasformare lo spazio in un centro culturale. Un’opportunità per ridefinire la storia di Christiania, riportandola alla sua etica originaria di pace, amore e vita alternativa.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Trovaci su logo Google NewsNewsE in altre lingue:Newsweed FranceNewsweed EspañaNewsweed Nederland

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed