Entra in contatto con noi

L’esercito portoghese si impegna nella produzione di cannabis terapeutica

Pubblicato

su

Sala bianca per la cannabis terapeutica
PUBLICITE

Il Laboratorio Nazionale dei Medicinali (LNM) del Portogallo, un’istituzione del Ministero della Difesa portoghese, sta facendo progressi nella produzione di cannabis medica, secondo Cannareporter.

Il LNM, storicamente legato all’esercito portoghese, ha recentemente firmato un contratto per la costruzione di camere bianche per la cannabis medica. L’iniziativa, del costo di circa 183.000 euro, avrebbe lo scopo di rispondere alle esigenze mediche dei pazienti portoghesi, offrendo una potenziale alternativa o un complemento alle opzioni farmaceutiche esistenti.

Il contratto e la costruzione della camera bianca

Secondo le informazioni fornite da Cannareporter, il contratto, firmato nell’agosto 2023, riguarda la costruzione di camere bianche. Il contratto ha un tempo di esecuzione di 144 giorni ed è stato aggiudicato a TypeSolution S.A., una società specializzata nella consulenza sulle attrezzature di laboratorio e industriali. TypeSolution S.A. ha lavorato con diversi clienti portoghesi nel settore della cannabis medica, tra cui Tilray, CannPrisma e LabialFarma.

Sebbene la legislazione portoghese consenta all’LNM di contribuire alla produzione di farmaci a base di cannabis, la natura specifica del suo coinvolgimento rimane poco chiara. Il coinvolgimento dell’LNM nella cannabis potrebbe alleviare l’onere burocratico associato alle autorizzazioni per uso eccezionale (l’equivalente delle ATU francesi) e ridurre gli alti costi di acquisizione dei farmaci a base di cannabis esistenti, come Epidyolex o Sativex.

PUBLICITE

Gli obiettivi esatti dell’infrastruttura che si sta sviluppando e se LNM intenda creare specifici prodotti medicinali a base di cannabis rimangono tuttavia poco chiari, e Cannareporter non ha avuto ulteriori risposte da LNM.

Progetto SkanAbility e consorzio di ricerca

La LNM partecipa anche al progetto “SkanAbility”, un consorzio di ricerca lanciato nel 2020. Questo progetto, che coinvolge attori industriali, la Facoltà di Farmacia dell’Università di Lisbona e l’Università di Minho, mira a sviluppare formulazioni per la cosmesi funzionale e l’aromaterapia che incorporino cannabinoidi e terpeni.

L’obiettivo del progetto, come riportato nel testo, era quello di creare formulazioni, tra cui creme, emulsioni, prodotti topici o oli arricchiti, con cannabinoidi e terpeni purificati estratti dai fiori o dalle foglie di cannabis.

Il compito della NML nel progetto “SkanAbility”, specificamente classificato come “T106”, era quello di creare una biobanca di cannabis attraverso l’uso di campioni biologici e la registrazione di dati di caratterizzazione completi. Cannareporter suggerisce che la pianificazione e la progettazione della struttura di supporto della biobanca sono state completate e l’implementazione dell’infrastruttura fisica è in corso.

PUBLICITE

Inoltre, l’NML sostiene di aver completato un altro compito cruciale legato al progetto: la pianificazione e la creazione di un piano di gestione della qualità per il trattamento dei campioni biologici. L’obiettivo è garantire la sicurezza, il trasporto, lo stoccaggio e la tracciabilità dei processi associati alla corretta conservazione e manipolazione dei campioni. Si segnala inoltre lo sviluppo di un registro digitale dedicato alla gestione del database della biobanca.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Trovaci su logo Google NewsNewsE in altre lingue:Newsweed FranceNewsweed EspañaNewsweed Nederland

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed