Entra in contatto con noi
Puffy

L’Europa è il “gigante addormentato” della riforma globale della cannabis? Il punto di vista della ICBC di Berlino

Pubblicato

su

ICBC Berlino 2024
Seguici su Facebook
PUBLICITE

Dopo lo storico cambiamento legislativo avvenuto in Germania all’inizio di questo mese, gli esperti si aspettano un effetto a catena in tutto il continente, con alcuni che prevedono che l’Europa potrebbe superare gli Stati Uniti come leader mondiale nella riforma della cannabis

Questa settimana a Berlino, alla ICBC, la storica conferenza internazionale per l’industria della cannabis, un argomento era sulla bocca di tutti: la nuova legge tedesca sulla cannabis.

Il 1° aprile, i legislatori hanno votato a favore della legge, che permetterà al Paese di adottare un approccio graduale alla legalizzazione della cannabis per uso adulto.

Nella prima fase della legalizzazione, nota anche come primo pilastro, gli individui possono trasportare fino a 25 grammi di cannabis per uso personale e coltivare fino a quattro piante a casa.

PUBLICITE

Le richieste di autorizzazione per le associazioni di coltivazione (da non confondere con i “social club”, dato che è vietato il consumo nei locali o nel raggio di 100 metri) si apriranno il 1° luglio.

Date le attuali restrizioni, che limitano i club a uno ogni 6.000 residenti – con un massimo di 500 membri ciascuno – gli esperti prevedono che nei prossimi anni verranno aperte fino a 3.000 associazioni ufficiali.

Tuttavia, alcuni addetti ai lavori suggeriscono che potrebbero sorgere molti più club “non ufficiali” o “incentrati sull’attivismo”, potenzialmente fino a 10.000, per aggirare alcune delle restrizioni e delle procedure amministrative del governo.

Terzo pilastro: una più ampia riforma dell’UE

Il secondo pilastro, che sarà attuato in un secondo momento, prevede l’istituzione di un mercato regolamentato e limitato per la vendita agli adulti, che sarà attentamente monitorato dai ricercatori nell’ambito di un modello di studio pilota.

PUBLICITE

Questi dati scientifici saranno cruciali, secondo Peter Homberg, partner di Dentons e capo dell’European Cannabis Group, quando si tratterà del “terzo pilastro”, che vedrà la Germania guardare agli altri Paesi dell’UE per cercare di convincere i legislatori a cambiare l’attuale politica di proibizione.

I funzionari tedeschi sono stati costretti a ridimensionare i loro piani iniziali per la piena legalizzazione dopo gli incontri con la Commissione Europea.

La Convenzione Unica delle Nazioni Unite sulle Droghe Narcotiche e l’Accordo di Schengen, che traduce la convenzione in legge europea, intendono vietare la vendita di cannabis per uso commerciale da parte di adulti. Fonti hanno precedentemente detto a Cannabis Health che ci vorrebbero almeno sette paesi per convincere l’UE ad abolire questa legge o a implementare una soluzione alternativa.

L’UE potrebbe superare gli USA come leader della riforma globale della cannabis

Dato che la Germania è il Paese più influente per introdurre questo livello di legalizzazione federale della cannabis, con quattro milioni di consumatori e un mercato potenziale totale di 7,8 miliardi di euro, Beau Whitney, capo economista di Whitney Economics, si aspetta una risposta da parte dell’ONU [ndlr: che non ha detto nulla per il Canada] e/o dell’UE.

E con un certo numero di altri Paesi vicini che stanno considerando di modificare la loro legislazione in un modo o nell’altro, l’Europa potrebbe diventare il “gigante addormentato” della riforma globale della cannabis.

“Possiamo aspettarci un’espansione accelerata della legalizzazione della cannabis nell’UE”, ha detto Whitney alla ICBC in una presentazione di martedì 16 aprile.

“La maggior parte dei Paesi dell’UE sta esaminando le riforme, ma è confusa sulla direzione e sulla portata. L’argomento ‘legale in un paese è legale in tutti’ può aprire mercati in altri paesi… altri guarderanno a schemi pilota e club sociali”

Ha aggiunto: “Se i Paesi si riformano rapidamente, l’Unione Europea potrebbe superare gli Stati Uniti come leader del mercato globale della cannabis. Mentre la maggior parte delle persone pensa che siano gli Stati Uniti a dettare il ritmo, l’UE potrebbe essere il catalizzatore della riforma globale della cannabis”

Una mossa dei regolatori?

Parlando mercoledì 17 aprile, Lisa Haag, fondatrice di MJ Universe, una società di consulenza con sede in Germania, ha affermato che l’unico modo per garantire una riforma diffusa e superare gli ostacoli esistenti è quello di rimuovere completamente la cannabis dalla Convenzione Unica delle Nazioni Unite.

“La Convenzione Unica è, a mio parere, la più grande barriera commerciale”, ha detto a Cannabis Health.

“Dobbiamo riclassificare la cannabis, se non addirittura eliminarla completamente dalla Convenzione unica. Sembra molto improbabile che ciò accada, ma ci sono altre opzioni, come l’emendamento, quindi dovremmo spingere affinché le cose cambino come industria”

E questo potrebbe non essere così lontano come sembra.

“Le autorità di regolamentazione sono ora interessate a queste discussioni, c’è del movimento”, continua Haag.

“I governi stanno accettando sempre di più la coltivazione della canapa e della cannabis terapeutica, così come la legalizzazione dell’uso personale nei Paesi e negli Stati. I governi capiscono che lo status quo è superato e deve cambiare perché non funziona più”

E ha aggiunto: “Le autorità di regolamentazione stanno mostrando maggiore apertura perché capiscono che si tratta di una buona politica”

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Trovaci su logo Google NewsNewsE in altre lingue:Newsweed FranceNewsweed EspañaNewsweed NederlandNewsweed PortugalNewsweed Deutschland

Newsweed è la principale fonte di informazioni sulla cannabis legale in Europa - © Newsweed