Entra in contatto con noi

L’ex presidente honduregno accusato di aver ricevuto milioni dai cartelli della droga

Pubblicato

su

Presidente dell'Honduras
PUBLICITE

Il processo all’ex presidente honduregno Juan Orlando Hernandez negli Stati Uniti ha catturato l’attenzione della comunità internazionale, evidenziando la complessa rete di potere, l’influenza dei cartelli e le accuse di traffico di droga.

Mentre il procedimento si svolge in un’aula di tribunale di New York, la narrazione presentata dall’accusa e dalla difesa offre un’affascinante visione delle complessità che circondano il mandato di Hernandez e il suo presunto coinvolgimento in attività illecite.

Le accuse

I pubblici ministeri sono stati rapidi nel delineare un quadro negativo del regno di Hernandez, sostenendo che la sua ascesa al potere era strettamente legata a potenti cartelli.

Hernandez è quindi accusato di aver colluso con i cartelli per contrabbandare grandi quantità di droga e armi da fuoco negli Stati Uniti. Il procuratore David Robles ha sottolineato la gravità delle accuse, affermando che Hernandez ha operato “mano nella mano” con i cartelli dando l’impressione di collaborare con le autorità statunitensi.

PUBLICITE

Durante il suo mandato, ha ricevuto più di 50 milioni di dollari in aiuti contro il narcotraffico dagli Stati Uniti e molti altri milioni in aiuti alla sicurezza, secondo Reuters.

Difese e controdeduzioni

Al contrario, il team di difesa di Hernandez respinge con veemenza le accuse, presentando una narrazione di cospirazione e innocenza. Renato Stabile, avvocato di Hernandez, ha sostenuto che le testimonianze di criminali condannati che affermano di avere vendette personali o incentivi finanziari da parte di cartelli dovrebbero essere ignorate.

Stabile ha sottolineato il ruolo di Hernandez nell’approvazione di una dura legislazione contro il traffico di droga durante la sua presidenza, suggerendo che le motivazioni dei testimoni erano radicate nel risentimento piuttosto che nella verità.

Contesto politico e relazioni internazionali

L’intreccio tra politica e droga durante il mandato di Hernandez è un tema ricorrente, con implicazioni che vanno oltre i confini nazionali. In particolare, l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha lodato gli sforzi di Hernandez per combattere il traffico di droga e l’immigrazione clandestina, stringendo una stretta alleanza nonostante i crescenti sospetti sui presunti legami di Hernandez con i cartelli. Questi appoggi hanno attirato critiche in patria, con l’accusa di esacerbare le condizioni in Honduras cercando di accattivarsi il favore dell’amministrazione statunitense.

PUBLICITE

Estradizione e controversie legali

L’estradizione di Hernandez negli Stati Uniti ha segnato un’importante pietra miliare in questa saga, simboleggiando il raggiungimento di un accordo con le accuse che hanno macchiato la sua eredità.

Il suo team di difesa ha espresso preoccupazione per il trattamento riservatogli in carcere, citando l’isolamento e il disagio psicologico.

Le dichiarazioni di colpevolezza del fratello di Hernandez e dell’ex capo della polizia nazionale sottolineano ulteriormente la gravità delle accuse, aprendo la strada a una lunga battaglia legale che avrà profonde implicazioni per l’Honduras e non solo.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Trovaci su logo Google NewsNewsE in altre lingue:Newsweed FranceNewsweed EspañaNewsweed Nederland

Newsweed è la principale fonte di informazioni sulla cannabis legale in Europa - © Newsweed