Entra in contatto con noi
Puffy

L’Isola di Man cerca 10 aziende di cannabis terapeutica da insediare quest’anno

Pubblicato

su

Cannabis medica sull'Isola di Man
Seguici su Facebook
PUBLICITE

L’Isola di Man, una dipendenza della Corona britannica, ha chiarito la sua intenzione di accogliere le imprese di cannabis terapeutica, annunciando nel 2020 che intendeva rappresentare il “regime normativo globale di riferimento per il settore dell’esportazione della cannabis”.

Quattro anni dopo, con una struttura normativa concretamente incentrata sulle imprese, l’isola sta cercando attivamente opportunità nel settore della cannabis per diversificare la propria economia.

In vista della sua partecipazione a Cannabis Europa a Londra alla fine del mese, dove spera di parlare con le principali aziende europee del settore, l’amministratore delegato di Business Isle of Man Tim Cowsill afferma che “la porta è ora aperta” per l’isola.

Ha detto a Business of Cannabis: “Stiamo venendo a Cannabis Europa, è il primo show che abbiamo fatto con la porta aperta sull’Isola di Man, perché ora sentiamo di avere l’esperienza e la comprensione per commercializzare attivamente l’isola”

PUBLICITE

Un’isola aperta alla cannabis medica

Nel bel mezzo della pandemia globale di COVID-19, il governo dell’Isola di Man ha cercato di diversificare la sua economia al di là della finanza e del gioco d’azzardo online, i due settori principali che hanno sostenuto la sua economia negli ultimi anni.

Il Dipartimento per le imprese, di cui Business Isle of Man è un’agenzia esecutiva, è stato incaricato di sondare possibili nuove strade che si inserissero nel quadro normativo e nelle aree di competenza esistenti dell’isola.

Un membro del consiglio del settore privato della contea, responsabile dell’industria biomedica dell’isola, ha ritenuto che il settore emergente della cannabis terapeutica fosse perfetto.

Cowsill spiega di aver “presentato al governo l’opportunità della cannabis terapeutica e di aver detto loro che se volevano diversificare e integrare il settore biomedico esistente qui, avremmo certamente dovuto prenderlo in considerazione”

PUBLICITE

Data la reputazione dell’Isola di Man come giurisdizione ben regolamentata per i servizi finanziari e la sua capacità unica di essere “agile” e di adattare il suo quadro normativo alle esigenze delle imprese, l’organizzazione ha deciso che poteva utilizzare la sua esperienza in altri settori per creare un’offerta unica per le imprese europee della cannabis.

Nel 2020 ha lanciato una consultazione pubblica, sostenendo che l’avvio di un’industria della cannabis terapeutica potrebbe creare 250 posti di lavoro, generare 11,5 milioni di sterline di salari annuali e aumentare le entrate fiscali del governo di 3 milioni di sterline all’anno.

Da quando ha dichiarato la sua intenzione di accogliere le imprese della cannabis nel 2020 e di legalizzare la coltivazione, la distribuzione e l’esportazione della cannabis nel gennaio 2021, una decisione descritta come “l’alba di un nuovo settore economico” nel territorio, i progressi sono stati relativamente limitati.

Nel 2022, la Commissione di supervisione del gioco d’azzardo (GSC) dell’isola ha annunciato di aver rilasciato la prima lettera di approvazione di principio alla società britannica GrowLab Organics (GLO), concedendole una licenza completa per coltivare, produrre, importare e, per la prima volta, esportare cannabis medica dall’Isola di Man. Cowsill afferma che il ritardo è del tutto intenzionale.

“Siamo stati piuttosto cauti nello sviluppo. Sapevamo che era molto più facile sviluppare una proposta se avevamo un’azienda che era già stata lì.

anche se siamo stati un po’ lenti nello stabilire il mercato, volevamo essenzialmente assicurarci che la struttura normativa fosse abbastanza solida da poter reggere”

Ora che la struttura è stata realizzata e che l’isola ha determinato la sua “proposta di vendita unica” per le imprese, Cowsill afferma che la sua organizzazione “si sente sicura” di andare avanti.

Di conseguenza, il governo spera di avere 10 aziende di cannabis sull’isola entro la fine dell’anno.

Un’offerta unica

L’isola ha una lunga tradizione di esportazione ed è abituata a creare prodotti di nicchia su misura, come orologi e carrelli di atterraggio per aerei.

Queste aree di competenza vengono ora sfruttate per creare “cannabis medica ad alto valore aggiunto” da esportare.

“La nostra più grande risorsa è la presenza di piccoli coltivatori personalizzati e di piccole imprese che si concentrano su un prodotto di alta qualità”, continua Cowsill.

“Sappiamo che non potremo competere con paesi come il Canada o la California in termini di produzione, ma crediamo che le opportunità risiedano in un prodotto di nicchia di alta qualità. Il paragone migliore che posso fare è quello con un birrificio artigianale.

“I terreni pianeggianti che possiamo sviluppare sono limitati. Stiamo quindi cercando aziende che si sviluppino al chiuso. Sappiamo di poterne avere sei o sette sull’isola”

Data la posizione dell’isola, Cowsill ha suggerito che i coltivatori beneficerebbero di un minor rischio di impollinazione incrociata e che hanno espresso interesse alcune aziende di ricerca e sviluppo che vogliono portare la biomassa sull’isola e trasformarla in prodotti.

Oltre al suo paesaggio unico, il sistema normativo dell’isola è anche “diverso nella struttura da tutti gli altri”.

“Vi spiegheremo le regole del gioco. Abbiamo dato alla GLO una licenza condizionata e abbiamo detto loro che se avessero fatto tutto bene, avremmo dato loro una licenza di esportazione”

“Questo è molto diverso da quello che fanno altre autorità di regolamentazione, che hanno una proposta più simile a quella dell’uovo o della gallina, secondo la quale bisogna prima costruire l’impianto. Prima ancora di iniziare a scavare il terreno per costruire l’impianto, avremmo definito tutto questo”

“Se il prodotto è ben progettato e spieghiamo alle persone che arrivano sull’isola quali sono le regole del gioco, dovrebbe essere abbastanza chiaro per loro sviluppare una proposta”

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Trovaci su logo Google NewsNewsE in altre lingue:Newsweed FranceNewsweed EspañaNewsweed NederlandNewsweed PortugalNewsweed Deutschland

Newsweed è la principale fonte di informazioni sulla cannabis legale in Europa - © Newsweed