Entra in contatto con noi

Santé France Cannabis raccomanda di “posticipare” di un anno la legalizzazione della cannabis terapeutica

Pubblicato

su

Ritardo della cannabis terapeutica in Francia
PUBLICITE

In una breve nota inviata ai parlamentari e che abbiamo ottenuto, Santé France Cannabis, un’associazione che riunisce diversi attori rappresentativi del futuro settore della cannabis terapeutica in Francia, raccomanda di “posticipare” di un anno la legalizzazione della cannabis terapeutica in Francia.

Come promemoria, la termina il prossimo marzo. Le opzioni successive sono tre: la legalizzazione della cannabis terapeutica, una seconda sperimentazione o lo stop totale. Lunedì 26 settembre verrà presentata al Parlamento una relazione di un ente esterno al Ministero della Salute per valutare il sistema e alimentare il dibattito sul da farsi.

Come è stato detto di recente, l’estensione della sperimentazione della cannabis medica è ampiamente studiata, che Santé France Cannabis sostiene.

“Gli attori nazionali riuniti in “Santé France Cannabis” propongono – così come stanno valutando alcuni decisori pubblici – di prevedere il rinvio di un anno della generalizzazione, prevista per marzo 2023, per dare il tempo necessario all’industria di organizzarsi” conclude la nota.

PUBLICITE

Santé France Cannabis teme che “la generalizzazione dell’uso di questi farmaci o l’estensione della sperimentazione favorisca, nelle condizioni attuali, gli operatori stranieri a scapito dell’industria francese”.

La coltivazione di cannabis per uso terapeutico e le operazioni correlate . Tuttavia, le modalità per la coltivazione o la lavorazione della cannabis terapeutica devono ancora essere definite per consentire alle aziende che si occupano di cannabis terapeutica di lavorare al di fuori del contesto di R&D.

Se la cannabis medica venisse legalizzata nell’aprile 2023, l’approvvigionamento dei pazienti non dipenderebbe solo dalle importazioni.

Per il momento la produzione di fiori di cannabis è ridotta a un’attività di ricerca e sviluppo, ma dal 2021 le aziende francesi come Alkion BioInnovations si occupano dell’estrazione. Meryll Buet, CEO di Alkion, conferma che sarà in grado di fornire ai pazienti estratti di cannabis e API a partire dall’aprile 2023. Se la sperimentazione verrà estesa, Alkion sarà in grado di fornire prodotti a base di cannabis terapeutica, se il regime scelto lo consentirà, o di produrre per l’esportazione, se le verrà concessa un’autorizzazione alla produzione non-R&D.

PUBLICITE

Per Franck Milone, presidente di , un’azienda francese di cannabis terapeutica, “è necessario generalizzare il prima possibile e dare alle aziende francesi la possibilità di accelerare lo sviluppo e la commercializzazione dei loro prodotti”. L’azienda di Anjou sarà anche in grado di fornire prodotti a base di cannabis medica, non fabbricati in Francia, a partire dall’aprile 2023.

Interrogata su questa nota, Santé France Cannabis non ha voluto far apparire le sue risposte su Newsweed.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed