Entra in contatto con noi

La sperimentazione della cannabis medica è stata prorogata di un anno. Le associazioni di pazienti condannano.

Pubblicato

su

DGS e cannabis medica
PUBLICITE

La Direzione Generale della Sanità (DGS) non ha aspettato i risultati dell’esperimento sulla cannabis terapeutica – che dovevano essere presentati oggi al Parlamento – per prendere una decisione. Ha annunciato all’industria e ai medici venerdì scorso, e alle associazioni di pazienti questa mattina, l’estensione della sperimentazione della cannabis medica per almeno un anno.

La decisione, imposta, è giustificata dal DGS con :

  • la debole staffetta della sperimentazione della medicina liberale (hanno partecipato solo 200 medici liberali)
  • la mancanza di dati economici sui guadagni sul Tramadolo – anche se i pazienti trattati con la cannabis hanno fallito con il Tramadolo e non lo prendono più, ci viene detto
  • la necessità di conformarsi alle discussioni europee, ma non di aspettare la fine di queste discussioni

Una fonte medica vicina al caso riferisce anche della resistenza del Ministero degli Interni alla legalizzazione della cannabis per uso medico.

Le associazioni dei pazienti condannano la decisione

Il DGS ha scelto di annunciare la decisione inizialmente all’industria e non ai pazienti, una tempistica che questi ultimi rimpiangono. Il DGS ha riconosciuto una “goffaggine” in questo caso.

PUBLICITE

In un comunicato stampa, le associazioni dei pazienti “si rammaricano profondamente di non essere state né consultate né informate di questa decisione prima che venisse divulgata alla stampa dai rappresentanti del settore agroindustriale”. Questo metodo è sintomatico della scarsa considerazione che i pazienti hanno in questa decisione”.

Mettono inoltre in discussione le ragioni addotte dall’industria per il rinvio di un anno della legalizzazione della cannabis terapeutica in Francia.

“Le ragioni addotte per prolungare la sperimentazione, ovvero l’impreparazione del settore agroindustriale francese e il rischio che attori stranieri prendano posizione sul mercato, non possono in alcun modo dettare la nostra politica sanitaria. Dare priorità agli interessi economici rispetto al miglioramento della salute e della qualità della vita di decine di migliaia di pazienti affetti da sintomi cronici e gravemente invalidanti costituisce una pericolosa rottura con l’etica della salute pubblica e persino con la dottrina del “whatever it takes” adottata all’epoca della crisi Covid-19

Le associazioni chiedono la disponibilità a partire da marzo 2023 del maggior numero di “farmaci a base di cannabis provenienti da canali di produzione regolamentati e soggetti a prima prescrizione ospedaliera e rimborso”.

PUBLICITE

Mado Gilanton, presidente di APAISER S&C e rappresentante dei pazienti nel Comitato Scientifico Temporaneo sulla Cannabis Terapeutica dell’ANSM, è preoccupato che un rinvio non porti maggiori risultati tra un anno.

“Se c’è una proroga, chiediamo un fermo impegno affinché questo anno di “rinvio” venga utilizzato per affinare le indicazioni e rendere disponibili sul mercato i prodotti a base di cannabis terapeutica”. Altrimenti, la legalizzazione verrebbe rimandata all’infinito”

Restano inoltre da chiarire altre due questioni – lo status farmaceutico di questi prodotti e se saranno o meno rimborsati dalle assicurazioni sanitarie – un .

Mentre il rapporto sulla sperimentazione della cannabis terapeutica avrebbe dovuto essere presentato al Parlamento oggi, il DGS ha confermato che era pronto, ma che sarà finalmente presentato ai deputati a metà ottobre, insieme all’emendamento di estensione, e solo pochi giorni prima delle discussioni su tale emendamento. Questi tempi stretti lasceranno meccanicamente poco tempo ai parlamentari per preparare l’argomento, in un momento in cui il lavoro parlamentare sul PLFSS si preannuncia particolarmente intenso.

Non è stata ancora comunicata alcuna indicazione di bilancio sul rinvio della sperimentazione. Poiché i 3.000 pazienti dell’esperimento non sono stati raggiunti, agli attuali fornitori di cannabis medica potrebbe essere offerto di continuare a fornire i loro prodotti gratuitamente. Si è parlato anche di un “alleggerimento” del sistema, senza ulteriori precisazioni.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed