Entra in contatto con noi

Thailandia: la prima proposta di legge sulla legalizzazione non viene approvata

Pubblicato

su

La legalizzazione fallisce in Thailandia
PUBLICITE

Un nuovo disegno di legge, il Cannabis and Hemp Bill, è stato proposto lunedì alla Camera dei Rappresentanti thailandese per regolare la depenalizzazione della cannabis in Thailandia.

Secondo le regole proposte dal nuovo disegno di legge, gli ospedali potranno coltivare cannabis per uso terapeutico, come previsto dalla legge sui prodotti a base di erbe. Le aziende agricole a conduzione familiare potranno utilizzare un massimo di 2,5 ettari dedicati alla coltivazione della canapa industriale per utilizzare la fibra, il tronco e le radici della pianta.

E per uso personale, la nuova proposta di legge consentirebbe alle famiglie di coltivare fino a 15 piante di cannabis.

I legislatori thailandesi hanno imposto il ritiro di un disegno di legge per regolamentare l’uso della cannabis, affermando che la proposta di legge non includeva disposizioni sufficienti per impedirne l’abuso a scopo ricreativo.

PUBLICITE

I legislatori della Camera, tuttavia, hanno votato 198-136 mercoledì per ritirare il disegno di legge e rimandarlo al comitato di redazione per un’ulteriore revisione. Il disegno di legge sulla cannabis e la canapa, che ha superato la prima lettura a giugno e mira a dare al governo un maggiore controllo sull’industria, potrebbe ora essere reintrodotto a novembre.

Inaspettate resistenze al disegno di legge sono giunte dal principale partito di opposizione Pheu Thai e dal Partito Democratico, membro della coalizione di governo. Esse seguono la preoccupazione per l’aumento dei punti vendita e dei caffè che vendono prodotti a base di cannabis a Bangkok e in altre città, tre mesi dopo che il Paese è diventato il primo in Asia a decriminalizzare la cannabis.

“La legge non controlla la cannabis, ma la promuove, lasciando aperta la possibilità che il suo uso possa cambiare da medico a estremamente ricreativo”, ha detto Sutin Klangsang, un legislatore del Pheu Thai, il più grande partito della Camera bassa. “Abbiamo paura che i bambini e le persone fumino e diventino dipendenti”.

Dalla storica depenalizzazione della Thailandia, il governo ha ripetutamente affermato che la misura era finalizzata all’uso medico e commerciale e che disapprovava l’uso ricreativo. Il disegno di legge non proibisce direttamente il fumo ricreativo, ma stabilisce che il consumo pubblico sarà vietato.

PUBLICITE

I partiti che si oppongono alla legge sulla cannabis nella sua forma attuale hanno minacciato di votare contro la legislazione a meno che la versione rivista non vieti l’uso ricreativo. Sono anche contrari alla proposta che permetterebbe alle famiglie di coltivare fino a 15 piante di cannabis.

L’opposizione al disegno di legge è vista anche come un braccio di ferro politico in vista delle elezioni generali che dovrebbero essere indette entro marzo 2023. L’approvazione della legge rappresenterebbe un’altra vittoria per il partito Bhumjaithai del ministro della Salute Anutin Charnvirakul, che ha guidato la stesura della legge e ha guidato la liberalizzazione della cannabis come parte delle sue promesse elettorali nelle elezioni generali del 2019.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed