Entra in contatto con noi

THC al volante: il consumatore di fiori CBD definitivamente assolto

Pubblicato

su

CBD al volante in Francia
PUBLICITE

Il 26 marzo 2024, la Cour d’appel de Rennes ha emesso una sentenza che potrebbe essere una pietra miliare per i conducenti che consumano CBD. Il caso riguardava un negoziante di Pont-l’Abbé, in Bretagna, a cui era stata sospesa la patente di guida per aver presumibilmente guidato sotto l’effetto di droghe dopo aver consumato fiori di CBD.

Il caso legale e la decisione

Condannato in primo grado, la Corte d’appello di Rennes ha invece assolto definitivamente l’imputato, senza che il pubblico ministero ricorresse in Cassazione. La decisione della Corte d’appello è quindi definitiva. Secondo Arnaud Bernard (Avocatlantic), avvocato dell’imputato, questa decisione non ha precedenti ed è attesissima dai professionisti del CBD. Il tribunale ha sottolineato che il reato di guida sotto l’effetto di stupefacenti richiede un elemento di intenzionalità, che non è stato accertato in questo caso.

Per Paul Maclean, presidente dell’Union Des Professionnels Du CBD (UPCBD), “la decisione finale potrebbe costituire un precedente. La precedente decisione della Cassazione si era pronunciata sull’elemento materiale: la presenza di THC nel sangue era sufficiente per costituire la guida sotto l’effetto di droghe. La Corte d’appello di Rennes, invece, si è limitata all’intenzionalità”.

La difesa dell’imputato si è basata sulla prova che aveva consumato prodotti a base di CBD e non sostanze classificate come stupefacenti. Nonostante le preoccupazioni iniziali delle autorità dovute a un test salivare positivo per i cannabinoidi, le successive analisi del sangue hanno confermato solo la presenza di metaboliti inattivi della cannabis. È importante notare che l’imputato è stato in grado di produrre fatture di acquisto di CBD e testimonianze del negozio in cui acquistava regolarmente il prodotto a sostegno della sua tesi.

PUBLICITE

Implicazioni per i consumatori di CBD

Questa decisione ha implicazioni più ampie per i consumatori di CBD e per le loro interazioni con il sistema legale. In primo luogo, conferma l’importanza di stabilire prove chiare dell’uso di CBD, in particolare negli scenari che prevedono test antidroga durante i controlli stradali. La decisione della Corte sottolinea inoltre la necessità di richiedere tempestivamente le analisi del sangue per provare l’uso di CBD nei casi di sospetta guida sotto l’effetto di droghe.

La decisione della Cour d’appel de Rennes è in linea con una migliore comprensione del fatto che il CBD è diverso dagli stupefacenti e non produce effetti psicotropi. Sottolineando la mancanza di intenzionalità nelle azioni dell’imputato, il tribunale ha chiarito lo status giuridico dell’uso di CBD in relazione alle infrazioni alla guida.

Precedenti legali e considerazioni future

Questa assoluzione si discosta dalle precedenti interpretazioni giuridiche, in particolare per quanto riguarda l’uso di CBD e le infrazioni alla guida. Il fatto che la decisione si basi su prove evidenti e sull’assenza di un elemento intenzionale rimette in discussione le decisioni esistenti in materia di CBD e le sue implicazioni legali, compresa una decisione di alto profilo della Corte di Cassazione del giugno 2023. Secondo tale sentenza, la presenza di THC in un prodotto legale era materialmente sufficiente per costituire la guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti.

È importante notare che la nuova decisione non è stata appellata alla Corte di Cassazione, il che la rende una sentenza definitiva in questo caso. Il suo impatto può variare a seconda delle circostanze individuali, compresi i livelli di THC nei test, la tempistica degli esami del sangue dopo la cessazione e la disponibilità dei registri di acquisto dei CBD.

PUBLICITE

Poiché il CBD e i suoi prodotti continuano a crescere in popolarità, le associazioni rappresentative del settore hanno da tempo chiesto che il quadro giuridico del CBD si evolva, in particolare per quanto riguarda la guida, bilanciando i diritti dei consumatori con le considerazioni sulla salute e la sicurezza pubblica.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Trovaci su logo Google NewsNewsE in altre lingue:Newsweed FranceNewsweed EspañaNewsweed NederlandNewsweed PortugalNewsweed Deutschland

Newsweed è la principale fonte di informazioni sulla cannabis legale in Europa - © Newsweed