Entra in contatto con noi

Undicesimo comune a distribuire legalmente la cannabis nei Paesi Bassi

Pubblicato

su

Produzione legale di cannabis nei Paesi Bassi
PUBLICITE

Lo scorso fine settimana, il Comitato olandese per l’ordine pubblico e la sicurezza ha tenuto un dibattito sul tema “Lotta alla criminalità, alle lesioni personali e alla criminalità organizzata” alla presenza del Ministro della Giustizia Dilan Yeşilgöz-Zegerius.

Gli sono state poste varie domande relative alla sperimentazione della produzione legale di cannabis in Olanda, che è in ritardo, o alla .

Il ministro ha detto che l’undicesima città che aderirà all’esperimento non è ancora stata designata. Tuttavia, due grandi città hanno espresso interesse. L’equilibrio sarebbe a favore di una delle due città, il cui sindaco sta attualmente discutendo con gli stakeholder locali. La decisione sarà annunciata in autunno.

Ha inoltre confermato che sta valutando la possibilità di lanciare al più presto l’esperimento di produzione per i coffeeshop in risposta al recente appello dei sindaci di Breda e Tilburg.

PUBLICITE

“Alcuni sindaci hanno proposto l’idea di una fase di avvio anticipata per acquisire esperienza su piccola scala. E noi, cioè il Ministro Kuipers e io, stiamo esplorando le possibilità e il sostegno delle parti interessate a questo proposito. Io stesso, nel mio ruolo, ho sempre detto: “Sono pragmatico su tutta questa esperienza”. Abbiamo accordi chiari nell’accordo di coalizione. Credo che sia saggio attenersi ad essi. [Ma non voglio sviluppare nuovi problemi. […] So che questo ritardo sta causando grande irritazione a diversi membri della Camera, quindi credo sia giusto aggiungere che questo ritardo non è comunque un rinvio”

Ha anche detto che, per il momento, ogni produttore deve aspettare che tutti i produttori siano pronti per iniziare prima di consegnare i propri prodotti ai coffeeshop. I produttori che sono pronti prima non riceveranno alcuna compensazione finanziaria per il ritardo.

Per i proprietari di coffeeshop, un avvio più tardivo significa che saranno più dipendenti da forniture secondarie e non potranno ancora offrire cannabis legale nel loro coffeeshop.

L’aggiunta di un’undicesima città non ritarderà in ogni caso il lancio dell’esperimento.

PUBLICITE

Alla domanda se stesse seguendo gli sviluppi in Germania, Dilan Yesilgöz Zegerius ha confermato che stava osservando ciò che stava accadendo lì. Tuttavia, è impossibile prevedere in che misura il mercato olandese della cannabis ne risentirà. Dipenderà anche dalla forma che prenderà la legalizzazione in Germania, che è per il momento del tutto indeterminata.

“Tuttavia, sarà interessante monitorare l’impatto della legalizzazione in Germania sul turismo della droga nei Paesi Bassi”, ha aggiunto.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed