Entra in contatto con noi

Uno studio mostra che l’uso di cannabis può proteggere dal declino cognitivo

Pubblicato

su

Declino cognitivo e cannabis
PUBLICITE

Un recente studio condotto da ricercatori della Upstate Medical University stabilisce un legame tra il consumo di cannabis a scopo ricreativo e la riduzione del rischio di declino cognitivo.

Secondo lo studio, rispetto ai non consumatori, il consumo non medico di cannabis è significativamente associato a un rischio inferiore del 96% di declino cognitivo soggettivo (SCD). Le persone con SCD sono a maggior rischio di demenza, una condizione per la quale non esistono attualmente strategie di prevenzione definitive.

Risultati della ricerca

Lo studio, condotto dallo studente MPH Zhi Chen e dal professor Roger Wong, ha esaminato tre aspetti chiave del consumo di cannabis: tipo (medico o non medico), frequenza e modalità (fumo, vaping, consumo o dabbing). Queste dimensioni sono state esaminate per capire il loro impatto sulla salute cognitiva negli adulti di mezza età e anziani.

Il professor Wong ha sottolineato la necessità di studi longitudinali per comprendere appieno le implicazioni del consumo non medico di cannabis sulla cognizione nel tempo.

PUBLICITE

“La scoperta principale è che la cannabis potrebbe avere un effetto protettivo sulla nostra cognizione”, ha detto il professor Wong, “ma è davvero cruciale fare studi longitudinali, perché questa è solo un’istantanea del 2021”.

I risultati dello studio mettono in discussione le idee prevalenti sul consumo di cannabis e la salute cognitiva, in particolare in relazione alla frequenza e al metodo d’uso. Mentre precedenti studi su popolazioni più giovani suggerivano legami negativi tra cannabis e salute del cervello, lo studio della Upstate Medical University suggerisce sfumature legate all’età in queste relazioni.

Nonostante l’associazione protettiva osservata con il consumo non medico di cannabis, lo studio ha evidenziato alcune limitazioni, come l’assenza nell’analisi di normative sulla cannabis specifiche per ogni stato. Tuttavia, l’uso di un set di dati nazionali rende più facile la generalizzazione dei risultati.

Il professor Wong ha osservato che il divario di protezione tra uso medico e non medico della cannabis potrebbe essere attribuito alla diversa composizione dei cannabinoidi nei vari tipi di cannabis. La cannabis medica contiene generalmente più CBD e meno THC delle varianti ricreative.

PUBLICITE

Inoltre, lo studio ipotizza che gli effetti protettivi osservati sul declino cognitivo possano derivare dalle proprietà della cannabis che migliorano il sonno e riducono lo stress. I consumatori non medici si rivolgono spesso alla cannabis per alleviare i problemi di sonno e di stress cronico, entrambi implicati nel declino cognitivo.

Il ruolo del CBD nella salute cognitiva

Contrariamente alle aspettative, lo studio non ha trovato prove sostanziali a sostegno dell’idea che il CBD contribuisca in modo significativo ai benefici per la salute cognitiva. Il professor Wong suggerisce che gli effetti protettivi potrebbero essere più strettamente legati ad altri elementi del consumo di cannabis.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Trovaci su logo Google NewsNewsE in altre lingue:Newsweed FranceNewsweed EspañaNewsweed NederlandNewsweed PortugalNewsweed Deutschland

Newsweed è la principale fonte di informazioni sulla cannabis legale in Europa - © Newsweed