Entra in contatto con noi

Amsterdam Cannabis Expo 2022 o l’ultima truffa

Pubblicato

su

Esposizione della cannabis ad Amsterdam
PUBLICITE

L’Amsterdam Cannabis Expo, che avrebbe dovuto svolgersi dal 24 al 26 novembre 2022, si è rivelata una vecchia truffa. Alcuni espositori, che avevano pagato per esporre, hanno visto il loro denaro scomparire.

La conferenza

L’Amsterdam Cannabis Expo 2022 ha iniziato ad aumentare il proprio profilo nel 2020, lanciando un sito web e profili sui social media e offrendo accordi di sponsorizzazione a diverse organizzazioni.

Il suo sito web, che è stato tolto solo la scorsa settimana, presentava l’evento come una conferenza annuale che ospitava “migliaia di professionisti del settore” provenienti da “oltre 100 Paesi”.

Poco dopo, una miriade di siti web di terze parti, molti dei quali continuano a pubblicizzare l’evento, hanno aggiunto l’evento ai loro elenchi.

PUBLICITE

L’evento, della durata di tre giorni, è stato pubblicizzato come comprensivo di una “prestigiosa cerimonia di premiazione” e di un programma completo di relatori che discuteranno delle “ultime tendenze”, oltre a offrire agli espositori “l’opportunità ideale per presentare il proprio marchio all’industria”.

A prima vista, il suo sito web sembrava del tutto legittimo, incoraggiando marchi come Orange County CBD a farsi avanti.

Melanie Hatjigiannakis di Orange County CBD ha raccontato a BusinessCann di aver scoperto l’evento nel maggio di quest’anno, quando stava compilando un elenco di eventi del settore a cui voleva partecipare nel 2022.

“A quel punto non c’è stata alcuna immediata bandierina rossa, perché il sito web era molto ben popolato di informazioni che ci si aspettava di vedere”, ha detto.

PUBLICITE

A un’analisi più attenta, tuttavia, i principali sponsor dell’evento non esistevano nemmeno.

Altre aziende sono state contattate direttamente dall’evento per offrire pacchetti di sponsorizzazione, ma non sono state fornite informazioni sul contenuto di tali pacchetti. Un’azienda ha segnalato che, non appena hanno iniziato a parlare dell’evento, i biglietti per un giorno erano già esauriti e solo quelli per tre giorni erano disponibili tramite bonifico bancario.

Segnali di avvertimento

Con l’avvicinarsi dell’evento, cominciarono a comparire altre evidenti bandiere rosse. Non solo l’azienda non ha pubblicato alcuna informazione sul suo programma fino a quando il suo sito web non è stato chiuso solo due settimane prima dell’inizio dell’evento, ma i suoi organizzatori anonimi non sono stati in grado di rispondere alle domande poste dagli espositori.

Hatjigiannakis ha spiegato: “Chiediamo sempre una mappa dello spazio espositivo disponibile prima di prendere qualsiasi impegno. È stato quando è arrivato questo piano che abbiamo dato l’allarme”

“In effetti, sulla planimetria sono stati disegnati blocchi (spazi espositivi) tutti della stessa dimensione, cosa che non è possibile. Lo sapreste se aveste esposto in occasione di eventi precedenti. Abbiamo anche notato che nella planimetria non comparivano altri nomi di aziende”

Tutte le aziende con cui BusinessCann ha parlato della truffa hanno dichiarato che l’unico contatto con l’organizzazione è avvenuto tramite un indirizzo e-mail generico (contact@amsterdamcannabisexpo.nl) e che non sono mai stati forniti nomi.

Sebbene non sia insolito che venga utilizzato un indirizzo e-mail generico, Hatjigiannakis ha dichiarato che il suo “secondo allarme” è stato che queste e-mail non sono mai state firmate da un membro del team di vendita.

“Di solito la persona con cui si ha a che fare vuole ottenere la commissione per la vendita dello spazio, quindi si assicura che si conosca il suo nome e i suoi contatti diretti dopo la comunicazione iniziale”, ha detto.

“La comunicazione si è interrotta quando hanno continuato a chiederci di pagare il conto e noi abbiamo continuato a fare domande sull’evento a cui chiaramente non sapevano rispondere”

Mentre Orange Country CBD ha interrotto ogni contatto prima di inviare il denaro, altri espositori non sono stati così fortunati.

Un’azienda di tecnologia della cannabis, che ha voluto rimanere anonima, ha detto di essere stata in contatto con gli organizzatori dell’evento fino a ottobre, ma la comunicazione si è interrotta del tutto dopo l’invio della fattura.

Da allora hanno lavorato con la loro banca per riavere il denaro, ma la settimana scorsa sono stati informati che il conto corrente a cui era stato inviato il denaro era ormai vuoto, lasciando loro poche possibilità di ricorso.

Un “evento inesistente annunciato”

Molte delle aziende coinvolte avrebbero probabilmente continuato la loro associazione con l’evento inesistente per molto tempo ancora se non fosse stato per l’intervento della RAI di Amsterdam, il centro espositivo in cui si sarebbe svolto l’evento.

Quasi tutte le aziende con cui abbiamo parlato hanno dichiarato che i loro sospetti sull’evento fraudolento sono stati confermati quando hanno contattato la RAI di Amsterdam.

Ognuno di loro ha raccontato di aver contattato la sede, ancora presente su molti siti web e su Google come sede dell’evento, per ottenere informazioni che non erano state fornite dagli organizzatori, per poi essere informato che non esisteva alcun evento.

A seguito di un numero crescente di chiamate, il 7 ottobre il sito è stato costretto a rilasciare una dichiarazione per avvertire il pubblico che l’evento non esisteva.

La RAI ha dichiarato a BusinessCann: “Abbiamo ricevuto alcune chiamate da espositori interessati a partecipare a questo evento. – La maggior parte con una richiesta di maggiori informazioni e alcuni dopo aver ricevuto zero feedback dall'”organizzatore” dopo il pagamento anticipato.

“È così che siamo venuti a conoscenza di questo cosiddetto evento e abbiamo emesso un comunicato di avvertimento”

“La RAI non è l’unico luogo citato come location. L'”organizzatore” di questo evento sembra aver inviato diversi articoli (o pubblicato articoli) per attirare l’attenzione.

“Ci dispiace che qualcuno sia in grado di fabbricare e pubblicizzare un falso evento sui media. Questo è particolarmente preoccupante per le aziende che hanno effettuato un pagamento e che si aspettano di partecipare e/o esporre a un evento. Gli espositori con cui abbiamo parlato hanno trovato la strada per le autorità. Da quello che ho capito, stanno intraprendendo un’azione legale per riavere i loro soldi”

BusinessCann ha contattato gli organizzatori per un commento, ma non ha ricevuto alcuna risposta al momento in cui scriviamo.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed