Entra in contatto con noi
Puffy

Cannabis Europa 2024 Giorno 1: Il “punto di svolta” dell’Europa

Pubblicato

su

Cannabis Europa 2024 - Giorno 1
Seguici su Facebook
PUBLICITE

La conferenza Cannabis Europa di quest’anno a Londra era piena di energia positiva dopo un anno di sviluppi significativi nel mondo della cannabis.

Accogliendo migliaia di delegati delle principali aziende produttrici di cannabis del paese, gruppi di pazienti e politici, la conferenza di quest’anno ha avuto ancora una volta una forte attenzione per il mercato tedesco, oltre a profonde immersioni nel secondo mercato più grande d’Europa, il Regno Unito.

Anche l’elenco dei relatori è stato ampliato e i vivaci dibattiti sulla liberalizzazione della cannabis sono stati condotti da ospiti inattesi, in quanto l’evento ha cercato di accogliere voci esterne alla bolla della cannabis.

Nonostante l’eclettico mix di argomenti e relatori, un tema è rimasto costante. Il movimento della cannabis ha ora uno slancio reale ed effettivo, dopo un periodo di prospettive finanziarie poco rosee e di scarsi progressi normativi.

PUBLICITE
Cannabis Europa Conference

Cannabis Europa Conference

Osservazioni preliminari

Stephen Murphy, CEO di Prohibition Partners, ha impostato il tono fin dall’inizio, ripensando all’inizio della conferenza nel 2018, pochi mesi prima che la cannabis medica fosse legalizzata nel Regno Unito e la “corsa verde” iniziale accelerasse in una frenesia.

Con 19 mercati legali ora aperti al commercio e “gli Stati Uniti in procinto di riprogrammare”, Murphy ha esclamato che ora è un “momento eccitante per essere nel settore della cannabis”.

Tuttavia, sottolineando le lezioni che l’industria deve imparare dal suo passato, ha suggerito che ora è “nostra responsabilità collettiva costruire un’industria con un’etica e un’eredità positive”.

“Oggi l’industria della cannabis continua ad aprire le porte a opinioni, atteggiamenti e dibattiti sociali che vanno oltre la cannabis. Non ho fatto troppa pressione su tutti questa mattina, ma le vostre azioni e decisioni hanno un effetto molto più grande”.

PUBLICITE

A lui sono subito seguiti i principali analisti di Prohibition Partners, Alex Khourdaji e Lawrence Purkiss, che hanno analizzato il loro recente European Report: 9th Edition, gettando le basi per le discussioni a venire.

Hanno discusso i risultati sorprendenti del rapporto e, dopo aver suscitato qualche polemica con le loro scoperte, hanno analizzato la metodologia alla base delle loro cifre.

Le discrepanze tra la Germania, che rimane 1,7 volte più grande del mercato britannico, e i tassi di consumo drasticamente più elevati di quest’ultimo, sono stati al centro delle discussioni.

Siamo rimasti sorpresi nel constatare che le cifre delle importazioni sono relativamente simili su base media mensile nel Regno Unito (2.600 kg) e in Germania (2.700 kg).

Con una stima di 60.000 pazienti a cui è stata prescritta la cannabis terapeutica nel Regno Unito, i dati suggeriscono che questi pazienti consumano in media il doppio dei pazienti tedeschi.

Nonostante la crescita quasi quadruplicata entro il 2023, i dati suggeriscono che l’industria sta crescendo solo alla velocità consentita dalle rigide normative. Inoltre, il settore rimane ostacolato dal numero limitato di medici che prescrivono attivamente, con solo 200 medici su 80.000 possibili. Questo problema è tuttavia mitigato dalla crescita delle cliniche di teleassistenza.

Crescita nel Regno Unito

Rimanendo nel Regno Unito, un’altra tavola rotonda della mattinata ha esaminato le prospettive del mercato britannico e il potenziale di cambiamento con il nuovo governo che si insedierà il mese prossimo.

Questa è stata la prima sessione vivace della giornata, che ha visto i relatori e i membri del pubblico scontrarsi sulla direzione dell’industria medica britannica in forte espansione.

Pierre Van Weperen, CEO di Grow Pharma, ha dichiarato di aspettarsi di vedere 100.000 pazienti entro la fine dell’anno, sebbene ritenga che i partiti politici che probabilmente andranno al potere non abbiano l’ambizione di cambiare il quadro attuale.

“La gente dimentica che, anche se si cambia, stiamo lavorando con un sistema sanitario paralizzato. Ci sarà sempre un mercato privato”.

Tuttavia, ha suggerito che il Regno Unito è unico nel suo scetticismo verso l’assistenza sanitaria privata e ha affermato di non essere convinto che il prezzo sia il fattore chiave che impedisce ai pazienti di rivolgersi al mercato medico, ma che sia piuttosto una questione di consapevolezza.

Ha suggerito che “tutto ciò che possiamo fare per aumentare la consapevolezza è una buona cosa” e che l’industria dovrebbe sforzarsi di fare più pubblicità, pur rispettando i rigorosi limiti di marketing.

Cannabis Europa Conference

Cannabis Europa Conference

Robin Emerson, amministratore delegato di Jorja Healthcare, ha contestato questo punto di vista, affermando che i marchi che sembrano rivolgersi ai consumatori adulti stanno screditando l’industria medica.

Jonathan Hodgson, direttore di Curaleaf International per il Regno Unito e i paesi nordici, sembra essere d’accordo sul fatto che la consapevolezza è il perno della crescita nel Regno Unito.

“È questo che dobbiamo fare meglio come industria, trovare quei pazienti e portarli qui, cosa difficile da fare con i regolamenti, piuttosto che lottare per 50.000 o 60.000 pazienti”, ha detto.

Le proposte del panel e del pubblico, secondo cui il settore dovrebbe unirsi piuttosto che competere, hanno attirato ulteriori suggerimenti da parte del pubblico, secondo cui pochi hanno impegnato fondi per le campagne di sensibilizzazione.

Questo vivace dibattito ha raggiunto l’apice verso la fine della conferenza, quando il sostenitore della cannabis e veterano del settore Peter Reynolds ha affrontato l’importante scettico della cannabis Peter Hitchens per discutere i meriti (o i pericoli) della depenalizzazione della cannabis.

Reynolds ha iniziato suggerendo che il Regno Unito ha sofferto di una cattiva politica sulle droghe fin dal 1928, e che il proibizionismo non solo ha rappresentato la peggiore politica sociale dal dopoguerra, ma è stato anche molto più responsabile del declino della società rispetto alle droghe stesse.

Ha detto che il proibizionismo ha messo il denaro nelle mani dei criminali e ha rappresentato un pericolo per i bambini più della cannabis stessa, ma ha chiarito che non pensa che la cannabis sia innocua.

abbiamo tutte le leggi necessarie per proteggere le persone senza proibire il possesso personale di qualsiasi cosa”. Non c’è dubbio che l’effetto della legge sia esattamente l’opposto. Le leggi contro la cannabis sono la causa principale dei suoi effetti nocivi sui bambini, perché è vietata”.

Hitchens ha controbattuto concentrandosi principalmente sull’apparente correlazione tra il consumo di cannabis e i disturbi mentali, aggiungendo di essere sempre impressionato dall’entusiasmo con cui Reynolds difendeva “quella che deve essere la causa più stupida”.

Ha aggiunto che il motivo per cui il proibizionismo non ha funzionato è che non è stato applicato in modo efficace, al che Reynolds ha risposto che era perché la polizia aveva capito che era una “perdita di tempo”.

“È a causa di questo divieto che la polizia non ha tempo per occuparsi di crimini più gravi”, ha aggiunto Reynolds.

Conférence Cannabis Europa

Conférence Cannabis Europa

Non sorprende che i due uomini non siano riusciti a trovare un terreno comune sulle potenziali conseguenze per la salute del consumo frequente di cannabis. Reynolds ha detto che le correlazioni erano “tenui nel migliore dei casi”, suggerendo che è statisticamente molto più probabile che una persona venga colpita da un fulmine che sviluppi una malattia mentale indotta dalla cannabis.

Da parte sua, Hitchens ha fatto paragoni con la talidamide (un argomento spesso avanzato dagli oppositori della cannabis), suggerendo che, in assenza di test rigorosi, la cannabis rimane pericolosa.

“Siamo allo stesso punto di 50 anni fa, quando la ricerca suggeriva che il fumo faceva male alla salute. Era molto negativo per le aziende produttrici di sigarette, come lo è oggi per le persone che partecipano alle conferenze sulla cannabis”

Mentre Hitchens ha trovato pochi punti in comune con il resto della sala, un membro appassionato del pubblico ha chiesto perché avrebbe negato ai pazienti trattamenti potenzialmente salvavita.

Hitchens ha risposto di essere “molto favorevole alla ricerca medica” e che se la cannabis avesse dimostrato di avere virtù mediche, sarebbe stato favorevole al suo uso come medicina, aggiungendo che “non nega che ci possano essere virtù mediche”.

Una “pistola d’avviamento per l’Europa

Sulla scia di una serie di eventi sulla cannabis in tutta Europa, l’eccitazione era palpabile in molti focus group durante la giornata, in particolare per quanto riguarda il mercato tedesco.

Dopo la rimozione della cannabis dall’elenco degli stupefacenti il 1° aprile 2024, il gruppo di discussione ha rapidamente rivolto la sua attenzione all’enorme crescita registrata dalle aziende mediche in questo mercato.

Thomas Schatton, amministratore delegato di 420 Pharma, ha dichiarato che dopo il cambiamento le vendite sono “letteralmente raddoppiate”, aggiungendo che alcune farmacie sono state talmente sopraffatte da essere costrette a chiudere le loro linee di assistenza.

Grazie allo snellimento del processo di prescrizione, ha rivelato che non è più necessario il gran numero di personale che impiegava per gestire le scorte.

“È un’ottima cosa per l’industria della cannabis… è qualcosa che sta cambiando nella società. Dobbiamo approfittare di questo slancio e costruire una base solida. Non si tratta solo di un cambiamento di legge, ma di un cambiamento di mentalità”

Constantin von der Groeben, CEO di Demecan, ha suggerito che la Germania ha raggiunto un “punto di svolta”.

“Non ho mai visto una situazione come questa in tutti i miei anni di lavoro nel settore. È meraviglioso essere in questo settore oggi, e non è sempre stato così”.

Per quanto riguarda Demecan, una delle sole tre aziende tedesche attualmente autorizzate a coltivare cannabis, ha aggiunto che, ora che le restrizioni sulla coltivazione sono state rimosse, la sua azienda ha già fatto richiesta al BfArM per coltivare altre varietà e aggiungere varietà alla sua offerta.

Cannabis Europa Conference

Cannabis Europa Conference

“Incoraggerei tutti a interessarsi alla coltivazione in Germania, credo che possiamo competere con le importazioni”

Da una prospettiva più ampia, l’esperto del settore e avvocato della cannabis Kai-Friedrich Niermann ha detto che potrebbero esserci cambiamenti all’orizzonte anche nel Parlamento Europeo, dopo la creazione di un gruppo di lavoro incentrato sulla politica della cannabis.

“Se esiste una nuova base giuridica per le politiche sulla cannabis nell’Unione Europea, sarà molto più facile per i singoli Stati legalizzare la cannabis in modo legale e sicuro, senza rischiare procedure di infrazione da parte di altre nazioni. Questo è molto, molto importante e potrebbe cambiare le carte in tavola per l’UE”.

Tuttavia, Dirk Heitepriem, presidente dell’Associazione tedesca dell’industria della cannabis, ha suggerito che potrebbe volerci molto tempo.

“Se pensavamo che il processo tedesco fosse lungo, l’UE ci sta mettendo ancora di più. Ma sono d’accordo con Kai che un cambiamento è in arrivo”

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Trovaci su logo Google NewsNewsE in altre lingue:Newsweed FranceNewsweed EspañaNewsweed NederlandNewsweed PortugalNewsweed Deutschland

Newsweed è la principale fonte di informazioni sulla cannabis legale in Europa - © Newsweed