Entra in contatto con noi

Il Canada accusato da Israele di scaricare la cannabis medica

Pubblicato

su

Scarico di cannabis in Israele
PUBLICITE

Nel mercato globale della cannabis terapeutica, il Canada si è affermato come una figura di riferimento e un attore onnipresente.

Da tempo presenti nel settore della cannabis terapeutica, i produttori canadesi sono stati in grado di capitalizzare la domanda internazionale e sono diventati i principali esportatori di cannabis terapeutica, a volte a scapito degli operatori locali che lottano per competere.

Dumping in Israele?

Israele, noto anche per la sua ricerca sulla cannabis terapeutica, ha espresso preoccupazione per l’impatto delle importazioni canadesi sull’industria nazionale. Il Ministero dell’Economia israeliano ha avviato un’indagine “antidumping” sulle aziende canadesi di cannabis in seguito alle lamentele dei coltivatori israeliani. L’indagine si concentra sulle accuse che le importazioni canadesi a basso costo siano inferiori ai prezzi locali, causando perdite finanziarie e destabilizzando il mercato.

Al centro della controversia ci sono le strategie di prezzo delle aziende canadesi. Mentre la cannabis medica viene venduta a prezzi più alti in Canada, viene presumibilmente offerta a prezzi molto più bassi quando viene esportata in Israele.

PUBLICITE

Questa pratica, nota come dumping, ha scatenato l’indignazione dei produttori israeliani, che si sentono ingiustamente svantaggiati sul proprio mercato. L’afflusso di importazioni canadesi a basso costo ha portato a un “calo dei prezzi e a una concorrenza sleale”, spingendo le autorità israeliane a intervenire.

Nel 2022, l’84% dei 24.000 kg di cannabis medica importati da Israele proveniva dal Canada.

L’indagine ha puntato i riflettori su alcune importanti aziende canadesi di cannabis, tra cui Canopy Growth, Tilray e Organigram. A queste e ad altre società è stato chiesto di fornire informazioni e prove sulle loro attività e sulle pratiche di determinazione dei prezzi. L’esito dell’indagine potrebbe avere un impatto significativo sulle esportazioni canadesi di cannabis, dato che Israele rimane una destinazione importante per i prodotti canadesi a base di cannabis.

Le tensioni tra Canada e Israele evidenziano problemi più ampi nel commercio globale della cannabis. Nonostante la crescente legalizzazione e accettazione della cannabis in tutto il mondo, le barriere normative e le misure protezionistiche continuano a ostacolare il libero commercio. Sebbene la vendita di cannabis importata a prezzi scontati non sia di per sé illegale, essa solleva questioni relative alla concorrenza leale e all’integrità del mercato.

PUBLICITE

Inoltre, questo caso evidenzia le disparità di accesso al mercato tra i Paesi. Mentre il Canada gode di una fiorente industria della cannabis ed esporta i suoi prodotti in molti Paesi, tra cui Israele, mantiene rigide restrizioni sulle importazioni. Questa asimmetria ha alimentato la frustrazione dei produttori israeliani, che chiedono parità di condizioni sul mercato internazionale.

L’esito dell’indagine rimane incerto, ma sta già sollecitando una maggiore trasparenza e cooperazione nel commercio globale della cannabis.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Trovaci su logo Google NewsNewsE in altre lingue:Newsweed FranceNewsweed EspañaNewsweed Nederland

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed