Entra in contatto con noi

Il passo indietro della Repubblica Ceca sulla legalizzazione della cannabis: una strategia politica?

Pubblicato

su

Strategia di politica della cannabis nella Repubblica Ceca
PUBLICITE

La scorsa settimana, il governo ceco ha pubblicato una bozza della sua tanto attesa legge sulla regolamentazione della cannabis, suscitando sorpresa per l’abbandono di un mercato commerciale e regolamentato della cannabis.

Seguendo l’esempio della Germania, molti hanno pensato che i piani di riforma della cannabis fossero stati ancora una volta annacquati a causa di pressioni politiche internazionali o interne.

Tuttavia, secondo i membri del gruppo di lavoro che sta dietro all’intero progetto di legalizzazione, si tratta in realtà di uno stratagemma accuratamente orchestrato per fare pressione sugli oppositori della legge.

Il dottor Tomas Ryska, amministratore delegato di Astrasana Czech s.r.o., ha spiegato a Business of Cannabis che il mercato commerciale è stato deliberatamente omesso per creare una tale reazione, nella speranza di dimostrare alla KDU-ČSL (Democratici Cristiani) l’entità del sostegno pubblico alla misura.

PUBLICITE

“Siamo molto soddisfatti del progetto. È importante notare che questa non è la versione finale del disegno di legge e che il mercato commerciale è stato deliberatamente omesso”, ha dichiarato.

Cosa è successo

Nel settembre 2022, Jindřich Vobořil, il coordinatore nazionale delle droghe del Paese e la forza trainante della riforma pionieristica, ha annunciato la sua intenzione di introdurre una riforma completa della cannabis entro l’inizio del 2024.

Le discussioni sul disegno di legge sono iniziate dopo che il Partito Pirata, parte dell’attuale coalizione di governo di destra della Repubblica Ceca, ha presentato uno studio incentrato sulla riduzione dei danni e sui potenziali benefici economici della regolamentazione e della tassazione.

Oltre ai piani per la coltivazione domestica e commerciale della cannabis, il progetto prevedeva la creazione di Cannabis Social Club e, soprattutto, la vendita autorizzata di cannabis nei negozi ai cittadini di età superiore ai 18 anni.

PUBLICITE

Da quando il disegno di legge ha ottenuto il via libera nell’aprile 2023, ha assunto un particolare significato in Europa dopo che la Germania ha fatto marcia indietro sui suoi piani per lanciare un mercato commerciale della cannabis per adulti, rendendo la Repubblica Ceca l’ultimo e più probabile candidato ad approvare una simile legislazione.

Mercoledì 10 gennaio 2024, durante una riunione del gruppo di lavoro di esperti a Praga, Vobořil ha presentato una nuova versione del disegno di legge, che include piani per la coltivazione domestica e la creazione di Cannabis Social Club, ma non menziona un mercato commerciale per uso adulto.

Quasi immediatamente, tre delle principali organizzazioni di cannabis del Paese – il Czech Hemp Cluster, Legalizace.cz e la Safe Cannabis Association – hanno emesso comunicati stampa di condanna della decisione.

“Non riesco a spiegarmi la riluttanza del governo a regolamentare il mercato commerciale – soprattutto alla luce delle lunghe trattative che abbiamo avuto su questo tema nella prima metà del 2023 con i rappresentanti del ministero e il coordinatore nazionale delle droghe. Non capisco perché il governo abbia deciso di eliminare dalla proposta la parte più importante e facilmente applicabile della riforma prevista”, ha dichiarato Tomáš Vymazal, presidente dell’Associazione Cannabis Sicura.

Una decisione calcolata

Sebbene possa sembrare che, come in Germania e Lussemburgo, il governo ceco abbia deciso all’ultimo minuto che la prospettiva di superare le leggi internazionali fosse troppo rischiosa per procedere, in realtà la situazione è molto diversa.

Ryska, membro del gruppo di lavoro, spiega che “quello che è successo mercoledì fa parte della campagna organizzata”.

Spiega che Vobořil aveva bisogno di qualcosa per fare pressione sui cristiano-democratici, l’unico dei cinque partiti della coalizione a opporsi alla creazione di un mercato commerciale.

“I politici ascoltano molto quello che dice chi li ha votati perché hanno bisogno dei loro voti e le elezioni sono nel 2025.

“Prima di mercoledì abbiamo avuto una riunione in cui abbiamo elaborato un piano in cui Vobořil avrebbe presentato la versione limitata di questo progetto, omettendo deliberatamente i piani per un mercato commerciale.

“È stato immediatamente diffuso un comunicato stampa che criticava la proposta. Abbiamo quindi creato questo sentimento negativo nei media per ottenere una reazione da parte del pubblico e mostrare ai democristiani e ai politici che i cittadini non sono contenti di questo tipo di soluzione”

Ha aggiunto che il governo intende comunque procedere con l’istituzione di un mercato commerciale in un progetto futuro, e che non è scoraggiato dall’eventuale rifiuto della Commissione europea.

Detto questo, “è vero che i cristiano-democratici sono contrari alla vendita commerciale della cannabis”.

Tuttavia, secondo quanto riferito, sono stati raggiunti accordi sull’autocoltivazione e i partiti politici hanno fatto buoni progressi sulla questione dei club sociali, anche se alcune domande rimangono senza risposta.

Il disegno di legge include anche una serie di modifiche, in particolare l’eliminazione dell’obbligo per i cittadini che desiderano consumare cannabis o diventare membri di un Cannabis Club di registrarsi in una lista nazionale.

“L’altra buona notizia è che il numero di soci che un social club può avere è di 500. Questo lo rende un caso interessante dal punto di vista commerciale; inoltre, con 500 soci, il club può davvero operare finanziariamente. Con 50 soci sarebbe molto difficile sostenerlo finanziariamente”

Una campagna nazionale

Inoltre, i rappresentanti del Czech Hemp Cluster, della Safe Cannabis Association e di Legalizace.cz hanno creato una ONG chiamata Racionální regulace (Regolamentazione razionale), che sta preparando una campagna nazionale volta a fare pressioni sulla rappresentanza politica e quindi a contribuire in modo significativo all’adozione della legge sulla regolamentazione.

La campagna sta attualmente cercando il sostegno finanziario di aziende e investitori che riconoscono il potenziale della Repubblica Ceca di diventare il mercato della cannabis più attraente d’Europa.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Trovaci su logo Google NewsNewsE in altre lingue:Newsweed FranceNewsweed EspañaNewsweed Nederland

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed