Entra in contatto con noi

Il primo esperimento di distribuzione di cannabis in Europa “aprirà le porte al THC” in Svizzera

Pubblicato

su

Distribuzione di cannabis in Svizzera
PUBLICITE

La Svizzera è a poche settimane dal lancio del “primo progetto pilota di cannabis ricreativa con THC” in Europa, il primo di decine che dovrebbero aver luogo nel paese nei prossimi mesi.

Chiamato “Weed Care”, il progetto pilota sarà lanciato nella terza città più popolosa della Svizzera, Basilea, il 15 settembre e durerà fino a marzo 2025.

È l’ultimo passo di una verso la liberalizzazione della cannabis nel Paese, dopo che il mese scorso il Paese ha apportato significative modifiche ai regolamenti per allentare il restrittivo accesso alla cannabis medica.

Lino Cereghetti, CCO di Pure Production AG, il fornitore di cannabis per il progetto pilota, ha dichiarato a BusinessCann: “Se il CBD ha aperto le porte alla cannabis, questi progetti pilota apriranno le porte al THC”

PUBLICITE

Pilota per la cura delle erbacce

Il Dipartimento della Salute della Città di Basilea, le Cliniche Psichiatriche Universitarie di Basilea, l’Università di Basilea e Pure Production collaboreranno, insieme ad altre parti interessate come la piattaforma software svizzera per la gestione della conformità e della catena di approvvigionamento Cannavigia, per gestire il progetto pilota.

Circa 370 partecipanti, che devono avere più di 18 anni, risiedere a Basilea Città e fare uso di cannabis, prenderanno parte allo studio di due anni e mezzo.

Nel corso dello studio, questi partecipanti saranno intervistati regolarmente per determinare il livello del loro consumo di cannabis e i suoi effetti sulla loro salute fisica e mentale, “tra le altre cose”.

Secondo Cereghetti: “Uno degli obiettivi principali di questo studio è determinare se, in un mercato regolamentato in cui si ha la possibilità di scegliere, le persone scelgono prodotti che minimizzano il rischio. Perché se si rivolgono al mercato nero, ottengono solo un alto livello di THC, senza CBD.

PUBLICITE

Avranno accesso a quattro diversi prodotti floreali e a due diversi hashish, con vari gradi di contenuto di THC e inferiori al 20%.

Tutti i prodotti saranno forniti dalla Pure Production e saranno disponibili al “mercato nero” a prezzi compresi tra gli 8 e i 12 franchi svizzeri al grammo, che corrispondono all’incirca all’equivalente in euro.

Cannabis legale in Svizzera

I partecipanti potranno acquistare questi sei prodotti legalmente per la durata del progetto pilota – Credit Pure Holdings AG

Luc Richner, CEO di Cannavigia, ha aggiunto: “Nel prossimo progetto pilota a Basilea, i prezzi si basano sul contenuto di THC della cannabis e possono variare durante le prove.

gli studi alla base di queste sperimentazioni sono progettati per comprendere meglio gli effetti dell’accesso controllato alla cannabis sulla salute e sul comportamento dei consumatori e possono anche esaminare l’impatto sul mercato nero locale”. Tuttavia, le domande di ricerca specifiche saranno decise dai progetti di ricerca coinvolti”

I partecipanti potranno acquistare i prodotti in nove diverse farmacie in confezioni da 5 grammi e potranno acquistare fino a due confezioni alla volta.

Cannavigia fornirà anche il sistema di distribuzione per il progetto pilota, che vedrà i coltivatori “utilizzare il suo software per tracciare la loro coltivazione e distribuzione”, consentendo all’Ufficio Federale della Sanità Pubblica (UFSP) di “conoscere la quantità di cannabis prodotta”, e ai dispensari di “autenticare i partecipanti per garantire che solo coloro che sono approvati per la sperimentazione possano acquistare la cannabis”.

“A causa della legge sugli stupefacenti e dei requisiti di rendicontazione delle Nazioni Unite, è richiesta la massima conformità e trasparenza. Inoltre, i progetti pilota forniscono una base scientifica per una possibile legalizzazione futura”, ha spiegato Richner.

“Abbiamo sviluppato un’estensione del nostro software Cannavigia che fornisce le informazioni necessarie per entrambi gli aspetti. La trasparenza lungo tutta la catena di approvvigionamento crea fiducia in una futura legalizzazione della cannabis e fornisce un quadro realistico di come potrebbe apparire un’eventuale futura legalizzazione”

Altri studi in arrivo

Questi studi pilota sono stati resi possibili dalle alla legge federale sugli stupefacenti del 15 maggio 2021.

Mentre l’UFSP ha approvato il progetto pilota il 19 aprile di quest’anno, le università di Berna e Basilea avrebbero presentato domande per tali studi , il che avrebbe “messo in moto il processo politico”.

Sebbene si sia detto aperto all’idea, il governo è stato costretto a respingere queste proposte in quanto non esisteva un quadro giuridico per tali piloti.

L’emendamento dello scorso maggio ha stabilito tale quadro giuridico, consentendo la vendita controllata di cannabis a scopo ricreativo e di ricerca per 10 anni e fornendo un “ampio quadro di possibilità” volto a fornire una solida base fattuale per il miglior percorso normativo da seguire.

Secondo Cereghetti, Basilea, l’intenzione di implementare progetti pilota quando le normative sono cambiate lo scorso anno, ma Basilea è stata la più veloce.

Ora che lo studio di Basilea ha ricevuto il via libera, sono state presentate numerose richieste di studio da parte di altre città.

“Sono ancora in fase di elaborazione e saranno concesse tra uno, due o tre mesi, a seconda della data di presentazione e del grado di completezza di queste domande”

“Attualmente, sono circa 10 i progetti in Svizzera che hanno comunicato apertamente di aver iniziato a presentare o di avere in programma di presentare, e noi siamo coinvolti in molti di essi. Inoltre, abbiamo in programma di realizzare un nostro progetto pilota nel 2023”

Non solo si prevede l’avvio di molti altri studi nei prossimi mesi, ma si dice anche che sia in corso un nuovo tentativo di legalizzazione nazionale della droga a scopo ricreativo.

Dopo il fallimento del referendum sulla legalizzazione della coltivazione, dell’acquisto e del consumo di cannabis per uso personale nel 2008, che ha visto il 63% dei cittadini votare contro, Pure e altri partiti hanno lavorato per una seconda votazione pubblica.

Tuttavia, alla luce dei rapidi progressi compiuti sulla legge sulla cannabis terapeutica e sui progetti pilota, il gruppo “non vedeva più la ragione di un voto pubblico” e ha deciso di seguire una via parlamentare.

Nell’ottobre 2021, la Commissione per la sicurezza sociale e la salute del Consiglio degli Stati ha votato e la commercializzazione della cannabis per uso adulto.

Ora, una sottocommissione di nove persone della commissione ha tempo fino all’ottobre 2023 per redigere una legislazione che “regolamenterebbe la cannabis a scopo ricreativo in tutta la nazione”, e un gruppo parlamentare è stato istituito per “formarli nei prossimi 18 mesi”.

“Ciò significa che le persone che redigono la legislazione avranno una buona conoscenza della cannabis e degli errori, , da cui possiamo imparare.

“Quello che è successo nella percezione pubblica negli ultimi cinque anni in Svizzera è stato incredibile. Potremmo avere una regolamentazione completa del mercato della cannabis in Svizzera entro il 2025. Eppure questi progetti pilota si svolgeranno in parallelo”

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed