Entra in contatto con noi

Il Regno Unito respinge la legalizzazione della cannabis alle Bermuda

Pubblicato

su

Il rifiuto delle Bermuda di legalizzare la cannabis
PUBLICITE

Una delle prime azioni del nuovo Primo Ministro britannico Liz Truss è stata quella di rifiutare la legalizzazione della cannabis nelle Bermuda, nonostante il suo passato sostegno alla legalizzazione della cannabis.

Questo sviluppo non è preso alla leggera dagli alti funzionari bermudiani che lo vedono come una continuazione dell’era coloniale da parte del Regno Unito.

I legislatori delle Bermuda, territorio britannico dal XVII secolo, hanno approvato la proposta “faro” dell’amministrazione di legalizzare la cannabis all’inizio di quest’anno. Il governo delle Bermuda era in attesa di ricevere il “royal assent”, una firma ufficiale e monarchica, dal governatore del territorio nominato dal Regno Unito.

Il giorno in cui la signora Truss è diventata primo ministro del Regno Unito, il governo ha informato le Bermuda della decisione di “non dare l’assenso al disegno di legge così come è stato redatto”, ha annunciato Rena Lalgie, governatore delle Bermuda. Il Regno Unito ha detto di non poter dare il suo consenso a causa della sua interpretazione dei trattati internazionali che proibiscono agli Stati membri di legalizzare la cannabis per motivi diversi dall’uso medico o scientifico, anche se lo ha fatto per il Canada.

PUBLICITE

Ciononostante, martedì il procuratore generale delle Bermuda ha dichiarato in una dichiarazione che il governo avrebbe portato avanti la riforma nonostante il rifiuto del parere conforme.

“Deludente ma non sorprendente, visti i limiti del nostro rapporto costituzionale con il governo britannico e la loro interpretazione arcaica delle convenzioni sulle droghe”, ha dichiarato il procuratore generale Kathy Lynn Simmons. “I cittadini delle Bermuda hanno espresso democraticamente il loro desiderio di un regime di licenze per la cannabis regolamentato, dopo un forte sostegno alle urne e un ampio processo di consultazione pubblica”

“Il governo delle Bermuda intende continuare a portare avanti questa iniziativa, nella piena misura dei suoi poteri costituzionali, in linea con il nostro impegno per le elezioni generali del 2020”, ha dichiarato Simmons.

Dettagli del disegno di legge

Secondo la proposta delle Bermuda, verrebbe creata un’autorità di regolamentazione della cannabis per gestire la concessione di licenze alle imprese di cannabis e fare raccomandazioni sulle politiche future. Gli adulti di età pari o superiore a 21 anni potranno possedere fino a sette grammi in un “luogo pubblico”, o più se in possesso di un tipo di licenza valida. L'”intenzione” del disegno di legge è quella di dare priorità alle licenze per coloro che sono stati colpiti in modo sproporzionato dalla guerra alla droga.

PUBLICITE

Le tasse riscosse dai licenziatari coprirebbero i costi di gestione del programma e le entrate potrebbero essere distribuite per sostenere i programmi di trattamento delle droghe, la formazione dei licenziatari nella coltivazione e la ricerca scientifica sulla cannabis.

Nelle Bermuda, la cannabis terapeutica è stata legalizzata a seguito di una sentenza della Corte Suprema del 2016 che consente alle persone di richiedere una licenza per possedere e consumare legalmente cannabis a scopo terapeutico. Anche il possesso di fino a sette grammi di cannabis è depenalizzato.

Cosa succede dopo?

Il governatore Rena Lalgie, nel frattempo, ha dichiarato di aver “informato il premier e di aver riferito il continuo desiderio del Regno Unito di lavorare con le Bermuda sulle riforme nell’ambito dei nostri obblighi internazionali”.

“Il Segretario di Stato per gli Affari Esteri, del Commonwealth e dello Sviluppo ha concluso che il disegno di legge, nella sua attuale stesura, non è coerente con gli obblighi del Regno Unito e delle Bermuda ai sensi della Convenzione Unica sugli Stupefacenti del 1961 e della Convenzione sulle Sostanze Psicotrope del 1971”, ha dichiarato.

La signora Lalgie aveva già dichiarato a maggio che il Regno Unito “sta attualmente sostenendo e assistendo alcune Dipendenze della Corona e altri territori d’oltremare nello sviluppo di politiche e legislazioni in linea con le convenzioni pertinenti”.

“Spero che i funzionari bermudiani lavorino con quelli britannici per trovare una via d’uscita che non comporti una sconvolgente fedina penale per i consumatori di piccole quantità di cannabis e che liberi opportunità commerciali, mantenendo l’eccellente reputazione delle Bermuda per quanto riguarda il rispetto dello stato di diritto”, ha dichiarato all’epoca.

Il premier delle Bermuda, David Burt del Partito Laburista Progressista, non ha reagito immediatamente al rifiuto del parere conforme, ma all’inizio dell’anno aveva avvertito che se il Regno Unito avesse ostacolato la legislazione, avrebbe “distrutto le relazioni che abbiamo con il Regno Unito”.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed