Entra in contatto con noi

In Indonesia, la legalizzazione della cannabis terapeutica è guidata dalla lotta di una madre per suo figlio

Pubblicato

su

Lotta per la cannabis terapeutica in Indonesia
PUBLICITE

La legalizzazione della cannabis terapeutica in Indonesia è riemersa dopo che una madre di nome Santi ha chiesto apertamente la cannabis terapeutica per suo figlio Pika, affetto da encefalite giapponese, una malattia virale trasmessa dalle punture di zanzara.

Santi Warastuti aveva già presentato una petizione giudiziaria per rivedere la legge sugli stupefacenti dell’Indonesia insieme ad altre due donne alla Corte costituzionale del Paese nel novembre 2020, ma non è stata accolta.

“Questa cannabis medica è urgente per me, perché Pika, la mia bambina, non è ancora libera dalle sue crisi”, ha detto Santi a margine di una protesta la scorsa settimana. La sua foto con il cartello “Aiutate mio figlio a ottenere la cannabis terapeutica” è diventata virale sui social network indonesiani.

Una rigorosa politica di proibizione

Il pika avrebbe bisogno di olioCBD, ancora illegale in Indonesia. A maggior ragione, la cannabis per uso medico è in conflitto con la legge 35/2009 sugli stupefacenti.

L’articolo 8, paragrafo 1, di questa legge chiarisce che l’uso di narcotici di classe I, come la cannabis in Indonesia, è vietato, anche nel contesto dell’assistenza sanitaria.

PUBLICITE

Anche la ricerca sui farmaci di classe I può essere effettuata solo dopo aver ottenuto l’approvazione del Ministro su raccomandazione del capo dell’Agenzia di sorveglianza degli alimenti e dei farmaci. In questo regolamento, la cannabis è inclusa nella Classe I delle droghe insieme a eroina, cocaina, oppio, foglie di cocaina, jicing, catinone, ecstasy e altri 65 tipi.

La politica del governo si basa sulla decisione delle Nazioni Unite di includere la cannabis nell’elenco IV della Convenzione unica sugli stupefacenti del 1961.

Tuttavia, nel dicembre 2020 ci sono stati dei cambiamenti. La Commissione delle Nazioni Unite per gli Stupefacenti (CND) ha rimosso la cannabis da questa lista, il che potrebbe avviare un cambiamento in Indonesia.

Il governo lancia la revisione della legge

Le discussioni sulla legalizzazione della cannabis terapeutica in Indonesia sono tornate sul tavolo alla fine di maggio. Una commissione governativa ha messo in discussione l’atteggiamento del governo nei confronti degli stupefacenti per scopi medici.

Asrul Sani, membro della Commissione III della Camera dei Rappresentanti indonesiana, ha ammesso di aver ricevuto molti suggerimenti dal pubblico sull’uso della cannabis per scopi medici.

“Non possiamo negare che, in una certa misura, la cannabis possa essere parte della medicina. Ora, fino a che punto il governo aprirà lo spazio per questo?”, si è chiesto Asrul.

Nel 2017, Fidelis Arie Sudewarto, un dipendente pubblico, è stato arrestato per aver piantato 39 piante di cannabis dalla National Narcotics Agency (BNN).

La cannabis è stata coltivata per curare la moglie Yeni Riawati, a cui era stata diagnosticata la siringomielia, la crescita di cisti nel midollo spinale. La moglie morì 32 giorni dopo l’arresto di Fidelis da parte del BNN.

Rispondendo alla dichiarazione, il Vice Ministro della Legge e dei Diritti Umani Eddy O.S Hiariej ha affermato che l’obiettivo della legge sugli stupefacenti non è solo quello di sradicare il traffico di droga, ma anche di garantire la disponibilità di farmaci per la ricerca e la salute.

“Questo significa che c’è un aspetto sanitario qui, quindi è possibile che, ad esempio, la cannabis per uso medico possa essere utilizzata…”.

In un’intervista, il vice presidente della Commissione III della Camera dei Rappresentanti indonesiana, Desmond Junaidi Mahesa, ha detto il 28 giugno che avrebbe rivisto la proposta di revisione della Legge n. 35/2009 sugli stupefacenti per legalizzare eventualmente la cannabis medica

“Esamineremo innanzitutto il valore dei benefici e dei danni. Dagli studi di cui sono a conoscenza, risulta che il valore dei benefici sanitari ed economici è straordinario, mentre i danni sono molto bassi”, Desmond

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed