Entra in contatto con noi

Juicy Fields “ha tutte le caratteristiche della mafia russa” e ha probabilmente sottratto “fino a 500 milioni di euro”

Pubblicato

su

Truffa di Juicy Fields
PUBLICITE

Le conseguenze del fallimento di Juicy Fields continuano a crescere a ritmo vertiginoso da quando gli investitori hanno denunciato l’impossibilità di accedere ai loro fondi a metà luglio.

Anche se forse non si riuscirà mai a spiegare completamente cosa è successo nella società e, soprattutto, dove sono finiti i fondi degli investitori, ora comincia a emergere un quadro chiaro della portata e della sofisticazione di questa truffa.

Un avvocato specializzato in questo tipo di truffe, che sta organizzando una class action per conto di centinaia di investitori di Juicy Fields, ritiene che si tratti “di gran lunga della più grande truffa in Europa da molti, molti anni a questa parte”, con tutte le caratteristiche della mafia russa e una perdita potenziale di oltre 700 milioni di euro.

Questo quadro in rapida evoluzione, oltre alle dimensioni della truffa, rivela un quadro molto più ampio di complicità da parte di individui, aziende e istituzioni finanziarie chiave che ne hanno permesso la realizzazione.

PUBLICITE

La truffa

Lars Olofsson, CEO della società svedese di consulenza legale, investimenti e gestione aziendale PRIO Startup, ha dichiarato a BusinessCann che da quando un cliente gli ha chiesto informazioni su Juicy Fields, tre settimane fa, ha parlato con più di 1.500 investitori “in una forma o nell’altra”.

La società di class action di Lars Olofsson è “specializzata in questo tipo di frode” da oltre un decennio e sta attualmente lavorando su una serie di casi simili, tra cui la piattaforma di micropagamento Plipp, la società di telemarketing Koncepta e il venditore di dispositivi per la perdita di peso Victus Medical.

La scorsa settimana, sulla base del numero di investitori in contatto con lui e degli oltre 500 bonifici bancari che aveva visto, Lars Olofsson ha stimato che circa 30.000 persone avevano perso denaro con Juicy Fields, investendo in media tra i 10.000 e i 12.000 euro.

Pochi giorni dopo, a seguito di un nuovo afflusso di investitori colpiti, la stima è salita a 120.000 persone in tutto il mondo, con la maggior parte delle nuove vittime che hanno investito in media 40.000 euro.

PUBLICITE

“È assolutamente sconvolgente, e noi siamo avvocati incalliti che ne hanno viste di tutti i colori”, ha detto.

Ha fatto notare che queste cifre si basano esclusivamente sulle prove dei bonifici bancari che ha visto, quindi non tengono conto delle migliaia di investitori che hanno perso bitcoin, aggiungendo che “l’investitore medio di criptovalute ha (investito) il doppio rispetto ai pagamenti in contanti”.

Combinandoli, egli stima che gli investitori abbiano probabilmente perso più di 700 milioni di euro in investimenti, aggiungendo che si trattava di “non meno di 500 milioni di euro”.

Anche se l’entità delle perdite può sorprendere, Lars Olofsson afferma che il fatto che Juicy Fields si sia rivelato una truffa non è una sorpresa.

“Quando guardo al modello di business, ai semi, alla coltivazione e alla vendita di queste piante all’industria farmaceutica, i conti non tornano: l’equazione non torna. E poi, quando approfondisco la configurazione, ci sono tutte le caratteristiche di un progetto di truffa”.

Tutti i tratti distintivi della mafia russa

In particolare, Lars Olofsson afferma che, dal suo punto di vista, questo caso è “al 100%” opera della mafia russa e ha tutte le caratteristiche della mafia russa.

Innanzitutto, un tema comune alle truffe della mafia russa è l’improvvisa sparizione dell’azienda, compresi i siti web, le linee telefoniche, gli indirizzi e-mail e gli account dei social media, tutti ben documentati nel caso di Juicy Field.

Tuttavia, è fondamentale che “si lascino dietro persone che comunicano ancora su varie piattaforme di social media”, informando gli investitori che ci sono stati problemi temporanei o difficoltà tecniche e che il loro denaro sarà presto restituito.

“Cercano di far credere alle persone che non sono state truffate, che ci sono ancora persone che rispondono e dicono cose rassicuranti. Questa è una delle sofisticazioni della truffa.

Oltre a varie corrispondenze agli investitori tramite i social media nelle ultime settimane, Juicy Fields ha contattato gli investitori negli ultimi giorni nel tentativo di confondere ulteriormente le acque.

La comunicazione della società ribadisce che l’accusa che Juicy Fields sia uno schema Ponzi “non potrebbe essere più lontana dalla verità” e che le conseguenze sono opera di un attore disonesto, Friederich Graf von Luxburg.

Lars Olofsson afferma che questa dichiarazione, rilasciata il 28 luglio, è quasi un “copia e incolla degli annunci fatti in altri due casi che abbiamo gestito”.

Questi continui messaggi servono anche a seminare il “ragionevole dubbio” tra i procuratori che ci sia stata “una buona intenzione, ma qualcuno ha frodato” gli investitori.

Un altro indicatore chiave del coinvolgimento della mafia russa è il legame di Juicy Fields con Cipro, dove, secondo un’intervista rilasciata al quotidiano online spagnolo elDiario.es nel maggio di quest’anno, la società aveva un conto bancario.

Si dice che Cipro sia la “sede offshore preferita in Europa” per gli investimenti della mafia e degli oligarchi russi, come spiegato in un servizio della BBC all’inizio dell’anno, che ha definito l’isola la “Mosca del Mediterraneo”.

I documenti trapelati, ora prontamente disponibili nei vari gruppi di Telegram di Juicy Fields, suggeriscono anche che Paul Bergolts, Alex Vaimer e Vasily Kandinski, che secondo l’ex CEO Alan Glanse controllavano la rete, erano tutti in possesso di passaporti russi.

Tuttavia, secondo Lars Olofsson, è improbabile che questi tre fossero più che luogotenenti del sistema e che avessero poco a che fare con la progettazione dell’operazione.
bandiera rossa.

Inoltre, cita “diverse conferenze sulla cannabis credibili in tutto il mondo”, tra cui ICBC, Mary Jane Berlin Expo, Kannasur, PTMC e molte altre, che hanno annoverato Juicy Fields tra gli sponsor, come motivo fondamentale per non “dubitare della loro credibilità”.

“Kannabyte ha sofferto economicamente per le conseguenze di Juicy Fields. Abbiamo fatture non pagate con Juicy Fields che non sono state saldate e al momento probabilmente rimarranno tali”

“Inoltre, gli eventi di Juicy Fields hanno richiesto un’enorme quantità di tempo e risorse da parte del management di Kannabyte, mentre cerchiamo di capire cosa sia successo esattamente, quali siano i prossimi passi legali contro Juicy Fields e mentre cerchiamo di essere il più reattivi possibile nei confronti della nostra comunità, che vuole maggiori informazioni e sta cercando di capire, come Kannabyte, cosa sia successo esattamente a Juicy Fields”

Le banche

Lars Olofsson afferma di voler chiamare a rispondere tutti coloro che “hanno girato la testa e sono stati compiacenti”, ma il suo obiettivo immediato saranno le banche.

Ha dichiarato: “Le banche sono i principali facilitatori di questa truffa. Ci sono anche diversi altri facilitatori, sia singoli che aziende. Ma il mio primo obiettivo, il frutto a portata di mano dal mio punto di vista di avvocato, sono sicuramente le banche”

A suo avviso, l’infrastruttura di sicurezza utilizzata dalle istituzioni finanziarie internazionali per rilevare le attività sospette avrebbe dovuto segnalare Juicy Fields e impedire che molte di queste transazioni avessero luogo.

Poiché la maggior parte delle transazioni con Juicy Fields avveniva oltre confine, in ognuna di esse erano coinvolte tre banche: la banca mittente, la banca trasferente e la banca ricevente.

Secondo Lars Olofsson, queste banche dispongono di un sistema di “monitoraggio e valutazione di questi pagamenti” che utilizza algoritmi complessi e sofisticati per segnalare qualsiasi attività sospetta.

Non appena viene rilevata un’attività sospetta, queste banche sono tenute a presentare un rapporto di attività sospetta (SAR) all’autorità di condotta finanziaria del governo locale. Una banca media presenta centinaia di migliaia di segnalazioni all’anno, il che dà un’idea della sofisticazione di questo sistema.

Sulla base dei documenti a cui ha accesso, Lars Olofsson stima che circa il 95% delle transazioni di Juicy Fields sia passato attraverso questo sistema, ma che “forse non più del 2%” avrebbe dovuto essere approvato.

“In base alla mia esperienza, e sono specializzato in regolamenti e conformità internazionali, il 98% o il 99% di tutte le transazioni avrebbe dovuto essere rilevato da questo sistema di sicurezza”

“Per questo ho bisogno di quanti più dati possibili da tutti gli investitori. Cerco di trovare una transazione specifica, poi la rintraccio nel sistema e vedo se è risultata un’attività sospetta e perché non è stato creato un rapporto SARS”

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed