Entra in contatto con noi

No, la cannabis non è più pericolosa del tabacco

Pubblicato

su

Studio su cannabis e tabacco
PUBLICITE

La scorsa settimana, uno studio canadese è stato ripreso dai media con “la cannabis è più dannosa per i polmoni del tabacco”.

Ma lo studio non dice questo. Ecco cosa è emerso dallo studio.

Nessun fumatore di cannabis è stato incluso

Regola numero uno sugli studi pubblicati di recente: Leggete voi stessi i risultati. A meno che la fonte dell’informazione non sia chiaramente indicata, siate scettici sulle conclusioni tratte da nuove ricerche finché non le esaminate voi stessi.

In questo caso, una rapida occhiata allo studio in questione – “Chest CT Findings in Marijuana Smokers“, pubblicato il 15 novembre sulla rivista Radiology – rivela un problema importante.

PUBLICITE

I risultati della radiografia del torace non erano quelli dei fumatori di cannabis. Erano di fumatori di tabacco che fumavano anche cannabis. Nello studio non sono stati inclusi fumatori di sola cannabis.

Lo studio conclude inoltre che il modo in cui è stato impostato “limita la nostra capacità di trarre conclusioni solide”.

Come è stato condotto lo studio

L’autore principale dello studio, un radiologo diagnostico dell’Ottawa Hospital in Ontario, Canada, ha scritto: “Lo scopo di questo studio era di usare la TC del torace per indagare gli effetti del consumo di cannabis sui polmoni. Abbiamo cercato di determinare se vi fossero sequele identificabili sulle immagini della TC del torace, tra cui enfisema e segni di infiammazione delle vie aeree”

Per creare i gruppi di test, i ricercatori hanno esaminato le cartelle cliniche dei pazienti visitati tra il 2005 e il 2020. Lo studio afferma: “Sono stati identificati 33 pazienti esclusivamente fumatori con una TC del torace eseguita tra aprile e giugno 2019”

PUBLICITE

“Se veniva identificato il consumo di cannabis, il paziente veniva escluso” dal gruppo dei fumatori di tabacco, “aggiunto al gruppo dei fumatori di cannabis e veniva selezionato un nuovo paziente”

In altre parole, lo studio non ha confrontato fumatori di tabacco e fumatori di cannabis. I ricercatori hanno invece confrontato solo i fumatori di tabacco con i fumatori di tabacco che fumavano anche cannabis. Non c’era un gruppo che fumava cannabis ma non tabacco.

Fumare sigarette e cannabis non è probabilmente una buona idea

Quindi lo studio non ha rilevato che “la cannabis può danneggiare i fumatori più delle sole sigarette”. Ma questa è la conclusione che è stata ripresa da diversi siti.

Copertura stampa dello studio

Infatti, gli autori dello studio hanno scoperto che non è salutare fumare sia tabacco che cannabis. “Gli autori dello studio hanno riscontrato un ispessimento bronchiale nel 64% dei fumatori di cannabis rispetto al 42% dei fumatori di solo tabacco, nonché una condizione che porta a un eccessivo accumulo di muco nel 23% dei fumatori di cannabis rispetto al 6% dei fumatori di solo tabacco”.

Non è chiaro se ciò valga più per chi fuma sigarette e cannabis separatamente o per chi mescola il tabacco alla cannabis.

Quali sono i risultati degli studi precedenti?

Un uno studio del 2007 ha trovato un legame tra enfisema e altri problemi polmonari nei fumatori di cannabis e nei non fumatori, ma il tabacco o le sigarette non sono stati inclusi nella ricerca.

Un altro studio condotto nel 2012 dall’Università dell’Alabama a Birmingham (UAB) ha concluso che “il fumo di marijuana (non) è dannoso per i polmoni come il fumo di sigaretta”, con un campione molto più ampio e una metodologia più rigorosa.

“I dati hanno dimostrato che anche fino a livelli moderatamente elevati di utilizzo – uno spinello al giorno per sette anni – non c’è alcuna evidenza di riduzione del flusso d’aria o dei volumi polmonari”

Lo studio dell’UAB ha rilevato: “Ai livelli di esposizione alla cannabis comunemente riscontrati negli americani, il consumo occasionale di cannabis era associato a un aumento del flusso d’aria polmonare e della capacità polmonare”, ha detto il ricercatore principale dello studio. Tuttavia, “questi aumenti non erano grandi, ma erano statisticamente significativi”, secondo lo studio pubblicato.

Questo studio riconosce che l’esposizione al fumo per tutta la vita può ancora essere dannosa, ma anche che i consumatori pesanti di cannabis a lungo termine non sono facili da trovare per gli studi, dato l’incerto status legale della pianta.

Lo studio dell’UAB è stato finanziato dal National Heart, Lung and Blood Institute. Si tratta di un progetto di ricerca a lungo termine che ha coinvolto più di 5.000 uomini e donne bianchi e neri di Birmingham, Chicago, Minneapolis e Oakland, con l’obiettivo di esaminare lo sviluppo e i fattori determinanti delle malattie cardiovascolari e dei relativi fattori di rischio. I partecipanti sono stati reclutati quando avevano tra i 18 e i 30 anni e sono stati seguiti dal 1985 al 2006.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed