Entra in contatto con noi

Norvegia: verso una riforma della cannabis medica?

Pubblicato

su

Riforma della cannabis medica in Norvegia
PUBLICITE

La Norvegia, uno degli Stati più cauti in Europa quando si tratta di liberalizzare la cannabis, ha recentemente tenuto un incontro pubblico per discutere l’accesso alla cannabis terapeutica.

L’evento, che si è svolto a Oslo il 20 gennaio 2023, ha riunito politici di tutto lo spettro politico, oltre a professionisti della salute, rappresentanti dei pazienti e stakeholder del settore.

Secondo MedCan Norway, che ha organizzato l’evento insieme a Normal Norge e FTR Oslo, si è trattato del primo evento di questo tipo nel Paese, che rappresenta i “primissimi passi” verso la riforma.

Con la prima conferenza norvegese sulla cannabis terapeutica che si terrà quest’anno e gli studi sulla cannabis terapeutica in corso all’Ospedale Universitario di Oslo, la Norvegia potrebbe presto mettersi al passo con i suoi vicini sulla cannabis.

PUBLICITE

Cannabis in Norvegia

Il piccolo Paese scandinavo, con una popolazione di poco più di 5,4 milioni di abitanti, è uno dei circa 15 Paesi europei ad aver legalizzato tecnicamente la cannabis terapeutica.

Nel 2016, l’Agenzia norvegese per i medicinali ha approvato il Sativex di GW Pharma per il trattamento della sclerosi multipla, emanando al contempo nuove linee guida per un quadro specifico di approvazione della cannabis medica.

Sebbene sia chiaro che altri prodotti sono disponibili “in circostanze speciali”, rimane incredibilmente difficile per qualsiasi paziente accedere alla cannabis terapeutica.

Secondo un’indagine annuale condotta dall’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT), in collaborazione con l’Istituto norvegese di sanità pubblica, poco meno di un quarto (24,5%) della popolazione norvegese di età compresa tra i 16 e i 64 anni ha provato la cannabis almeno una volta nella vita, e il 5,3% ha dichiarato di averne fatto uso negli ultimi 12 mesi.

PUBLICITE

Un’altra indagine condotta da Norml Norge ha suggerito che i consumatori di cannabis a scopo terapeutico rappresentano circa il 29% del totale dei consumatori di cannabis nel Paese, e solo circa il 5,9% di loro la ottiene dal proprio medico, mentre solo lo 0,8% se la fa consegnare in una farmacia norvegese.

A causa delle difficoltà nell’ottenere la cannabis terapeutica, il 72,4% dei pazienti la ottiene al mercato nero, mentre il 3,8% la coltiva da sé e l’1,5% la acquista all’estero.

Il CBD è anche classificato come farmaco da prescrizione in Norvegia, il che significa che è possibile acquistare solo quantità limitate di CBD con una prescrizione medica e non è possibile ordinarlo privatamente, nel paese o all’estero.

Nonostante ciò, nel 2017 la Norvegia è sembrata guidare i suoi vicini in termini di riforma delle droghe, quando ha votato per la depenalizzazione delle droghe e per concentrarsi sulla riduzione dei danni e sul trattamento piuttosto che sulla punizione. Tuttavia, queste riforme progressive sono state respinte tre anni dopo, nel 2021.

Barriere all’accesso

Secondo Norml Norge: “La cannabis terapeutica è tecnicamente legale in Norvegia, ma è estremamente difficile da ottenere, e i medici ne sanno poco o diventano del tutto ostili ai pazienti che cercano un trattamento. Di conseguenza, molti norvegesi si fanno curare nei Paesi Bassi o in Danimarca”

Thomas Skovlund Schnegelsberg, CEO di Stenocare, intervenuto in entrambi i panel del recente evento di Oslo, spiega che sono stati sollevati diversi ostacoli.

Dopo aver parlato con uno dei tre politici presenti della mentalità norvegese sulla cannabis, ha detto di avere “la sensazione che in Norvegia si venga rapidamente stigmatizzati se si è un paziente che si auto-medica con la cannabis terapeutica”.

“Se i medici, per caso, si accorgono che vi siete auto-medicati, verrete di fatto inseriti nella lista nera, il che significa che ci saranno molte offerte di trattamento che non riceverete mai”

Logo Stenocare

Logo Stenocare

Ha poi aggiunto che, secondo quanto emerso dalle discussioni tra gli operatori sanitari presenti, tra cui Sigurd Hortemo dell’Agenzia norvegese per i medicinali, l’ente responsabile dell’approvazione dei nuovi prodotti, molti pareri continuano a basarsi su ricerche pubblicate più di dieci anni fa.

Un libro bianco pubblicato nel 2012 “concludeva che gli effetti collaterali erano troppo gravi”, poiché all’epoca c’erano poche ricerche “che potessero supportare l’utilità e il valore della cannabis medica”, quindi l’idea di una riforma era “totalmente scartata”.

“Quindi questo è ancora il punto di partenza, a distanza di dieci anni, ma nel corso del dibattito è stato anche detto che si attende la pubblicazione di un nuovo Libro Bianco, molto probabilmente quest’anno. Naturalmente, si baserà su tutte le nuove ricerche e prove pubblicate da allora”, ha aggiunto Schnegelsberg.

Passi verso il progresso

Il dibattito “sobrio”, “basato sull’evidenza” e “incentrato sul paziente” ha evidenziato chiaramente i problemi che il settore deve affrontare in Norvegia, ma ha anche offerto la speranza che il cambiamento possa essere imminente.

La presidente di MedCan Norway, Julie Welde, ha dichiarato a BusinessCann : “La situazione in Norvegia è molto poco chiara al momento e molti pazienti stanno perdendo le loro prescrizioni.

“La conoscenza della cannabis come medicina in Norvegia è in generale molto bassa, ed è per questo che non viene quasi mai prescritta. Questo è ciò che MedCan Norway vuole cambiare.

Il gruppo afferma che sta lavorando a una serie di iniziative per diffondere le conoscenze a “medici, politici e chiunque lavori nel campo della salute”, tra cui il lancio di ulteriori eventi nel corso dell’anno.

“Stiamo anche pianificando e sperando di organizzare la prima conferenza norvegese sulla cannabis terapeutica nel 2023”

Inoltre, l’ospedale universitario di Oslo ha chiesto un finanziamento per avviare uno studio sulla cannabis terapeutica, che potrebbe avere un impatto significativo sugli atteggiamenti prescrittivi nel Paese.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Trending

Trovaci su logo Google NewsNewsE in altre lingue:Newsweed FranceNewsweed EspañaNewsweed Nederland

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed