Entra in contatto con noi

Un nuovo decreto rafforza i controlli sull’uso non medico della cannabis in Thailandia

Pubblicato

su

Un furgone per l'erba in Thailandia
PUBLICITE

Il Ministero della Sanità pubblica thailandese ha emesso un nuovo decreto per rafforzare i controlli sull’uso della cannabis a fini commerciali, di ricerca, di studio e di esportazione.

Il testo, entrato in vigore nel fine settimana, sostituisce quello emanato il 16 giugno, ampiamente criticato perché troppo permissivo e aperto agli abusi.

Secondo il nuovo decreto, solo il fiore della cannabis è classificato come parte controllata della pianta – a differenza delle foglie, che possono essere usate in modo più ampio, per esempio in cucina – e chiunque voglia ricercare, studiare, esportare, vendere o lavorare l’erba a livello commerciale deve ottenere un permesso ufficiale e rispettare le relative condizioni.

È vietata la vendita di cannabis in qualsiasi forma a studenti, minori di 20 anni, donne incinte o madri che allattano.

PUBLICITE

Eventuali additivi come le foglie devono essere chiaramente indicati dai ristoranti. Se i piatti sono cucinati con la cannabis, i ristoranti devono indicarlo chiaramente, sia che si tratti di fiori che di foglie di . In caso contrario, i consumatori possono fare causa ai ristoratori e ai proprietari di aziende.

Le vendite attraverso i distributori automatici o i furgoni, come quello illustrato in testa a questo articolo, sono ora vietate. È vietato anche il consumo nei locali commerciali, a meno che la vendita non sia effettuata da medici, operatori di medicina tradizionale o medici rurali certificati e per uso medico.

È vietata qualsiasi forma di pubblicità a fini commerciali.

La cannabis non può più essere venduta nei parchi pubblici, nei parchi di divertimento, nei templi, nei luoghi di culto o negli ostelli.

PUBLICITE

Nel Paese sono già state distribuite circa 5000 licenze di vendita.

La regolamentazione finale della cannabis, il Cannabis Act, è ancora attesa da coltivatori e rivenditori di cannabis. L’arrivo è previsto per l’inizio del 2024.

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed