Entra in contatto con noi

Colombia: La commissione del Congresso approva il progetto di legalizzazione della cannabis

Pubblicato

su

Legalizzazione della cannabis in Colombia
PUBLICITE

La prima commissione della Camera dei Rappresentanti colombiana ha approvato nel primo dibattito il progetto di legalizzare la cannabis per uso adulto in Colombia.

Losada, autore della proposta di legge, ha chiesto al Presidente Gustavo Petro di sostenere la sua iniziativa. “Lascia che si uniscano a questo progetto e che si svolga un ampio dibattito che ci permetta di avanzare con una legislazione potente che regoli la cannabis per uso adulto in Colombia, che crei un mercato legale per la cannabis e che garantisca i diritti e le libertà dei cittadini”, ha detto il parlamentare.

In quanto atto legislativo, il disegno di legge dovrà passare attraverso altri sette dibattiti al Congresso. L’Assemblea ha tempo fino al 16 dicembre per approvare i tre dibattiti rimanenti del primo turno.

Se non riuscirà a raggiungere il tasso di approvazione del 50% prima della fine della legislatura, il disegno di legge sarà messo in attesa.

PUBLICITE

Tuttavia, Losada è ottimista: “Siamo fiduciosi che il disegno di legge possa passare in tutta la Camera dei Rappresentanti. Il sostegno che la nostra proposta di legge ha ricevuto è davvero travolgente e crediamo che in questo nuovo governo, molto più aperto, liberale e progressista, questa iniziativa avrà successo e finalmente regolamenterà la cannabis per uso adulto nel Paese”, ha detto.

Per il suo autore, il rappresentante Juan Carlos Losada, si tratta di un messaggio forte che il Congresso invia oggi, perché, secondo lui, non ha senso che i colombiani possano coltivare e consumare cannabis, essendo entrambi gli usi depenalizzati, ma non abbiano il diritto di acquistarla legalmente su un mercato regolamentato.

Il progetto di legge mira, tra l’altro, a modificare l’articolo 49 della Costituzione politica, che vieta il possesso e il consumo di sostanze stupefacenti o psicotrope. In particolare, esenterebbe da questo divieto le persone maggiorenni che possiedono o consumano cannabis e i suoi derivati.

Allo stesso modo, se approvata, la proposta attribuisce allo Stato la responsabilità di prestare particolare attenzione ai consumatori che hanno un rapporto problematico con le sostanze stupefacenti o psicotrope. Lo Stato dovrebbe quindi sviluppare “campagne di prevenzione permanente contro l’uso di droghe o stupefacenti e i loro effetti nocivi a favore dei consumatori”, si legge nella proposta.

Per il rappresentante Losada: “Solo attraverso la regolamentazione possiamo affrontare il problema criminale generato dall’illegalità, solo attraverso la regolamentazione possiamo affrontare la macchina da guerra dei jíbaros e dei narcotrafficanti. Questo progetto non è un favore ai trafficanti di droga, al contrario, il favore è mantenere il proibizionismo della cannabis, il profitto è nell’illegalità del prodotto che viene venduto. È lì che si svolge il business della droga”.

Dal 1994, la Corte Costituzionale ha stabilito che il possesso e il consumo di sostanze stupefacenti sono azioni che avvengono nell’esercizio del diritto al libero sviluppo della personalità e dell’autonomia della persona e che non devono essere sanzionate, anche perché, di per sé, il possesso e il consumo non ledono i diritti di altre persone (Sentenza C-221 del 1994).

Aurélien ha creato Newsweed nel 2015. Particolarmente interessato ai regolamenti internazionali e ai diversi mercati della cannabis, ha anche una vasta conoscenza della pianta e dei suoi usi.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Trending

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed