Entra in contatto con noi

Storia della cannabis

Da dove viene la proibizione della cannabis?

Fino alla fine del proibizionismo sugli alcolici negli Stati Uniti, era possibile fumare erba in tutto il mondo senza preoccupazioni. Da allora, la visione americana e la sua influenza sulle istituzioni internazionali hanno guidato la percezione globale della cannabis. La proibizione della cannabis ha una storia ed origini abbastanza recenti . Ecco qui.

PUBLICITE

Negli Stati Uniti, nel 1930, periodo di proibizione dell’alcol, un uomo di nome Harry J. Anslinger fu nominato capo del National Bureau of Narcotics (FBS). Tre anni dopo, quando il presidente Franklin Roosevelt abolì il proibizionismo e la sua posizione fu minacciata, Harry Anslinger dovette trovare un nuovo terreno di gioco. Il nemico era la marijuana, all’epoca considerata l’oppio dei messicani. La sua posizione ultra-radicale contro la pianta gli permise di rimanere in carica fino al 1962, quando raggiunse l’età massima per la sua posizione.

Inganno economico

Dal 1934 in poi, indurì le sue parole e usò i mass media per attaccare la pianta e i suoi effetti. Era sostenuto dal magnate dei giornali William Hearst, che possedeva la sua agenzia di stampa, l’International News Service, e giornali a Boston e Chicago.

Film come Reefer madness ” e “Marihuanna, erba con radici all’inferno ” uscirono nel 1936. A quel tempo, però, c’erano solo circa diecimila fumatori negli Stati Uniti. Il capo della DEA ha fatto dichiarazioni aggressive e ha cercato di influenzare un’intera generazione di americani. I giornali a volte titolavano con storie come: “Giovane dipendente dopo sei mesi di fumo ha massacrato la sua famiglia con un’ascia”, “La marijuana porta al lavaggio del cervello, al pacifismo e al comunismo” o “Fuma uno spinello e sei pronto ad uccidere tuo fratello” Ad Anslinger si attribuisce anche la teoria dell’escalation alle droghe pesanti, la connotazione negativa della parola “marijuana” (con sfumature razziste, come se Donal Trump imitasse un messicano), il mito della dipendenza da cannabis e il sovraffollamento delle prigioni che è costato miliardi ai contribuenti americani.

Dal punto di vista commerciale, William Hearst usa carta a base di legno per i suoi giornali, che affronta la forte concorrenza della carta a base di canapa. Du Pont, un’azienda industriale chimica e tessile, si unì alla lotta contro l’erba. Du Pont, il creatore del nylon, vedeva l’industria tessile di canapa come un concorrente fastidioso. Per eliminare il nemico bisognava asciugarlo economicamente. Aslinger ha quindi presentato al Consiglio il Marijuana Tax Act del 1937 . Nonostante l’opposizione dell’industria medica e del sindaco di New York, alla fine tutti i settori economici che utilizzavano la canapa sono scomparsi.

PUBLICITE

Guerra alla droga

Nel 1951 negli Stati Uniti, chiunque fosse sorpreso a possedere o usare erba era passibile di una pena detentiva da 2 a 5 anni

La guerra alla droga continuò nel 1961 quando le Nazioni Unite stilarono una lista di sostanze proibite. La politica internazionale sulle droghe, potenziata dagli interessi di Nixon nel 1971, mirava a sopprimere il più possibile la produzione illegale e a rintracciare i consumatori. L’idea è di ridurre l’offerta, aumentare i prezzi e spaventare i clienti per ridurre il consumo. Al contrario, il consumo è esploso con la fine della guerra del Vietnam. I prezzi aumentarono, ma i trafficanti prosperarono e crebbero.

Il presidente Carter, successore di Nixon, approvò una legge federale che permetteva ai consumatori con piccole quantità di marijuana di evitare la condanna. I presidenti successivi avrebbero mantenuto la “Guerra alla droga” fino a quando il terrorismo non è sembrato un po’ più pericoloso.

Dopo 70 anni di fallimenti, gli americani iniziarono a cambiare la loro politica sulle droghe. L’immagine del fumatore malvagio e malconcio sta cominciando a svanire e le aziende si stanno buttando in questa nuova industria. La cannabis sarà mai permessa ovunque?

PUBLICITE

Theo Caillart

Newsweed è il primo media francese sulle notizie legali e mondiali sulla cannabis - © Newsweed